LA STORIA DEI PRESCELTI

 

 

8. LA BESTIA – IL SEGRETO DI CLEO, Cavaliere DELLA DARK STAR – ZAGUR, IL DISTRUTTORE

 

Capitolo 42

 

Mentre tutti festeggiavano Michelle, bisognava che qualcuno parlasse della imminente nuova minaccia! Non si poteva far finta di nulla! Infatti, Pegaso, interrompendo la bella scena disse: “E’ vero!! Ora c’è gioia! La rinascita di Michelle a nuova vita, ci ha portato nuova luce e speranza… Però, adesso dobbiamo scendere con i piedi per terra!! Michelle, forse tu non hai sentito quanto Greg ci ha detto prima!! Egli ci ha parlato di una nuova tempesta in arrivo… una minaccia cupa!!” Cleo, voltandosi ridendo verso tutti disse: “Proprio un cavallo alato ci dice di scendere con i piedi per terra? Questa è davvero bella!! AHAHAHA!!” Ma Zoor, gli saltò addosso e lo graffiò ad una mano dicendo: “Smettila Cleo!! Miao!! Dimmi… MIAO, forse non ti ricordi più le tue bruttissime esperienze? Miao? Si sta parlando della Bestia!! Miao!! Te la ricordi oppure no? Miao?” Il Prescelto del gatto, diventò bianco in un momento, e disse: “Certo Zoor!! Però… le mie parole servivano per sdrammatizzare!! So bene quello che ho, e che ti ho fatto soffrire!! Non c’era bisogno che mi graffiassi per ricordarmelo!!” Cleo, nel dire così, si mise a piangere, tanto forte, che Clara gli si avvicinò dicendogli: “Cleo!! Ora non sei più solo!! Però, adesso, ci devi raccontare tutto!!” La Prescelta, poi, rivolgendosi al suo allenatore disse: “E così devi fare anche tu con gli altri componenti dell’Elite che conoscono la Tigre Nera!! Dobbiamo sapere Pegaso!! Basta con i segreti!!” Fu Zoor a parlare: “Cosa c’è da dire oltre a quello che è stato già raccontato… Miao? Solo dolore… Miao!!” Greg, avanzò dicendo: “E’ una cosa terribile, amici miei!! Conosco quello che è accaduto a Dragur ed a Volpe, proprio per causa della Bestia!! Volpe, si era alleato con i demoni in quella vita… come certamente già sapete!! Fu lì che lui ha conosciuto parte dell’entourage di quel demonio nero!! Il demone che dava ordini a Volpe, a sua volta, prendeva ordini direttamente dalla Bestia!! Ma… Non è solo lei il male!! Dragur mi raccontò tutto nel periodo che fui Prescelto del drago… Vuoi andare avanti tu Dragur nel racconto?” Il drago rispose di si, ma esitava ad iniziare! Però, dopo qualche secondo disse: “Vedete… Si dice che ci sia un legame tra draghi e tigri!! Questo è vero! Infatti, la mia storia comincia proprio da lì!! In Cina, dove i draghi e le tigri vengono considerati animali sacri, si pensa che appartengano a due categorie di potere ben distinte!! Lo Yin e lo Yang!! Il drago, siccome rappresenta il fuoco, viene considerato Yin, mentre la tigre, che rappresenta l’oscurità, lo Yang!! Il simbolo di tali poteri, sicuramente lo conoscete tutti!!” Dragur, su una parete, vide quel simbolo (siccome in tutte le palestre di arti marziali e praticamente sempre presente), e lo indicò dicendo: “Eccolo…”

 

“Rappresenta gli opposti… il bianco ed il nero, il giorno e la notte, il male ed il bene, il fuoco e l’acqua, la vita e la morte!! Come noterete, a dividere i due spazi di diverso colore che sembrano due pesciolini che si mordono la coda, per dare il senso d’infinito, c’è una linea! Quella linea è l’equilibrio!! In definitiva, anche questo simbolo rappresenta l’AFTAES ma in modo diverso!! Tutti gli animali, dunque, possono essere suddivisi in due categorie… Partiamo dalla fenice!! Questo uccello rappresenta l’equilibrio, e perciò è la linea di divisione che separa e fa vivere in armonia le due parti… Tra gli animali principali creati da Jogi, ci sono dunque queste due categorie!! Gli animali, senza contare la fenice, sono sei! Il sei è un numero pari, vale a dire equilibrato!! Il drago, l’unicorno ed il cavallo alato, rappresentano la parte bianca del simbolo, cioè lo Yin, mentre il delfino, il gatto, e la volpe, la parte nera… lo Yang!! Questa differenza si vede anche nel modo d’attacco degli animali!! Infatti, gli animali Yin attaccano con colpi diretti ad un'unica parte del corpo, come i pugni… mentre gli animali dello Yang, graffiano e producono di solito lesioni a striscio!!  Come noterete, i due pesciolini hanno anche gli occhi!! Vengono rappresentati con il colore contrario al pesciolino… Beh… questo significa che in ognuno di noi esiste anche una parte contraria!!” Cleo sbiancò. “Dunque siccome Yang… io sarei il male?” Disse Ralph agitandosi, mentre Cleo avrebbe voluto chiedere la stessa cosa ma non osava… Dragur,  rispose al Prescelto della volpe: “No Ralph! Ci sono diversi modi per interpretare il simbolo!! Come puoi notare, le volpi, i delfini ed i gatti, e così anche tutti i felini, sono in prevalenza animali notturni, oppure, nel caso dei delfini, stanno in acqua dove il sole non può raggiungerli!! Ma ci sono anche delle eccezioni!! E’ questa la differenza!! Partendo da questo, e sapendo che ogni animale è stato creato dagli originali, si può fare questa distinzione!! Non esistono dunque, animali buoni o cattivi!! La differenza sta solo nelle loro abilità e come vengono usate!! Comunque questo era solo un preambolo per spiegare altro… Ho, purtroppo, conosciuto la Bestia, sfidando appunto la leggenda che parla dei draghi e delle tigri!!  Avevo, combattuto, e vinto un demone molto potente!! Un demone che si chiamava DRAGUR!! Una regola arcaica, prevede che se il vincitore di una battaglia vuole, può prendere il nome di chi ha battuto!! Dragur il demone, non è un drago ma una specie di felino molto pericoloso!! Io, ho preso il suo nome, a parte per orgoglio e trofeo, ma anche perché il suo nome ricordava molto il mio che è Draco!! Volli perciò impossessarmi del nome, in quanto mi piaceva, e conoscendo anche la leggenda che dice anche, che se il vincitore prendeva il nome del suo avversario, avrebbe anche preso il suo coraggio e la sua forza… decisi di fare questo passo!! Ma… evidentemente, qualcuno non era d’accordo con me!! Per dire il vero, neppure Pegaso e Phoenix erano contenti, ma alla fine accettarono… L’altra che non era d’accordo fu appunto la moglie del demone… la Bestia, che ordinò a Volpe d’attaccarmi!! Egli era stato, come sapete, temporaneamente sospeso dall’Elite, ed aveva affrontato così, parte della sua vita da volpe vera, senza memoria delle sue origini!! I demoni, mi portarono, rapendomi, nel vecchio ospedale, ma quando arrivò Volpe mi ero già liberato!! Poi… successe quello che già sapete!!”. I Prescelti rimasero stupefatti! Non potevano certo immaginare una cosa simile.

 

Nello stupore generale che regnava, Greg prese la parola, e senza girarci intorno disse: “Io conosco la tigre nera perché la sua parte da essere umana, veniva a prendere lezioni da me, proprio in questa palestra!! Era comunque evidente che non volesse solo imparare le arti marziali in quanto, credo che non ne avesse nessun bisogno… Lei cercava i Prescelti!! Io lo capii solo dopo un po’ di tempo… La tigre, più d’una volta, aveva manifestato l’intenzione di rimanere da sola con me!! Di solito, le lezioni si svolgono in gruppo, e così non accolsi subito la sua strana richiesta; ma il tempo passava… Lei, evidentemente, aveva percepito in me che ero stato un Prescelto!! Un pomeriggio, volli accontentarla poiché avevo notato in lei tecniche molto strane… Ero curioso!! Non avevo capito con chi avevo a che fare!!  Tutti i suoi compagni di gruppo erano terrorizzati da lei!! Qualcuno, aveva addirittura riportato, durante i combattimenti, delle ferite terribili, proprio come se avessero combattuto con un grosso felino!! In ospedale, a quel poveretto come ad altri, vennero messi anche più di dieci punti all’addome!! La Bestia da essere umana, si chiama Ely!! All’apparenza sembra una normale ragazza… ma quello che vidi quando restammo soli, mi fece completamente cambiare idea!! E’ molto agile ed è anche molto potente!! Appena fummo uno davanti all’altra, mi fece subito vedere le unghie delle sue mani!! Erano spaventose!! Poi, tutto ad un tratto, un’armatura nera ricoprì il suo corpo!! Mi disse chi era, presentandosi appunto con il nome di BESTIA!! Non so come spiegarlo… sembrava aver addosso l’aura, non solo di tigre ma anche di lince!! Due componenti in uno!! La tigre le dava la potenza, mentre la lince, la velocità, ed io aggiungerei anche la cattiveria!! Ora capisco perché Volpe, oltre a prendere ordini da altri demoni, aveva paura di lei!! Le volpi e le linci sono nemici naturali!!” Il povero Volpe, si mise a guaire. “… Però non è finita qui… Ely, era come posseduta!! Già!! Credo che la Bestia in realtà non ha corpo da essere umano, ma proprio come i demoni, si impossessa del corpo di chi può trattenerne l’energia!!” Qui Cleo rabbrividì e cominciò a tremare, guardando con preoccupazione tutti e soprattutto Zoor!!“… Dunque…” Continuò Greg: “…Ely si mostrò a me come Cavaliere!! Cavaliere dell’oscurità!! Mi attaccò subito, ed io non feci nemmeno in tempo a parare il suo colpo!! Vedete… vedete questa ferita… me l’ha fatta lei graffiandomi…” Il Cavaliere del drago, fece vedere ai presenti una lunga e profonda cicatrice sulla sua gamba! Era terribile! Clara, nel vedere quella lesione diventò bianca in viso e disse: “Io faccio di lavoro l’infermiera!! Ma non ho mai visto una ferita simile in tutta la mia vita!! Mio Dio!! E’ orrenda!!” Ralph, nel vedere quello spettacolo, stava quasi per svenire, ma Volpe gli disse: “Volpacchiotto… Devi resistere alla vista del sangue e delle ferite… Noi volpi… Beh… Lasciamo stare per ora…” Greg, continuò il suo racconto: “Sembrava finita per me… Non avevo via di scampo!! Provai con dei colpi da drago, ma quella, essendo molto agile, riuscì a schivarli tutti!!” “Ma come ti sei salvato?” Riprese Michelle, e Greg, sorridendo amaramente rispose: “La Bestia, era quasi riuscita ad arrivare al mio torace e ad infliggermi il colpo di grazia!! Era quasi lì, quando bloccò la sua graffiata mortale, dicendomi: ‘ … Tu non sei un Prescelto… Non sei il Prescelto del drago!! Li troverò e li ucciderò, e con loro anche Draco… che ha avuto il coraggio di sfregiare il nome del mio compagno Dragur…’ E dicendo così, uscì correndo dalla palestra, lasciandomi vivo ma con il disonore d’essere stato risparmiato!! Ecco perché volevo sfidare Joseph e prendere il suo posto!!”

 

Pegaso, nell’udire il terribile racconto di Greg, rimase per un istante senza parlare, ma poi, guardando con severità Zoor e Cleo disse: “Non potevo mai e poi mai pensare che oggi avrei scoperto tutto questo… In verità, ne avevo avuto il presentimento che qualcosa di questo genere stava per accadere!! Tre stelle!! Tre stelle come le tre piramidi d’Egitto!! Zoor!! So bene che voi felini avete connessioni molto strette con le piramidi… Ora, ci vuoi raccontare quello che sicuramente sai? Cleo… che genere di esperienze hai avuto collegate a quello che ci sta succedendo ora?” Il povero Cleo, guardò il suo allenatore con l’espressione spaventata! Sembrava quasi non volesse che Zoor raccontasse, ma, quello venendo avanti disse: “Miao… Si tratta d’una storia molto cruenta e terribile ed anche molto triste!! Miao!! Anticipo solo… Miao… che Cleo in questo combattimento, non dovrà solo usare l’aura di gatto… Miao! Serve qualcosa di molto più potente!! Miao!! E’ chiaro che deve vedersela lui con la Bestia… Miao… Deve mostrare la sua vera forma da Prescelto di etere!! Il Grifone… Miao!! Il leone alato!! Miao… Creatura di Jogi!! Miao!! Pensavo, durante quell’anno, che Cleo sarebbe morto!! Miao!! Vuoi continuare tu Cleo il racconto? Miao? E’ tempo che tutti sappiano… Miao…” Il Prescelto, con una voce tremolante rispose: “…Beh… Si Zoor!! Ma… Ancora non mi sento pronto ad usare il grifone!! Ho paura di quello che potrebbe succedermi… tu non sai…  ma io… Sai bene che non solo Ely, ma anch’io ho avuto… Oh!! E’ stato terribile! Mi pento di tutto quello che ho fatto!! Quando il nostro Dragur ha parlato prima dello Yang, ho compreso di non essere sempre stato buono!! Il mio terrore più grande è quello che si ripeta… e si ripeterà di certo… ciò che è successo circa due anni fa!! Io, ancora non sapevo d’essere il Prescelto del gatto!! Sapevo solo d’amare i felini in genere, e d’aver la possibilità di parlare con un gatto!! Il qui presente Zoor!! Ho quindi conosciuto il mio allenatore molto prima di tutti i Prescelti!! Ma per Zoor farsi vedere e non far capire nulla è facile!! I gatti sono comuni… Il mio allenatore, mi aveva in modo lieve, già spiegato qual’era il mio attuale compito e ruolo, ma io… io volevo ancor di più!! Di amici, io non ne avevo molti… Anzi, per dir la verità, quasi nessuno!! Tutti quelli che frequentavo, non si potevano di certo definire tali!! Erano i miei compagni di scuola!! Gente senza un briciolo d’amicizia, ma solo interesse!!  Per il resto, quelli sciagurati, si divertivano solo a farmi brutti scherzi anche molto pesanti!! Prendermi in giro e sfruttarmi, era il loro più grande divertimento!! Zoor questo lo sapeva!! Infatti, non mi lasciava mai, nemmeno di notte!! Soffrivo!! Zoor, comunque, mi disse che presto avrei incontrato due amici… Luke e Grace… E così è stato!! Però a quell’epoca ancora ero solo, e i soprusi e le offese dei miei compagni di scuola continuavano!! Zoor, mi indottrinò sulle mie reali capacità, e sui poteri dell’etere!! Queste lezioni minime, visto che ancora non mi ero mai allenato, mi fecero pensare… Iniziai ad informarmi molto alla leggera, sui felini e sulle svariate leggende che riguardavano questi animali!! Infondo… Zoor mi aveva detto che ero un gatto, e perciò potevo capire!! Lui, comunque, mi proibì di leggere alcune cose!!  Mi diceva che ancora non ero pronto e maturo per poter capire… Questo, anche da parte sua… mi fece molto male!! Il mio amico gatto, l’amico segreto che solo io potevo vedere, mi impediva, proprio come mia madre ed i miei compagni di scuola, di poter crescere, capire e progredire!! Mandai, dunque, a quel paese Zoor!! Ora lo vedevo come un ostacolo alla mia realizzazione!! Anche lui, pensai, mi prendesse in giro come tutti!! Lo scacciai!! Iniziai a leggere leggende, libri ed altre cose che trovavo qua e là!! Non sapevo che comunque, Zoor mi era ancora accanto non lasciandomi, aspettando il momento in cui avrei capito il mio errore… Già!! Ma purtroppo, quel giorno per me era ancora lontano!! Capii, ma capii in un modo totalmente distorto!! Ero sempre più arrabbiato!! Le mie ricerche mi portarono ad estraniarmi completamente da tutto e tutti!! Ora che pensavo di sapere… volevo capire sempre di più…. Ancora di più!! Sapevo che se avessi chiamato Zoor, egli sarebbe ritornato… ma, come ho detto prima, per me era solo un ostacolo!! Decisi, dunque, di cercare qualcosa di diverso, ma non sapevo come… Una notte… mi svegliai di soprassalto in camera mia… Avevo avuto una giornataccia!! I miei compagni di scuola… m’avevano fatto piangere!! Li odiavo!! Quell’odio che provavo, era talmente forte che, chiudendo gli occhi, con rabbia pensai: ‘ Voglio diventare forte!! Voglio avere conoscenza e potere!! Se c’è qualcuno che mi sente… Che si faccia avanti!! Io… Io non ho paura!! Io odio tutti!! Voglio distruggere chi non m’ha mai capito!! ‘ . Un tuono rimbombò nel cielo!! Un temporale si era abbattuto sulla città!! Aprii gli occhi, ma non mi sentivo più io!! Ero diverso!!   Qualcuno aveva ascoltato il mio odio!! Davanti a me, solo buio… Non vidi nessuno, ma una voce terribile mi disse: ‘ … Sono Dragur… Ti ho ascoltato, e sarai mio… sarai mio, come Oscar… Ma tu sei diverso da lui… mi darai molte soddisfazioni!! Ti do il potere dell’oscurità… ma devi portarmi vittime!! Mi nutro della loro paura!!  Paura e dolore!! Ecco… ecco quello che mi è accaduto…” Cleo nel dire così interruppe il racconto mettendosi a piangere in modo dirotto. Unix, prendendo la parola disse: “Così, come credo di capire, quel Dragur si impossessò di te? Giusto Cleo?” Zoor rispose: “Proprio così… miao!! Cleo da quel momento, non fu più lo stesso ragazzo gentile e buono che conoscevo… Miao… Non avevo fatto in tempo per impedirlo!! Miao!! Ero solo… Miao!! Avevo capito che un demone aveva preso Cleo… Miao!! Cominciò a picchiare violentemente i suoi compagni, graffiandoli proprio come una pantera!! Miao!! Per fortuna, forse perché il mio Prescelto è buono, fu contattato da un’altra creatura… Un altro essere… Un altro demone gli entrò in corpo!! Miao!! Un gattino!! Un certo Veleno, che poi scoprii essere il figlio di Dragur avuto con la Bestia!! Miao!! Lui, mitigava la rabbia di Cleo e la possessione di Dragur suo padre… Miao!! Infatti, quando Dragur non c’era, c’era lui!! Miao! Oh!!  Cleo fu maltrattato da Dragur in modo fisico e psicologico!! Miao!! Anche con la Bestia, Cleo aveva combattuto, Miao… Ed io ho dovuto difenderlo con il mio corpo da essere umano!! Miao!! Fu lì che m’ha visto in quella forma per la prima volta…  Miao!! Ma Veleno, lo aiutava a superare il dolore!! Anche lui… Miao, era maltrattato dal padre … Miao… Poi… d’un tratto, Miao, Dragur scomparve, e Cleo ritornò ad essere quello che era sempre stato!! Miao!!” Cleo, nel sentire questo, sembrò voler dire altro ma non osava… Pegaso, disse: “Ora… Ora è giunto il momento d’affrontarli di nuovo!!  Prescelti!! Tornate alle vostre abitazioni ed attendete ordini!!  Un’altra lunga e dura battaglia ci attende… Attende soprattutto Cleo!! Mentre… per quanto riguarda te, Greg, hai agito per una giusta causa!! Ti do l’ordine d’allenare il piccolo Nicolas, fratello minore di Joseph!! Resterai comunque Cavaliere del drago infuocato… anche perché hai aiutato Joseph e gli altri Prescelti, a raggiungere un nuovo stato della loro aura!! Hai insegnato a Joseph a raggiungere il fuoco plasmatico!!” “Ed io aggiungerei, che hai fatto completare al mio Prescelto, il suo addestramento da fenice!!” Aggiunse sorridendo Phoenix. Zoor, disse a Cleo: “Miao… Cleo… Tu dovrai allenarti… Miao!! Allenarti da grifone… Miao!!” Cleo, asciugandosi gli occhi rispose: “… Si!! Lo so!! Ma… forse…” “Non c’è forse… Miao!!” Disse il gatto al suo Prescelto.

 

Greg si fermò ancora un po’ a parlare con Joseph e Nicolas, e Ralph con Michelle, dissero al Prescelto del drago, che lo avrebbero aspettato fuori dalla palestra, insieme alla tenera Clara, mentre gli altri, preoccupati, andarono via… Soprattutto Cleo…

 

 

Capitolo 43

 

I Prescelti, sfiduciati dall’imminente battaglia, ritornarono alle loro case, e Joseph con Clara e Michelle, decisero di andare a casa del Prescelto della volpe per distendersi un po’. Per strada, i quattro amici ripensavano ai fatti che erano accaduti, ed ancora non credevano d’aver affrontato così tanti rischi! Clara, rivolgendosi a Joseph disse: “Mi stavi per lasciare un’altra volta!! Ma perché? Perché devi sempre essere così irresponsabile?” Joseph, guardando la Prescelta, teneramente disse: “Oh Clara!! Combatto anche per te!! Vedi… credo che l’amore che provi nei miei confronti è talmente grande da non farti vedere la realtà!! Siamo Prescelti!! Ed anche tu lo sei… Dimmi… Se un giorno, tu dovessi difendermi, non rischieresti la tua vita?” Quella con gli occhi lucidi disse: “Oh Si!! Certo!!” Joseph, nel sentirla parlare così, sorrise e disse: “Vedi… Anche tu lo faresti… Ma… il nostro compito non termina solo per la difesa tra noi due!! Dobbiamo difendere tutti!!” Clara, strinse a se Joseph, ancora dolorante, e lo baciò. Ralph, nel vedere i due innamorati si commosse. Michelle, prese la parola dicendo: “Basta con queste smancerie!! Si! E’ vero!! Joseph è stato un eroe… ma… nessuno pensa a me? Sono stato io a gettarmi nel plasma!!” Ralph, si voltò verso di lui e disse: “Già… a proposito di irresponsabilità… Ma cosa ti è saltato in mente? Perché, proprio tu, che non ci credevi, e tremavi alla sola vista di Volpe, ora hai iniziato a parlare come un Cavaliere navigato? Ma… vi ricordate? Vi ricordate quando si lamentava di non aver visto nulla, e ci chiamava bugiardi?” Clara e Joseph, si misero a ridere, e Michelle mise il muso e non parlò fino all’arrivo in casa di Ralph.

 

Arrivati, il Prescelto della volpe, girò la chiave e tutti entrarono. Arrivarono nella stanza dove erano soliti riunirsi, e cominciarono a discutere tra di loro. Alla fine, Michelle non ne poté più di stare zitto e disse: “Ragazzi!! Ormai, io sono  cambiato!!  Mi stupisce che ancora non l’abbiate capito!! SONO RINATO!! E questo è il ringraziamento per ciò che ho fatto?” Joseph, nel sentirlo parlare così disse: “Sei uno stupido!! Ecco quel che sei!! Ora te lo posso dire!! Non lo fare mai più!!” “Già… Perché solo tu puoi fare sacrifici idioti…” Disse Clara: “Vai a dire agli altri di non fare stupidaggini, e poi sei il primo… Joseph… Nessuno di noi dovrà mai più fare cose simili!!” Joseph, abbassò la testa dicendo: “Se ho parlato a Michelle in questo modo è solo perché gli voglio bene, così come ne voglio a tutti voi, e specialmente a te Clara!! Ora… ora, lasciatemi stare!! Sono stanco e ferito, e ho paura!!” Clara, nel sentire questo, si avvicinò a lui e gli disse di togliersi la maglietta. Ralph nel sentire questo disse: “Cosa avete intenzione di fare qui in casa mia? Non vorrete per caso…” Michelle diventò rosso, ma Clara disse: “No Ralph… Non ho intenzione di fare ciò che pensi… voglio solo guarire Joseph!!” Il Prescelto della volpe, tranquillizzato da questa risposta, tirò un sospiro di sollievo, e Joseph si tolse la maglia. Era davvero combinato male! Bruciature su tutta la schiena e sul torace, per non parlare delle braccia. “Non posso di certo tornare così a casa…” Disse il Prescelto del drago: “Cosa potrei raccontare ai miei genitori?” Clara, avvicinandosi a Joseph, constatò la gravità delle ferite e disse: “Qui non servo solo io… Michelle!! Mi dai una mano tu con i tuoi poteri da fenice?” Quello, disse: “Certo!! Ma Joseph, comunque, mi deve delle scuse!!” Il Prescelto del drago disse: “Credo di averti già detto prima tutto quello che ti dovevo dire…” Michelle, a questo punto, voltandosi verso Clara disse: “Dovrei trasformarmi in fenice… Comunque non fateci l’abitudine!! A me non piace piangere!! Piangere è segno di debolezza!!” “Non è segno di debolezza piangere…  Michelle!! Si piange per diversi motivi!! Uno di questi è l’amore e l’amicizia!!” Disse Phoenix, che intanto era arrivato sentendo le parole di Clara! Con lui c’erano anche Dragur, Pegaso e Volpe. Così, ripreso dalle parole del suo allenatore, Michelle si trasformò, e Clara prese nelle sue mani le lacrime scaturite dagli occhi del Prescelto, ed usando il potere curativo di Pegaso, con una luce bianca, molto intensa, guarì tutto il corpo di Joseph, mentre Dragur aggiustò con delle manovre molto particolari e dolorose le ossa del suo Prescelto. Volpe, stringendosi a Ralph disse leccandolo: “Siete straordinari!! Oh volpacchiotto!! Non cambiate mai!! Siete ancora dei ragazzi!! Ma ora avete la consapevolezza d’essere forti e degli eroi!!” Ralph, nel sentire questo aggiunse: “Comunque… non dobbiamo mai dimenticare di essere ancora quei ragazzi impauriti!! Nessuno… nessuno riuscirà mai a dividerci!!” La guarigione di Joseph fu completa! Era proprio vero! I Prescelti, sette amici accomunati, non solo dall’amicizia, ma anche da quel ruolo, erano completamente cambiati! Quella responsabilità li aveva fatti crescere! All’inizio erano solo ragazzi… ma ora erano diventati uomini…

 

Cleo, era ancora in strada! Non voleva ritornare a casa, perché, proprio lì, era cominciata per lui la paura! Dragur, il demone, non solo aveva preso la sua anima facendone quello che voleva, ma aveva lasciato al Prescelto anche una dura condanna. Di questo, non ne aveva mai parlato con nessuno! Neppure con Zoor! Il poveretto, ancora sentiva le parole del demone felino, dette durante l’ultima battaglia con lui: “Bravo!! Hai eseguito tutti i miei ordini, facendo del male a chi ti ha fatto soffrire!! Sarai perciò mio Cavaliere!! Combatterai al mio fianco!! Sarai Cavaliere DI CAT!! Ora ti lascio… Avrai molto da fare… Ma… RITORNERO’ quando sarà il momento!! Mio Cavaliere!!” Ecco! Ecco qual’era il terribile segreto di Cleo! Egli era diventato inconsapevolmente Cavaliere di DRAGUR! Per strada, il poveretto non si dava pace! Avrebbe dovuto contattare qualcuno… i Prescelti oppure Zoor… così, preso da mille pensieri, prese il cellulare e provò a chiamare Ralph, visto che con il Prescelto della volpe si era instaurata una bella amicizia, però… riuscì a fare solo uno squillo e poi riagganciò! Aveva paura! Cosa sarebbe successo se i restanti Prescelti avessero saputo? E l’Elite? Così, continuò a camminare per strada tra mille pensieri…

 

Intanto, Ralph, avendo ricevuto lo squillo di Cleo, prese il cellulare, ed alla richiesta di tutti di dire chi era, il Prescelto della volpe rispose: “…Era Cleo!! Mah… Forse avrà sbagliato numero!! Però… però, nonostante credo che non sia in difficoltà… sento pericolo!!” Volpe, guardò Ralph negli occhi…

 

Cleo, preso da uno sconforto senza limiti, vedendo una chiesa, vi entrò. Non era mai stato un assiduo praticante, ma ora, aveva bisogno di quiete e di conforto! Facendosi il Segno di Croce, entrò e si sedette su un banco. Intorno a lui, tanti fedeli in preghiera. Poi, voltandosi verso la sua sinistra, vide un uomo con un giaccone rosso, che smettendo di pregare, lo guardava pieno di curiosità. Cleo, naturalmente fece finta di nulla, ma quello gli rivolse la parola: “Vedo che sei triste!! Ma non devi esserlo!!” Cleo, guardò l’uomo e gli disse: “… Forse lei non conosce i miei problemi!!  Sono incasinato!! Vede… faccio parte d’un gruppo di ragazzi molto uniti!! Non posso spiegarle di più!! Ci difendiamo a vicenda anche al costo della vita!! Però… però io… io non sono esattamente quello che credono!! Solo Dio conosce il mio segreto!! Spero che gli altri non lo vengano mai a sapere…” L’uomo sgranò gli occhi, ma poi disse con voce calma: “Cosa hai fatto di così terribile per non poter dire nulla ai tuoi amici?” Cleo, aveva tanta voglia di dire a qualcuno il suo intimo segreto, e vedendo in quello sconosciuto una persona di cuore, finalmente, si liberò dal suo tormento: “Eh! Fra un po’… io, non sarò più io!! Ah!! Se non avessi avuto la scelleratezza, quella volta, d’invocare… lasciamo perdere… Lei, lei mi sembra un brav’uomo!! Voglio fidarmi… In fondo, i gatti dicono sempre la verità!!”  L’uomo, guardando Cleo, disse: “E’ proprio vero… i gatti dicono sempre la verità!!  Comunque di me ti puoi fidare… Magari… qualche tempo fa, no… ma ora si!! Come vedi, anch’io mi sono dato alla preghiera!! Già! Devo scontare tutte le brutte azioni che ho compiuto!! Vedi… ho chiamato FALLITI chi invece mi ha aiutato!! Ma… lasciamo stare me…” Cleo, non capì con chi stava parlando! La sua mente era confusa ed impaurita! Cominciò, quindi a parlare: “Non voglio che mi prenda per matto… Però… vede… ho invocato un demone per disperazione…” Quello, sgranò di nuovo gli occhi dicendo: “Ah!! E chi? Ah!! Già Dra…” Disse l’uomo interrompendosi sul più bello. Cleo, nemmeno allora s’accorse, e disse: “Si! Dragur!!  Ma non il drago… Ma lei lo conosce?” L’uomo cercando di correggersi, disse: “No!! Non conosco quello che hai detto (menomale)!! Volevo dire solo… Ah già… Ma… dimmi… Cosa ti ha portato ad invocare un demone felino?” Cleo, si mise a raccontare piangendo tutta la sua storia, non pensando di dire anche dei segreti sui Prescelti, cosa che non avrebbe mai dovuto fare! “… Ed ora…” Disse l’uomo stringendo a sé il ragazzo: “Ed ora… perché sei preoccupato?” Cleo, si distaccò dicendo: “Non mi tocchi!! Sono un maledetto!! Il motivo è che Dragur si rimpossesserà di nuovo di me… ma questa non è la cosa più grave! Come le ho spiegato, io sono un Prescelto, ma il demone pantera, mi ha nominato anche suo Cavaliere!! Lui… lui mi ha chiamato ‘ Cavaliere di Cat ‘ !! Capisce… Come faccio? Io… Io… ora ho capito!! Sono cambiato!! Il ruolo di Prescelto è totalmente incompatibile con l’essere Cavaliere di quel demonio dannato!! Ah…  Proprio tra poco… noi Prescelti, dovremo combattere contro Ely… Cioè il Cavaliere della Bestia, moglie di Dragur!! Ora comprende? Io Dovrei attaccare i miei amici!! Dovrei aiutare la tigre nera!! Ma sono un Prescelto!! Ecco… Ecco perché piango e mi dispero!! Non lo posso dire né all’Elite, e né agli altri Prescelti!! La pena… la pena di questo pseudo tradimento… già lo so, è la morte!! Però, se non li tradisco… saranno  Dragur e la Bestia a farmi fuori!! Come posso fare?” L’uomo diventò di tutti i colori! Aveva ascoltato una confessione così grave, che non poté per diversi secondi, nemmeno respirare! Ma dopo, prendendo fiato disse: “… Cosa vuoi che ti dica? Forse, sarebbe meglio scappare!! Io avrei fatto così… Comunque, potresti chiamare Zoor… Lo devi avvertire!! Vedrai… vedrai, l’Elite troverà una soluzione…” Cleo, che nel suo racconto, non aveva menzionato Zoor, si voltò verso l’uomo e gli disse: “Ma lei, come fa a conoscere Zoor?” Quello, tentò di scappare, ma Cleo, facendo due calcoli, e soprattutto, ricordandosi di quello che lo sconosciuto aveva raccontato di sé, disse, bloccandolo per un braccio: “…Tu… prima ha detto che ha chiamato qualcuno con il nome di FALLITI, e che ha commesso molti errori… Chi sei? Sei per caso la parte d’essere umano di Koseidos?” Quello, dandogli uno strattone, corse via, e, dopo aver attraversato la porta della chiesa, si trasformò in volpe, girandosi per un istante verso Cleo, per poi scomparire per le strade della città. Il Prescelto del gatto, si trovò in piedi, in mezzo ai banchi, circondato da tanta gente che lo guardava! Aveva capito l’errore che aveva fatto! Anche lui, bianco come un cencio lavato, corse via dalla porta della chiesa. Ora il poveretto era nei guai… Certamente Koseidos sarebbe andato da Pegaso per dire tutto! Con angoscia, pensò d’andare a casa di Ralph, per cercare di fare qualcosa…

 

Ralph, intanto era rimasto solo con Volpe. Joseph, Clara e Michelle con Pegaso, Dragur e Phoenix se ne erano già andati. “Volpe… Quando Greg ci ha fatto vedere la sua ferita, tu mi hai detto delle parole molto strane che non ho capito bene!! Mi vuoi spiegare, ora che siamo soli, cosa volevi dire?” Chiese Ralph al suo allenatore, e quello, che non s’aspettava la domanda del Prescelto, drizzò le orecchie per lo stupore, e poi, girando la sua bellissima coda davanti alle zampe anteriori, mettendosi seduto, disse: “Ehm… Dunque volpacchiotto… Non è molto facile…” “Molto facile cosa?” Incalzò il ragazzo, mentre Volpe, girando lo sguardo, forse cercando le parole adatte, gli disse: “Vedi Ralph… Noi volpi, siamo animali molto teneri, però, non si deve mai dimenticare che siamo una specie selvatica, quindi, non domestica!! Credo che tu non abbia mai letto il racconto del Piccolo Principe e la sua straordinaria lezione… Il Piccolo Principe, viveva su un piccolissimo pianeta!! Con lui, vivevano solo una rosa, ed appunto una volpe!! Il Piccolo Principe, voleva a tutti i costi addomesticare la volpe, ma, quella, con un bellissimo monologo… gli rispose che era impossibile, poiché non era un animale domestico…” Ralph, innervosendosi, rispose poco educatamente a Volpe: “Conosco la storia Volpe!! Non farmi la lezione di narrativa!! Spiegami, piuttosto, le tue parole…” Volpe, guardò negli occhi Ralph, e poi, abbassando le orecchie gli disse: “Oh volpacchiotto mio!! Fratellino!! Avrei dovuto già da un po’, spiegarti delle cose… Ti ricordi, quando con Koseidos, hai eseguito il colpo di Venere? Non ti ricordi cosa hai provato nel farlo?” Ralph rabbrividì ricordando, e disse: “… Certo Volpe!! E’ stata una cosa terribile!! Ho sentito tutte le interiora di Koseidos e le ossa frantumarsi sotto la pressione della mia mano!! A pensarci ora… mi viene da vomitare… però…” Volpe, nell’udire il ‘ però ‘ di Ralph disse: “Continua volpacchiotto!! Però cosa?” Ralph, con le lacrime agli occhi disse quasi vergognandosi, spostando lo sguardo da quello del suo allenatore: “Però… ti giuro che non avrei mai voluto!! Ma… come ti dicevo… nel sentire quello che ti ho detto, ed i lamenti di quella creatura… Oh no!! Non voglio mai più provare una cosa simile!!” Volpe, leccandolo disse: “Dai!! Non aver paura!! Dimmi tutto!!” “… Ne ho goduto Volpe!! Oh!! Come ho fatto a provare quella sensazione… Sono un mostro!!” Volpe, con molta tenerezza, leccò le lacrime al suo Prescelto, e poi, facendosi accarezzare disse: “No volpacchiotto!! Non sei un mostro!! Sei una volpe!!  Vedi… Per quanto piccoli possiamo essere, noi volpi, resteremo sempre dei predatori!! Noi mangiamo carne!! Ed in prevalenza, carne viva!! Oh Ralph… Quello che hai provato tu, è un istinto naturale…” Ralph, nel sentire questo, disse con ribrezzo: “Ma che razza d’istinto da killer è? E, perché, ora, provo disgusto per quello che ho fatto? Non ci posso credere… Godo nel vedere il sangue sgorgare per causa mia, e poi, proprio come il famoso coccodrillo del proverbio, piango per quello che ho fatto e provato!! Non solo… Poi, posso pure creare terremoti dal nulla con estrema facilità, e poi, ne ho il terrore!! Ma che razza d’animale è la volpe? Come possiamo essere così spietati e, nello stesso tempo così teneri e meravigliosi?” Nel dire così, Ralph si mise a piangere, e Volpe disse: “E’ proprio questo che volevo dirti in quella palestra!! Oh volpacchiotto mio!! Ancora, evidentemente, non sei pronto per…” “Per? Continua Volpe…” Disse Ralph alterandosi, e quello, esitando disse: “… Per…”…

 

In quel preciso momento, Ralph e Volpe udirono suonare al campanello. Ralph, alzandosi dal divano ed asciugandosi gli occhi disse: “Oh!! Chi mai può essere a quest’ora? Comunque… Volpe… poi continueremo a parlare… Ci sono cose che devo assolutamente sapere!!” Così, il Prescelto della volpe, s’avviò per aprire. Arrivato davanti alla porta, girò la maniglia, e vide davanti a se una figura d’un ragazzo! Si vedeva bene, anche dal suo sguardo, la disperazione e la paura, nonché anche una gran tristezza! “Cleo… Ma, cosa ci fai qui tutto solo? Non ci sono Luke e Grace con te?” Disse Ralph riconoscendolo, e quello, stando sulla porta, non aveva né il coraggio di parlare e né d’entrare! Dopo qualche secondo disse: “No Ralph!!  Sono solo… Almeno per ora!! Fammi entrare!! Ho bisogno di parlarti!! Devo confidarti cose sconvolgenti… prima… prima che le dica Koseidos!!” “Koseidos? Cosa centra lui? Ma… entra! Vieni!! Non restare fuori!!” Cleo, mise il piede dentro casa, ma poi, con una strana foga disse: “Chi c’è con te? Forse Michelle, Joseph?” Ralph rispose: “Oh no!! Non c’è nessuno, a parte Volpe che è venuto per farmi visita!!” Il Prescelto del gatto, nel sentire questo, diventò bianco in viso e provò a scappare fuori dalla casa di Ralph, ma il Prescelto della volpe, lo fermò tirandolo dal giaccone dicendo: “Ma Cleo… Perché ti comporti così? Entra!! Entra e spiegami tutto!!” Quello, vedendosi costretto, con gli occhi lucidi, entrò in casa. Andarono in salotto, e Volpe, vedendo Cleo disperato, si girò da Ralph, dicendo: “Avevi ragione volpacchiotto, a dire che avvertivi pericolo…” Il Prescelto della volpe, guardò il suo allenatore come per dare conferma, e poi, fece accomodare Cleo. “Dimmi…  Cosa ti è successo? Hai la cera di chi ha visto un fantasma… Stai bene?” Disse Ralph, e Cleo disse: “Dammi un bicchiere d’acqua!! Sento di star male… Ralph!! Però… devo avvertirvi prima io… Menomale!! Ho fatto in tempo… Koseidos non è ancora arrivato…” Volpe nel sentire così, disse: “Koseidos? Ma di cosa ci doveva avvertire?” “Già! E’ da quando che sei entrato che parli di lui!! Ma… non è che ti ha attaccato?” Disse Ralph, mescendo in un bicchiere dell’acqua, ma Cleo, prendendo velocemente la dissetante bevanda dalle mani del Prescelto della volpe, disse: “Oh no!! Al contrario!! Però… il pericolo, credetemi, non è lui!! Ah!! Come sono disgraziato!! Ah!! Come ho potuto fare quello che ho fatto? Non mi sono reso conto di star parlando proprio con lui!! HO DETTO TUTTO capite?” “Ma, non c’è da preoccuparsi…” Disse Volpe: “… A parte il fatto che è una volpe, ma poi Koseidos ormai è uno dei nostri, ed anche se hai detto dei Prescelti, non è successo nulla, anche se, in realtà, potevi evitare di parlare…” Ma Cleo, interruppe Volpe dicendo: “Io… ho parlato si, dei Prescelti… ma non solo!! Ho parlato di una cosa ancora più grave!!  Una cosa che riguarda me!! Oh!! Poveretto che sono!! Non dovrei dirlo neppure a voi… Ma lo devo fare… Ora siete in pericolo!!” “Perché dici ‘ siete ‘ , visto che sei Prescelto anche tu?” Rispose Ralph, che già presagiva che qualcosa di terribile sarebbe dovuta verificarsi. Cleo, proruppe in pianto, tanto che Volpe disse: “Adesso basta, Prescelto del gatto!! Ti ordino, in qualità di componente dell’Elite, a spiegarci tutto quello che è successo!!” Cleo, con quelle parole, non si calmò, anzi aumentò il suo pianto disperato. Ralph, guardò in cagnesco Volpe, e si avvicinò a Cleo per rincuorarlo, ma quello disse: “Non mi toccare Ralph!! Io… io potrei farti del male!!  Se sono venuto qui, è per dirvi, io, di persona, cosa posso diventare a momenti!! Non permettete, vi prego, che Koseidos riferisca quello che sa a Zoor ed a Pegaso!! Io.. io sono…” All’improvviso, si udì una voce che disse: “… Cavaliere di Dragur!! E’ questo che non dovevo dire a nessuno Cleo?” Era Koseidos, che cercando Volpe, il primo posto che gli venne in mente, fu proprio la casa del Prescelto della volpe. “Cosa?!” Urlarono Ralph e Volpe all’unisono. “Come sarebbe a dire… Koseidos? Ma cosa dici? Questo non è possibile!” Disse Volpe rivolto a suo fratello. Quello, mettendosi seduto all’uso delle volpi, disse: “Ah!! Alopex!! Purtroppo quel che dico è verità… Una verità sconvolgente!! Cleo stesso me lo ha confidato!! Ma ora… Cleo, vuoi dirci tutto? Vuoi spiegare anche ad Alopex ed a Ralph come stanno le cose?” Quello, con gli occhi sgranati, si mise a raccontare nei minimi dettagli, tutto quello che aveva già detto a Koseidos, ma questa volta, non risparmiandosi di raccontare anche particolari agghiaccianti di quello che aveva compiuto ai suoi compagni di scuola! Cose orribili! Torture e sangue… tanto sangue! Raccontò pure di certi eXperimentes, che Dragur gli aveva fatto, e che lui, aveva fatto provare anche ad un suo cugino… un certo Oscar, che aveva, anche lui, avuto la scelleratezza, od il destino di evocare Dragur! Ma… quello che sconvolse ancor di più Volpe e Ralph, furono queste parole: “… Adesso capite? Se Zoor mi farà espandere, come ha detto, in grifone, Dragur, il demone pantera, prenderà di nuovo il controllo su di me, che,  siccome Cavaliere, dovrò combattere al fianco di Ely la Bestia, e non ci sarà scampo per voi!! Lo stato da grifone, consentirà a Dragur di sfruttare in pieno i miei poteri da Prescelto!! Questo stava aspettando quel maledetto!! Ecco!! Ecco cosa m’accadrà tra poco… E solo Dio sa quello che Dragur mi farà fare!! Ho paura!! Ho paura come non ne ho mai avuta prima!! Non ditelo a nessuno!! Non voglio far del male!! Io… io sono buono!! Sono un PRESCELTO di SAGEM e di JOGI!!” Volpe restò con la bocca spalancata, e Ralph, riprendendosi in parte disse: “Ma… Zoor non sa?” Cleo urlò: “No!! Lui non sa di questo!! Non sa del mio destino di Cavaliere di Cat!! Ora… ora lo Yang è dentro di me!! L’oscurità sta per avvolgermi!! Avete un nemico insieme a voi… Non sarò io… Ma vedrò e soffrirò nel far del male!!” Volpe, nell’udire il pianto disperato del Prescelto del gatto, rizzò le orecchie dicendo: “Ti aiuteremo!! Cercheremo, come volpi, di non dir nulla, e soprattutto di non far conoscere, né a Zoor, e né a Pegaso e Phoenix, ed a tutti gli altri, la verità…  Comunque Cleo… devi impedire a Zoor di ordinarti d’effettuare l’espansione del grifone!!” “Quindi…” Riprese Ralph: “… Gli dobbiamo reggere il sacco? Oh poveri noi… E se… quel demone dannato prenderà il sopravvento lo stesso?” Koseidos disse: “Ralph!! Le volpi hanno anche questo compito!! Coprire quello che non deve essere scoperto!! In fin dei conti, Earth, la prima volpe ad essere stata creata, custodì fino alla morte, il segreto di Jogi della sua sconfitta per mano d’Orzak il Terribile!! E’ così che dobbiamo fare…” Volpe rispose: “Comunque, ogni volta che parleremo di questo… prima di trovare una soluzione, durante i nostri incontri, dovremmo schermarci per non far ascoltare a nessuno dell’Elite od ai Prescelti, quello che diciamo!! Metterò i muri!! Questo è un potere di noi dell’Elite!! Solo Phoenix e Pegaso hanno il potere di ascoltare comunque… perciò… acqua in bocca!!” Cleo, ringraziò Volpe, Ralph e Koseidos, e, siccome s’era fatto tardi, ritornò a casa sua, tranquillo, almeno in parte, che avrebbe avuto l’aiuto furbo ed astuto delle volpi.

 

 

Capitolo 44

 

Quella notte, una nuvola nera copriva la luna, quasi fosse un presagio di cose non belle, tanto più che le tre stelle che avevano dato l’annuncio della battaglia di Joseph con Greg, ora si erano spostate, lasciando al loro posto, su nel cielo, una cosa molto più strana! Cleo, prima d’andare a letto, uscì sul balcone pensando a tutto quello che gli era accaduto. Già il poveretto, al sol pensiero di quello che il destino gli avrebbe fatto vivere di nuovo, provava un senso d’angoscia profonda… Un qualcosa che aveva già provato nella sua vita, ma che ora non avrebbe mai più voluto rivivere! Ora ritornava più potente e più crudele di prima! Zoor, era dietro di lui, ma non si fece vedere. Per Cleo, pensava, fosse una notte diversa dalle altre, siccome, da lì a poco, avrebbe dovuto espandersi in grifone… Ovviamente, il gatto, non sapeva degli avvenimenti che erano piombati sul suo Prescelto! Lo vide immobile, quasi in uno stato di trance, e così, restò ad osservarlo a lungo.

Lo sguardo di Cleo girava da una parte all’altra dell’orizzonte, quando si bloccò di scatto. Aveva notato quella cosa strana in cielo! I suoi occhi erano terrorizzati e, con un fil di voce, non riuscendo nemmeno a prendere fiato, ripeteva: “Oh mio Dio!! No!! Perché… Perché proprio ora? La DARK STAR!! La vedo!! E’ iniziato tutto come l’altra volta!! No!!” Zoor, al sentire queste parole, voltò anche lui verso il cielo i suoi bellissimi occhi, ma non vide nulla. Di cosa stava parlando il suo Prescelto? Comunque, decise di non chiedergli nulla… Forse… forse sarebbe stato meglio farlo! Così, il componente dell’Elite, decise d’andar via. Il suo pensiero ora, era quello di istruire Cleo alla battaglia contro la Bestia! Doveva fargli raggiungere la vera essenza della sua aura. In fondo, Jogi, come felino principale, aveva creato il grifone, ed anche per il Prescelto dell’etere, era arrivato il momento di conoscersi a fondo! “Cleo ce la farà… Miao!!” Si ripeteva Zoor: “Lui… ormai, deve evolversi… Miao!! E’ giunto il momento, per lui, di capire la sua vera forma ed i suoi veri poteri… Miao!!”

 

Cleo, non s’accorse di nulla! Non s’accorse che Zoor era andato via! Non osava girarsi verso quella stanza! Sapeva infatti che, molto probabilmente, la luce, che egli aveva acceso, si sarebbe spenta all’improvviso! Quello era il segno… il segno che Dragur era lì! Molte altre volte, in passato, il Prescelto aveva visto spegnersi quella luce! Ne aveva paura e terrore! Ma… purtroppo, doveva farlo! Non poteva restare in eterno sul balcone, così, si girò ed entrò in casa! La luce era ancora accesa! S’accomodò sul divano, guardando con ansia la lampadina. Le lacrime solcarono il suo volto! Stava male! La rabbia, per quello che doveva capitare, diventò insopportabile… così, errando per la seconda volta nella sua vita, invece di cercare Zoor od i componenti dell’Elite, invocò il demone Dragur! Per lui, l’attesa era più straziante della paura stessa! “Eccomi Dragur!! Eccomi!! Sono pronto!! So che ci sei e che mi stai ascoltando!! Ho visto in cielo il segno!! Fatti vedere!! So… so che mi vuoi ancora…”

 

Un brivido di freddo, scese lungo la schiena del Prescelto! Era il segnale! Dragur, si sarebbe fatto vivo! Il poveretto, solo allora capì d’aver commesso un’altra volta quell’errore! Provò ad alzarsi dal divano, quando la luce si spense, e sentì sul suo petto, come zampe d’un grosso felino che lo buttarono di nuovo giù, e che lo tenevano fermo. “… E così ti ho ritrovato!!” Tuonò dal buio una terribile voce! Cleo, la conosceva molto bene! Avrebbe voluto svincolarsi da quella stretta, ma sentiva gli artigli acuminati sulla sua carne! Provò a gridare, ma il demone felino gli disse: “Che c’è? Hai paura Cleo? Non devi averne!! Ricordi? Sei mio Cavaliere… ed io per te ho un compito… un compito che dovrai svolgere per me!! Come hai notato, le porte della Stella Nera si sono riaperte… e da quello che so… ora tu sei un Prescelto!!  Questo l’ho sempre saputo! Bene!! Noi felini siamo portati per il tradimento!! Tu Cleo… dovrai combattere a fianco del Cavaliere della mia compagna… la Bestia! Dovrai mostrarti come sei davvero!! Dovrai tradire chi ti ha ingannato!! Solo io… solo Dragur ti ho dato forza, coraggio e conoscenza!! Qualcuno… un drago, mi ha rubato il nome!! Devo recuperarlo!! Dovrà morire!! Solo così avrò quello che mi spetta e potrò dare a te nuova forma!! Ma… devi uccidere i Prescelti… specialmente quel maledetto drago!! Quel drago, che ha offeso me, e di conseguenza te che sei mio Cavaliere!” Cleo, sentendo questo si mise ad urlare: “No!! Io non lo farò mai!! Non ti permetterò di far di nuovo del male!! Ora sono diverso!! Ora non sono più solo!!” Il demone, con la zampa, gli diede uno schiaffo con gli artigli aperti, e gli disse: “Stolto!! Sei il mio suddito!! Devi fare quello che ti ordino!! Hai dentro di te il male… E se non sbaglio… l’hai evocato e voluto tu!! Incontrerai domani Ely!! E con lei, ucciderai, torturerai e prenderai per me il potere!! Ma prima, devi dire a quel gatto di allenarti… Non gli dovrai dir nulla del nostro incontro!! Ti espanderai in grifone, e con te, esalterò la mia energia!! Odio… Odio tutti… e così dovresti fare anche tu… Dimmi stupido… Perché hai parlato con quell’ignobile Koseidos che prima apparteneva come me al male? Ecco… ecco… quale sarà la tua prima missione!! Prima d’uccidere i Prescelti ed il drago, dovrai uccidere Koseidos, Alopex e l’essere umano Ralph!! Ora va… Va dai tuoi nemici… Comportati come sempre con loro… dopo… dopo verrò io dentro di te… Ma a tempo debito!! Va ad espanderti… Domani, insieme ad Ely, attaccherete gli altri Prescelti… specialmente il Prescelto di quel drago… Dopo passerete anche all’Elite!! Dovete distruggere!!  Sarete in due… Tu, cioè me, e la Bestia nel corpo di Ely!! Siete nostri servi e schiavi!!” Cleo si mise a gridare, anche perché, Dragur gli aveva conficcato la zampa nelle parti intime, facendogli molto male e stringendo! Nel farlo, il demone disse: “… Con questo sigillo, anche i tuoi figli saranno miei!!”

 

Di colpo, ritornò la luce! Dragur scomparve! Il ragazzo, dolorante ed in lacrime, toccandosi dove era stato colpito realizzò. Ora avrebbe voluto chiamare Zoor… ma non osò! Il dolore era troppo forte… ma forse lo era ancor di più la paura! Ora la situazione si era fatta più difficile! Avrebbe dovuto uccidere le volpi e tradire i suoi amici! Ora… anche i suoi futuri figli erano condannati… così come lo era lui! Piangendo, il Prescelto, andò a letto. Doveva andare nella dimensione dell’Elite… E, anche se avrebbe fatto di tutto per impedirlo… avrebbe dovuto compiere così, la prima parte della sua missione! Uccidere Volpe e Ralph, e se ne aveva l’occasione, anche Koseidos! Però… anche se gettato nell’angoscia, il suo cuore era il cuore d’un Prescelto! Difensore della Speranza e di tutti gli esseri viventi, proprio come in un passato remoto, Jogi lo era stato per volere di Sagem!

 

I Prescelti, erano tutti, visto l’orario, nella dimensione dell’Elite. Nessuno sospettava di nulla, solo Ralph e Volpe, che s’aggiravano per quelle stanze, erano all’erta! Cleo, arrivò dopo un po’ di tempo, e nel vedere il Prescelto della volpe ed il suo allenatore, si sentì mancare! Avrebbe dovuto compiere il delitto che il demone gli aveva ordinato, ma gli occhi indagatori di Volpe, fecero in modo che egli prendesse un’altra decisione, cioè quella d’attendere ancora.

 

Pegaso, convocò tutti i Prescelti per dare l’ordine del giorno per quella notte. Zoor, guardò Cleo, ma quello girava lo sguardo altrove. Non riusciva a sostenere lo sguardo di quella creatura, che avrebbe di sicuro compreso il suo stato d’animo! Phoenix e Michelle, intanto, guardavano lo strano comportamento del Prescelto del gatto, e fecero le loro considerazioni. “Che strano… Guarda Phoenix… Non ti sembra che Cleo cerchi di sfuggire allo sguardo di Zoor?” Disse il Prescelto della fenice, ed il suo allenatore rispose: “Già!! Bravo Michelle!! Noi fenici notiamo subito il linguaggio del corpo!! Cleo, di sicuro, sta nascondendo qualcosa!! Michelle!! Sarai tu, con quello che ti ho insegnato, a scoprire cosa…”

 

Gli allenamenti cominciarono, e Zoor disse a Cleo di seguirlo nella loro sala. Il Prescelto, capendo le sue intenzioni disse: “… Ehm… Prima devo bere un bicchiere d’acqua!! Ho sete…” Ma Zoor disse: “Miao… nella nostra sala abbiamo l’acqua corrente!! Miao!! Potrai bere lì!! Miao!!” Il ragazzo, azzittito dalla giusta affermazione del gatto, con la coda dell’occhio, cercò Ralph, e quello, come concordato, intervenne dicendo: “Ah… Cleo!! Mi ero dimenticato di dirti che Volpe voleva chiederti una cosa!! Sai… A me non ha voluto dire di cosa si tratta!! AHAHAHA!! Il mio allenatore è un tipo misterioso!! Ti vuole parlare personalmente… Sempre, se Zoor ti lasci venire…” Zoor, nell’udire le parole del Prescelto della volpe, gli disse: “Miao… Ma se Volpe è proprio lì… Miao, che motivo c’è di mandare te Ralph… Miao? Voi volpi siete animali molto strani… Miao!!” Ralph, s’accorse d’aver detto una fregnaccia, e da vera volpe cambiò discorso: “Già… che sbadato!! E’ vero!! Noi volpi siamo animali molto strani Zoor!!  Infatti, stento anch’io a capire la loro filosofia e comportamento!! AHAHA!! Ci sono moltissime cose che Volpe, ancora non m’ha spiegato!! Ecco!! Questa è una di quelle!! AHAHAHA!!” Zoor, guardò Ralph in modo strano, e poi disse: “Miao… ho capito!! Comunque, Cleo… Miao… fa in fretta!! Miao!! Tu lo sai… Miao!! Ti dovrai allenare come grifone stanotte!! Miao!! Anche se non capisco cosa può volere una volpe da te… Miao…puoi andare… Miao!!” Cleo, fingendo tranquillità, gli rispose: “Ed io come faccio a saperlo? Comunque… non ti preoccupare Zoor… Faccio in un attimo… vado e vengo!!” E s’allontanò con Ralph in direzione di Volpe, ed i tre, insieme, si incamminarono per la sala delle volpi. Zoor, fidandosi ma non del tutto, corse nella stanza dei felini, dove si mise ad aspettare il suo Prescelto. Intanto, Unix, guardò con sospetto Cleo, e poi disse qualcosa a Luke.

 

Volpe con i due Prescelti, intanto, era arrivato nella sala delle volpi. Ralph, s’accorse che il Prescelto del gatto camminava con difficoltà, ed osservandolo gli disse: “Cleo!! Cos’hai? Tu non cammini bene!! Cosa ti è successo?” Quello si rannuvolò ricordandosi l’anatema del demone sui suoi figli, ma volle rispondere con una bugia, mascherata da un sorriso: “… Ehm… Nulla Ralph!! Sai… Ho avuto, quando ero bambino, un piccolo incidente in bici!! E… come saprai, ad ogni cambio di stagione… le ferite tornano puntualmente a far male…” Volpe nell’udire questo, ed osservando Cleo dall’alto verso il basso disse: “Io non ti credo!! Cleo!! Stai dicendo una bugia!! Sia perché, da quanto mi ha raccontato Zoor, tu non hai mai imparato ad andare in bici… e poi, e questa un’altra cosa che Ralph deve imparare, noi volpi, curiamo delle parti del corpo molto particolari!! In sostanza, come i gatti sono bravi oculisti e otorino-laringoiatri, i draghi, bravi ortopedici, mentre gli unicorni farmacisti e radiologi, i cavalli alati, medici generici e le fenici psicologi ed i delfini pediatri, noi volpi, in sostanza, siamo urologi, andrologi e ginecologi!” Qui Ralph diventò rosso, mentre Cleo impallidì: “… Da come cammini, sembra che il tuo problema sia lì, e non come vuoi far credere, alle gambe!! Ricordati Cleo… io e Ralph siamo volpi!! Non potrai, anche se i gatti dicono d’esser furbi, essere più astuto di noi!!  Dai… fatti controllare!!” Il Prescelto del gatto, vedendo che Volpe si avvicinava, tremava poiché pensava che l’astuto canide, vedendo la ferita avrebbe capito tutto, e così, cercò di trovare un’altra scusa, ma la scena fu interrotta dal drago Dragur, il quale, entrando nella sala disse a Volpe: “Scusate tanto… Volpe, dobbiamo andare da Pegaso, perché Phoenix ci deve parlare!! Seguimi!! Voi Prescelti, sarete chiamati per far allenamento tra poco…” Volpe, nell’udire questo, guardò furbescamente il Prescelto del gatto, e gli sussurrò: “Eh!! Ti sei salvato… però…” E poi, dicendo a Ralph d’aspettare lì, andò via con Dragur.

 

Rimasti soli, Ralph e Cleo, si guardarono in faccia. In verità Ralph non osava guardare l’amico negli occhi per ovvie ragioni, mentre quello, per smorzare la situazione disse: “Oh Ralph!! Ora… dobbiamo trovare il sistema per non farmi allenare da Zoor come concordato!! Hai qualche idea amico mio?” Il Prescelto della volpe disse con gli occhi bassi e con il volto rosso dalla vergogna: “… A questo penseremo dopo… Ma… Hai sentito, Cleo? Volpe mi ha appena comunicato che io… io sarei… No!! Io non metterò mai le mani in quei posti!! Ah!! Volpe!! Come può pensare di farmi fare anche questo? Caspita… una sorpresa dietro l’altra!!” Cleo sospirò, pensando d’esser salvo per la seconda volta, in quanto il Prescelto della volpe aveva più vergogna di lui, ma ad un tratto, una voce dentro di sé… fredda come la neve, gli imponeva: “Ora… Ora è il momento d’agire, mio Cavaliere… Fa fuori la volpe!! Io! Dragur… tuo padrone te lo ordino!!” Il Prescelto impallidì all’improvviso! I muscoli delle sue braccia cominciarono a tendersi da soli, ed essendo in armatura, senza che egli volesse, gli uscirono fuori anche gli artigli! Era evidente che Dragur si era impossessato delle sue braccia… Se non avesse fatto qualcosa, siccome il suo cervello era ancora libero dall’influsso demoniaco, avrebbe attaccato ed ucciso il Prescelto della volpe! Ralph, nel vederlo così pallido, non si accorse degli artigli, e s’avvicinò dicendo: “Ma… Cleo!! Cosa c’è? Stai male? Uhm!!  Sei diventato bianco!! Dovrebbe trattarsi d’un abbassamento dei livelli di potassio… Anche a me è capitato una volta… Sai… Mi è bastato mangiar una banana per…” “SCAPPA RALPH!! NON TI AVVICINARE A ME!! VA VIA!! NON HAI CAPITO COSA STA PER SUCCEDERE? VA VIA FINCHE’ SEI IN TEMPO!!” Gridò Cleo, e Ralph non poté chiedere spiegazioni, in quanto, la mano di Cleo, posseduta, e con gli artigli estratti, lo colpì! Per fortuna il Prescelto della volpe, avvertendo in tempo il pericolo, usò l’agilità tipica del suo animale per scattare lateralmente, e venne preso solo di striscio! “Ma… perché Cleo? Io non ti ho fatto nulla!! Perché mi attacchi?” Cleo, espandendo la sua aura disse: “Non sono io!! Ralph!! E’ Dragur!! E’ lui che comanda le mie azioni!! SCAPPA!!” Il Prescelto della volpe, nel sentire questo disse: “Oh mio Dio!! Devo avvertire qualcuno… no!! Non può essere…” “Invece si!! Stupida volpe!!” Disse Cleo, ma la sua voce era cambiata… sembrava provenire, invece che dal Prescelto del gatto, dalle pareti circostanti! Era una cosa terribile! Ralph, vedendosi in pericolo, per istinto disse: “Trasformazione corporale in volpe…” Ed essendosi trasformato, fuggì via dalla sala, e proprio come una vera volpe, si infilò per la porta che era rimasta aperta!

 

Quanto terrore provò Ralph! Un terrore da non potersi descrivere! Dunque… quello di cui Cleo gli aveva parlato a casa sua, si era già verificato? Non poteva tenersi quel segreto! Non lo poteva fare!

Correndo come un forsennato, cercò Volpe in tutte le sale, quando Luke lo vide e lo chiamò: “Ralph!! Cosa fai? Come mai ti sei trasformato in volpe e stai correndo come se avessi un lupo dietro?” Quello, ritrasformandosi in essere umano, trafelato disse: “Un lupo? Ma quale lupo luke!! E’ Dragur!! E’ lui!!” Il Prescelto dell’unicorno, gli disse: “Dragur? Ma se l’ho visto proprio ora insieme a Volpe…  Hanno chiamato anche Unix!! Dì Ralph… non avrai paura di lui spero?” Ralph nel sentire queste parole disse: “Ma no Dragur il drago… Dragur il demone!! Oh mio Dio!! Si è impossessato di Cleo… Mi ha attaccato!! Voleva uccidermi!!” Luke restò senza fiato, e disse al Prescelto della volpe, tirandoselo da parte: “Allora è vero? Caspita!! Unix ci aveva visto giusto!! Cleo si trova sotto una maledizione… ma non solo lui… ma, da come ha detto Unix, facendo una veggenza… anche i suoi figli che non sono ancora nati, sono sotto la sua stessa condizione!! Ralph… hai notato, prima che Cleo ti attaccasse, qualcosa di strano?” Ralph si ricordò delle parole di Volpe e disse: “Ehm… Si!! E’ stato Volpe ad accorgersi d’un problema all’inguine di Cleo… Ma… cosa centra?” Luke impallidì e disse: “Siamo spacciati!! Cleo e la sua discendenza saranno tutti sotto il controllo di quel demone!! Tu… tu ne sai qualcosa… vero Ralph? Unix ha detto che voi volpi, sapete di più di quanto volete far credere!! Tu e Volpe, ci dovete spiegare tutto!!” Ralph, vedendosi costretto, si mise a raccontare per filo e per segno tutto quanto, con la raccomandazione di non dire nulla all’Elite e nemmeno agli altri Prescelti! Disse anche di far in modo di non permettere che Zoor allenasse Cleo da grifone… o per loro sarebbe stata la fine! Michelle, che aveva sentito tutto, essendo stato per tutto quel tempo dietro la porta della sala delle fenici, entrando disse: “Ah!! E’ così? Allora avevo ragione io!! Ma… scusatemi… Cleo… Cleo ora non è in balia di quell’essere orrendo? Secondo me, siamo già nei guai!! Si salvi chi può…”

 

Cleo, nella sala delle volpi, intanto si riprese! La possessione era terminata… ma sapeva che sarebbe potuta ritornare! Prese dunque la decisione di dire tutto ai Prescelti ed all’Elite! Con molta risolutezza, aggiustandosi l’armatura, uscì da quella sala barcollando… Era molto teso! Aveva paura di incontrare Zoor, ma quello che gli dava più agitazione, era il fatto di dover raccontare a tutti ogni cosa! Temeva i loro sguardi… e poi, temeva anche che Dragur sarebbe riapparso da un momento all’altro, facendo scempio di Volpe e di Ralph, ed anche di Koseidos, se ce ne fosse stata l’occasione, e tutto questo davanti a tutti!! Questi, infatti erano gli ordini del demone felino!

Camminando vide in lontananza i tre Prescelti parlare tra di loro! Volle avvicinarsi, sia per dir tutto, e principalmente per chiedere scusa a Ralph. Si avvicinò a loro, e senza sospettare che Ralph avesse raccontato tutto agli altri, disse, arrivando a pochi passi dai tre: “Ralph… Ti chiedo scusa per quanto è accaduto, ma sai…” Luke, vedendolo gli si avventò contro, colpendolo violentemente con un pugno nello stomaco gridando: “Sporco demone!! Non ti avvicinare a noi!! Esci dal corpo di questa creatura che non t’appartiene!!” Il Prescelto del gatto, si piegò in due per il gran dolore, non riuscendo a dire nemmeno una parola, mentre Ralph lo colpì a sua volta con il colpo della volpe in agguato, facendolo cadere in terra. Cleo, così, si trovò bloccato e dolorante! Riuscì, comunque, a dire solo: “Ralph… Luke!! Sono io!! Sono Cleo! Dragur non è più in me!! Ralph! Per favore! Toglimi da sopra lo stomaco il ginocchio con lo spuntone!! Mi stai facendo male!! Io… io ero venuto per chiedere scusa e per spiegare tutto!! Ora… ora sono io! Credimi!!” Michelle, guardò il Prescelto dicendo: “Questa l’ho già sentita!! Dragur!! Non credere di prendere in giro una fenice!! Si sa… i demoni sono astuti!! Tu sei ancora nel corpo di Cleo! Io sono una fenice!! A me, nessuno mi può prendere per i fondelli!!” Ma il povero Cleo, si mise a piangere, e cercò con tutte le sue forze di espandersi per potersi liberare dalla morsa di Ralph! Luke, avvertendo l’aura del poveretto, allungò una mano su di lui dicendo: “No!! Tu sei Dragur!! Dragur il demone!! Ecco quello che ti meriti…” E con la mano, si avvicinò ancor di più al Prescelto del gatto, dicendo: “Exorcismo unicórnis!! Ego præcipio vobis, ad hoc relinquunt corpus Electi!!” Ma, per quanto potente potesse essere quella forma d’esorcismo, non sorbì l’effetto desiderato! “Uhm… Allora sei resistente?” Disse il Prescelto dell’unicorno: “… Allora prova questo… Flarent equitare monocerotis!!” Cleo, credette di morire vedendosi arrivare addosso un unicorno al galoppo energetico, e chiuse gli occhi!

 

“Fermo!! Fermati Luke!! Non farlo!! Ora Cleo non è più posseduto dal demone!! Ora è libero!! Fermati o lo ucciderai… ucciderai un innocente!!” Era Unix, che avendo avvertito l’aura del suo Prescelto, arrivò subito, e sfruttando un suo potere, aveva capito che il povero Cleo era davvero libero! Il Prescelto del gatto, riaprì gli occhi, ormai convinto d’essere spacciato, ma quando Ralph e Luke lo lasciarono, quello con un sospiro di sollievo, dolorante, si alzò con le lacrime agli occhi dicendo: “Ero venuto proprio per dirvelo!! Amici… Ora sono libero da lui… Ma…” E si mise a raccontare tutto. Accorsero anche, proprio in quel momento, gli altri componenti dell’Elite, e Pegaso capì che la situazione era molto più grave di quanto potesse immaginare! Volpe, nel sentire della maledizione ai discendenti, con soddisfazione, ma anche con grande paura disse: “Ah!! Ecco!! Io… io lo sapevo!! Ma… Cleo… Perché non ce l’hai detto subito?” Quello, voltandosi dalla sua direzione disse: “… Perché mi era stato ordinato d’uccidere te, Ralph e Koseidos… Ecco perché!! Ma… io sono un Prescelto!! Non ho voluto!! L’avrei potuto fare quando eravamo soli, ma io no!! Non l’ho fatto, e mai lo farò!! Lui… lui se ne è accorto… ed ha fatto quello che temevo!! E’ entrato dentro di me, guidando le mie azioni, ma lasciandomi il cervello lucido!! Ho sofferto molto, quando Dragur ha attaccato in me il povero Ralph!! Un dolore fortissimo…” E qui il Prescelto si mise a piangere, dicendo: “… Ora… Ora anche i miei figli sono condannati!! Tutto è stato per colpa mia!! Ah!!  Come sono disgraziato!! Ah!! Che errore ho fatto…”

All’improvviso, dietro di Pegaso, apparve una creatura magnifica! Emetteva un’aura potentissima! Era un leone alato! Un grifone! Era Zoor! “No…” Disse: “Non sei stato tu a fallire Cleo… Sono stato io… Sono stato io a lasciarti da solo!! Non dovevo farlo! Mi dispiace!!” Volpe, nel vedere quella creatura, disse: “Alla faccia del gattino… Non ti facevo così… così… maestoso Zoor!!” “Mio Dio!! Zoor!! Sei tu? Sei trasformato in grifone? Sai… senza il tuo ‘ miao ‘ alla fine di ogni frase, non ti avrei mai riconosciuto!! Dunque è questa la tua vera forma? Comunque… sai… io non posso espandermi in quello che sei tu… Non posso essere come Eter!! Non lo posso fare, perché è proprio questo che Dragur vuole da me!! E domani… per domani, ho ricevuto un ordine!! Ma… non lo farò!! Non incontrerò Ely!! Zoor!!  Aiutami!! Ho paura!! Dovevo chiamare te ieri sera, e non lui!! Ho sbagliato… Ho sbagliato come quella sera… la sera in cui l’ho invocato per la prima volta!! Ora… ora l’ho fatto di nuovo!!” E dicendo così, il Prescelto del gatto, si mise a piangere a dirotto. Il leone alato, si avvicinò a lui, e leccandolo in modo molto tenero disse: “No, mio Prescelto!! Oh Cleo!! Sono stato io ad abbandonarti quando ne avevi più bisogno!! Dovevo capire… solo io dovevo comprendere quello che stava succedendo, ed impedirlo ad ogni costo!! Ma… ormai è tardi!! Dragur e la Bestia sono tornati!!  Dimmi Cleo… La Dark Star è il segno del loro ritorno?” Volpe sbiancò e cominciò a guaire, in quanto, quando era volpe vera, l’aveva vista anche lui. Cleo, voltandosi per non guardare gli occhi di Zoor, disse: “Si!! Quello è il segno!! Quante disgrazie sono accadute dopo averla vista!! Quanto dolore!! Le porte dell’OSCURITA’ TOTALE si sono ormai aperte…”

 

Capitolo 45

 

Quella notte per i Prescelti, non fu affatto come le altre! I cattivi presagi e la disperazione del povero Cleo, non permisero a nessuno di fare allenamenti! Anche il drago Dragur era dolente! Infondo, egli pensava che la colpa di tutto fosse sua! Se non avesse preso quel maledetto nome al demone felino, quegli eventi non si sarebbero verificati! Non bastò che Joseph lo confortasse… il drago continuava a darsi la colpa di tutto.

Zoor, capendo la tragica situazione, pensò di non far espandere Cleo in grifone! Era sicuramente troppo pericoloso, ma purtroppo, egli sapeva bene che il suo Prescelto non avrebbe avuto nessuna possibilità di battere Ely senza farlo, e di conseguenza sarebbero stati battuti!

Pegaso e gli altri componenti dell’Elite, si riunirono di nuovo, ma questa volta consentirono ai Prescelti d’assistere alla riunione! “Bisogna trovare una strategia difensiva…” Tuonò il cavallo alato: “… Questa volta non potremo contare sul Prescelto adatto!! Come sapete, ad ogni nemico, corrisponde un elemento ben preciso o più di uno!! La Bestia è un felino!! Ma Cleo non potrà affrontarla!! Sarebbe un pericolo per tutti noi!! Il demone Dragur, potrebbe, anzi, lo farà certamente, impossessarsi di lui sfruttando le capacità ed i poteri da Prescelto!!” Tutti, all’ascoltare le parole di Pegaso, abbassarono la testa, e Phoenix disse: “Addio anche all’AFTAES completo!! Senza di un elemento, questo colpo, come sapete, risulta inefficace!! L’etere è necessario!! E’ energia…” Zoor da grifone disse: “Lo so Phoenix!! Purtroppo è così!! Ma… Cleo, da quanto abbiamo appreso, domani deve incontrare quella ragazza… se così si può ancora chiamare… Come dice Unix, è destino!! Cleo, deve essere forte abbastanza per contrastare spiritualmente una eventuale possessione da parte del demone che è dentro di lui!!” Cleo, nell’udire queste parole, scoppiò a piangere dicendo: “Non ne sono capace!! Si! E’ vero! Sono un Prescelto… ma… lui… lui è più forte di me!!” “Sciocchezze!!” Gridò Unix. “Tu invece ci devi riuscire!! Noi unicorni conosciamo bene la tendenza di voi felini alla magia nera… e si dà il caso che le possessioni demoniache siano proprio questo!!  Prescelto del grifone! Se vuoi, tu puoi contrastare gli attacchi del demone Dragur!! So che Zoor, da gatto, ti ha preparato alla magia…” E qui, l’unicorno si voltò a guardare male Zoor, che intanto, si era trasformato in gatto, miagolando. “… Zoor…” Continuò Unix: “… Ti ha insegnato a contrastare la magia bianca che appartiene agli unicorni!! E da quanto ne so, per combattere questo tipo di magia, serve conoscere a fondo quella nera!! Lo stesso vale per noi unicorni, ma all’inverso!! Tu Cleo, hai tutti gli strumenti per non soccombere!! Io, ti aiuterò a combattere contro l’anatema ai tuoi discendenti, ma tu dovrai dimostrare d’esser degno allievo di Zoor!! Hai sbagliato ad evocare Dragur… è vero!! Ma l’errore più grande è quello d’arrendersi!! Dunque… Prescelto del grifone / gatto… sei un codardo come il Leone nel Mago di Oz, oppure possiamo fidarci di te, visto che sei Prescelto, e quindi, fai parte della schiera degli eroi?” Cleo, con gli occhi scintillanti disse: “Oh si!! Sono un Prescelto! Forse… non eroe, ma comunque Cavaliere capace di nobili e difficili imprese!! Non sono più da solo… Ho Zoor e tutti voi!!” Zoor andò a leccare Cleo, mentre Pegaso sorrise soddisfatto, e tutti i ragazzi si strinsero al Prescelto del gatto. “Ecco!! E’ così che devi fare!! Cleo, ora hai compreso… anche se, secondo me, la magia non esiste…” Disse Delphi da delfino, con la testa che gli sporgeva dal bordo della sua vasca, ma Unix gli rispose: “Eh Delphi… certe volte la sola logica non basta per capire… Tu e Phoenix, considerate le possessioni come frutto della mente… ma non è così!! La magia esiste Delfino!! Essa è sempre esistita!! Sin dall’inizio!! Soprannatural, ne è la prova!!  Come si diceva in un film… ‘ Si può benissimo ridere della magia.. Comunque si sappia.. che la magia è...quoddam ubique, quoddam semper, quoddam ab omnibus creditum est. Che significa: la magia è quella cosa che ovunque, sempre e da tutti, è creduta!! ‘ E’ questa la verità!! Voi scienziati credete di saper tutto, ma capite solo una parte della realtà!! Il resto… beh… lasciatelo a noi!!” Tutti si misero a ridere e Zoor miagolò: “Miao… Ora Cleo è pronto!! Miao!! Speriamo in Sagem e poi vedremo… Miao!!” Il Prescelto del grifone disse: “Ci vuole certezza… la speranza c’è già!! Ora è tempo di reagire!! La speranza del mondo siamo noi!! E’ questo il nostro compito! Ora lo so!! Vi ringrazio amici miei… M’avete ridato fiducia!! Dragur il demone non potrà soggiogare il leone alato che è in me!! Io… io sono più forte di lui… tutto grazie a voi…”

 

Il giorno era appena arrivato. Tutti i Prescelti s’apprestavano ad incominciare a vivere una nuova giornata, ma con ansia!

Cleo, appena sveglio, si girò nel letto come un bambino che non vuole andare a scuola per paura d’essere interrogato! Cercava nel cuscino, che stringeva a se, una rassicurazione d’una presenza amica, ma… certamente il guanciale non lo poteva essere. Comunque, dopo essersi stiracchiato, s’alzò. Era dolorante! Ancora la ferita gli faceva male! S’era scordato di farsi guarire, anche perché, l’idea che doveva farsi toccare da Volpe oppure da Ralph lo turbava! Ma, per quanto l’imbarazzo era forte, il dolore lo era ancor di più! Così, prese il cellulare e chiamò il Prescelto della volpe.

 

Ralph, in quel momento, si trovava nel suo ufficio a lavorare, ma era il più ansioso di tutti! Nemmeno lui, riusciva a star calmo! Fissava il monitor del computer ma non capiva nulla di quanto c’era scritto! Doveva completare un videogame! Lui era bravo! Sapeva leggere benissimo tutti i linguaggi di programmazione, tuttavia, quel giorno, quei codici erano come l’arabo! Era talmente immerso nei suoi pensieri che non toccò nemmeno la tastiera. I suoi occhi, non riuscivano neppure a mettere a fuoco! Stava semplicemente a fissare lo schermo…

Squillò il telefonino, ed il Prescelto si scosse come risvegliandosi di soprassalto. Lesse sul display chi lo chiamava, e diventò bianco! “Mio Dio!! E’ Cleo!! Che gli sia successo di già…” Pensava il poveretto, ma anche preso dalla paura, rispose alla chiamata. “Pronto? Cleo? Cosa ti è successo?” Cleo, dall’altro lato, rispose rassicurandolo: “No… Nulla Ralph!! Ancora niente!! Comunque, ho bisogno di te!!  Sai… Hai presente…” Ralph non capì, ma disse: “No!! Comunque… io ora mi trovo in ufficio!! Senti… non è che per caso, chi sai tu… cioè quello che sta dentro di te, vuole attaccarmi di nuovo?” Cleo rispose subito: “Ma no… Cosa vai a pensare!!  Voglio solo da te… diciamo così… una prestazione professionale!!  Quella… quella che ieri notte voleva farmi Volpe!!” Ralph diventò rosso e balbettò: “Ma… Cleo!!  Io… io non so nulla di quelle cose… Sono solo un programmatore di computer… io… e non so…” Cleo disse interrompendolo: “… Ma io ne ho bisogno!! Non posso andare in ospedale… Come giustificherei una simile ferita? Magari… chiama Volpe!! Ti prego!! Se non avessi davvero bisogno d’aiuto, non t’avrei disturbato!! Ti prego Ralph!! Aiutami!! Credi per caso che voglia farmi mettere le mani lì?” Ralph. Sentendo questo, rosso come non mai, disse: “Certo che no… Figurati… secondo te io lo voglio fare? Ma… comunque… va bene!! Chiamerò Volpe!! Ci vediamo tra una mezz’oretta a casa mia!!” Cleo lo ringraziò, ed il Prescelto della volpe chiuse la comunicazione e si mise le mani ai capelli! Come avrebbe fatto? Non era medico… e poi, quella cosa lo imbarazzava molto!

 

Cleo, si preparò velocemente, e senza pensare ai rischi che poteva correre incontrando Ely, si incamminò proprio mentre Ralph era in macchina, chiamando mentalmente Volpe, che comunque non rispondeva. Il Prescelto della volpe, pensava anche ad una trappola, e quindi considerò di chiamare per sicurezza, Joseph e Michelle, ma non Clara! Lei era una ragazza! Se non ci fosse stata la famosa trappola, avrebbe dovuto, anche a lei, spiegare quello che voleva Cleo! Non era una cosa facile! Joseph e Michelle, accettarono subito, e si recarono immediatamente a casa del Prescelto della volpe, aspettandolo davanti al portone.

Il Prescelto del gatto, arrivò contemporaneamente a Ralph. “Oh Ralph!! Non so come ringraziarti…” Quello, scendendo dalla sua auto gli disse: “Non lo pensare nemmeno Cleo!! Comunque… Volpe non mi ha risposto!!” Il Prescelto del gatto si rannuvolò e disse: “… Ed ora come faccio? Mi fa un male tremendo… Tu sai dove!!” Il Prescelto della volpe, avrebbe voluto consolare l’amico, solo che diventò rosso, mentre anche Joseph e Michelle, erano dello stesso colore di Ralph, perché Cleo, dicendo così, si toccò involontariamente proprio quella parte… “Ma… che facciamo qui fuori?  Entriamo in casa…” Disse Ralph per smorzare l’imbarazzo, e tutti, seguendo il padrone di casa, che non riusciva nemmeno a mettere la chiave nella toppa, entrarono nell’abitazione.

 

Appena dentro, trovarono Volpe nel corridoio ad aspettarli. “Eccomi qui!! Ralph! Mi hai chiamato ed io son venuto!! Ah! Vedo che ci sono anche i Prescelti della fenice e del drago!! Hai fatto bene volpacchiotto!!” Ralph, con molte pause, spiegò al suo allenatore, senza entrare nei particolari, il problema di Cleo, e quello, sorridendo disse: “Sapevo che Cleo ci avrebbe contattato!! Comunque… intanto, Cleo, ti annuncio che Unix è già a lavoro per toglierti quella brutta maledizione fatta dal demone Dragur!!” Cleo esultò per la contentezza, ma la ferita gli si era aperta, e piegandosi si mise a piangere. “Volpacchiotto!! Dobbiamo operare subito!! Conduci Cleo immediatamente in un posto tranquillo!! Non c’è tempo da perdere!!” Ralph, si avvicinò a Cleo sostenendolo. “Cleo… Vieni con me!! Vieni… ehm… in camera da letto!! Volpe ti controllerà… e tu, starai di nuovo bene!!” Volpe, seguendo Ralph ed il Prescelto del gatto, disse come per rimprovero: “Volpe ti controllerà? Forse… volpacchiotto, avresti dovuto dire… io e Volpe!! Dovrai imparare anche tu ad operare!! Sei una volpe!! Anzi… Ora dovrai, sotto la mia guida, farlo tu!! Opererai tu Cleo!!” Ralph, a sentire questo, guardò in malo modo il suo allenatore, e gli ringhiò: “Cosa? Cosa dovrei fare io? Io non metterò mai le mani, come già ti ho detto, dentro i pantaloni d’un’altra persona che non sono io!! In quel posto, le zampe, ce le metterai tu!! Sono un essere umano!! Magari, per le volpi e diverso… Ma per noi… è imbarazzante… Tu mi capisci?” Volpe, nel sentire questo, mostrò ringhiando come un matto i denti al suo Prescelto, e disse: “Istinto!! Istinto volpacchiotto!! Le mamme volpe ai loro cuccioli, fanno in modo di farli stare bene, anche leccandoli lì!!  Preferisci vedere Cleo morire?” Ralph, nel sentire questo disse: “No!! No Volpe… io non volevo dire questo…” “Allora seguimi… senza fare storie, Ralph!!” Quello, ammonito così duramente, con il Prescelto del gatto sotto braccio, s’avviò verso il piano superiore con Volpe dietro, mentre Joseph e Michelle, li seguirono anche loro, non osando guardarsi in faccia.

Arrivati al piano superiore, Ralph con Cleo e Volpe, si chiusero in camera da letto. Michelle, alzando per un momento gli occhi per guardare il Prescelto del drago disse: “Menomale che io sono una fenice… Non potrei fare quello che Ralph sta facendo…” Joseph, nel sentire questo disse: “No… perché voi, galline spennacchiate, fate anche di peggio… Vi lasciate arrostire proprio come dei polli!! L’unica cosa che vi manca quando fate questo, sono le patatine!!” Michelle avrebbe voluto rispondere, ma fu bloccato da urla strazianti provenienti dalla camera da letto! Era Cleo! I due Prescelti rabbrividirono! Dopo ci fu silenzio.

Ormai erano passati più di venti minuti, ma ancora nessuna notizia dalla camera dove erano riuniti Ralph con Volpe e Cleo. Joseph, cominciò a preoccuparsi, ed andava in su ed in giù per il corridoio, sbuffando, tanto che a Michelle dette l’impressione di voler sputare fuoco. S’aprì la porta! Volpe e Ralph uscirono, ma il Prescelto della volpe era bianco in viso, come se avesse visto un fantasma. “Com’è andata?” Disse Joseph con Michelle dietro. “Puoi vederlo tu stesso Joseph!! Sto benissimo!! Anche se Ralph m’ha fatto molto male… ma cosa vuoi… Per lui era la prima volta!!” Disse sorridendo Cleo, uscendo dalla stanza, tirandosi su i pantaloni. “Ed è anche l’ultima volta!! Io non lo farò mai più…” Disse Ralph, rispondendo a Cleo, ma Volpe lo guardò male, e disse: “Questo lascialo decidere a me volpacchiotto!! Ancora tu non sai… non sai cosa significa il sangue… Comunque, Cleo ha rischiato di morire se non fossimo intervenuti in tempo!! Aveva lacerazioni gravi che, oltre a compromettere le sue funzioni riproduttive, stavano minacciando seriamente altri organi… Comunque ora è finita!! Cleo, grazie a noi volpi, è salvo!!” Ralph, rosso in volto disse: “A parte… che non ho capito cosa centra il sangue … Comunque, cari i miei Joseph e Michelle, come se non bastasse… abbiamo anche, dopo averlo operato, testare alcune sue funzioni molto particolari… Naturalmente vi lascio immaginare come e soprattutto quali!”. Joseph e Michelle arrossirono di nuovo…

 

I tre Prescelti, restarono insieme per tutta la mattinata, e Ralph giurò a se stesso, quando Volpe andò via, di non parlare a nessuno di quello che aveva fatto a Cleo, ma si scordò della tendenza che i gatti avevano di dire sempre la verità.

All’ora di pranzo, il padrone di casa, invitò i tre amici a restar con lui, e Joseph e Michelle accettarono di buon grado, mentre Cleo, stanco, volle ritornare a casa sua, ed il Prescelto del drago gli propose d’accompagnarlo in moto, così, i due andarono, mentre Michelle restò con Ralph.

 

Già in sella, Joseph e Cleo partirono. Fu un viaggio molto divertente, perché Joseph, essendo un ragazzo scherzoso, anche non avendo molta confidenza con il Prescelto del grifone, lo fece ridere con delle battute mirate alla fenice. C’era dunque da morire dalle risate.

 

Luke e Grace, insieme in macchina, stavano per andare a fare una passeggiata al mare,    quando videro i due Prescelti. “Nulla di buono…” Disse Luke alla ragazza, la quale, voltandosi verso il Prescelto dell’unicorno disse: “Perché dici così amore mio?” Quello, accendendo il motore disse: “Non lo so… non avverto tranquillità!! Sarà meglio andargli dietro!! Non vorrei che il fato di Cleo lo faccia incontrare con la Bestia!!” Grace, con molta agitazione disse: “Spero che non sia così!! Ma… come mai Joseph è con lui?” Concentrandosi, Luke rispose, diventando rosso: “Ehm… diciamo che Ralph lo ha guarito… Michelle e Joseph, insieme a Volpe erano con lui!!  Comunque… ti prego amore… non mi chiedere come… non mi chiedere come il Prescelto della volpe ha fatto!! Comunque… dobbiamo seguirli…”

 

Cleo, arrivati a metà strada, disse a Joseph: “Bene Joseph!! Ora posso proseguire da solo!! Voglio sgranchirmi un po’ le gambe!! Ti ringrazio per il passaggio!!” Il Prescelto del drago, senza sospettare nulla, si fermò e facendo scendere Cleo, gli disse: “Se hai bisogno di me… puoi sempre chiamarmi! Sai… noi draghi siamo forti! Dragur, il mio allenatore, ha detto che posso comandare tutti i rettili, infatti, questa notte, mi farà espandere in serpente, in coccodrillo ed infine… nel famoso tirannosaurus rex!!  Pensa…” Cleo, guardando Joseph disse: “Potrebbe servire!! E’ vero!! Da come mi ha detto Zoor, io posso comandare tutti i felini, mentre Ralph tutti i canidi come i lupi, i coyote ecc... anche perfino gli orsi!! Cioè tutti gli animali della terra!! Grace, invece comanda anche gli squali, le orche ecc…” “Ah!! Già!! Ma a parte Clara che comanda i cavalli alati e gli uccelli, i due che fanno più ridere sono Luke e Michelle!! Luke, a parte le zebre, comanda gli asini ed i cosiddetti equini minori… cioè tutti gli animali con le corna, come i cervi, ma anche i cammelli ed i dromedari!! Te lo immagini con l’armatura da asino? AHAHAHA!! Però Michelle ha superato tutti i limiti!! Dragur, m’ha detto che lui, essendo animale d’AFTAES, comanda animali molto particolari come gli avvoltoi, i corvi, le colombe, le tortore che annunciano la presenza delle fenici, (…e questo a me farebbe comodo…), poi, gli uccelli del paradiso, i pappagalli e per finire i pipistrelli!! Un vero Batman!! Però… tieniti forte… vedi… anche senza saperlo, avevo ragione io!! Comanda anche le galline, i tacchini ed i pavoni!! Tutti animali creati da Orzak il terribile, per contrastare le fenici!!” I due Prescelti si misero a ridere forte, e cominciarono a fare le associazioni su tutti gli animali dei vari elementi ed i loro Prescelti, ma poi, si accorsero che anche loro avevano degli animali che erano molto imbarazzanti! Solo Cleo non si lamentò molto, mentre il Prescelto del drago a sentir nominare la lucertola, diventò verde per la rabbia e la vergogna, proprio come quell’animale. I due ragazzi, così, scordarono così la minaccia della Bestia e di Dragur il demone felino.

 

Ralph e Michelle, in casa, stavano apparecchiando la tavola per il pranzo, ma, il Prescelto della volpe, ad un tratto si bloccò di colpo, tanto che gli cadde un bicchiere di mano. Michelle gli disse: “Cosa c’è Ralph?” Quello, si voltò con aria preoccupata dicendo: “Sento pericolo Michelle!! Il mio istinto da volpe è in stato d’allerta!! Non so come spiegarlo… Cleo… Joseph… sono in pericolo!! Dobbiamo uscire…” E così, i due Prescelti uscirono fuori casa, presero l’automobile, lasciando la tavola semi apparecchiata.

 

Joseph, intanto aveva lasciato Cleo e s’allontanò da lui, mentre Luke e Grace , ancora in macchina, stavano per giungere fino a dove il Prescelto del drago aveva lasciato l’amico.

 

Nicolas, nel frattempo, era alla ricerca del fratello, ed anche lui ebbe uno strano presentimento, e corse da Clara che era in casa, dicendole di correre da Cleo e dagli altri Prescelti. Quella corse subito… accompagnò il ragazzo a casa in auto, e partì di gran carriera, seguendo l’aura di Cleo.

 

Cleo, intanto, ignaro di tutto, s’avviava verso casa con l’intenzione di mangiare qualcosa e poi di fare un pisolino, ma alzando gli occhi al cielo, vide la stella nera! La Dark Star, annunciava qualcosa di brutto! Provò a correre, ma una ragazza, davanti a lui, gli sbarrò la strada. “Cavaliere di Cat!! Cavaliere di Dragur!! Finalmente ti ho trovato!! Sai… Ero molto ansiosa di conoscere chi, come me, ha evocato il male e l’oscurità assoluta!! Me lo ha detto la Bestia!! Avvicinati a me, oh mio diletto!!” Era Ely! Aveva già addosso un’armatura nera come le tenebre! Era un’armatura da tigre nera! Era bellissima ma terribile! Gli occhi di ghiaccio, con lo sguardo, penetravano nella mente! Una bellezza ipnotica e crudele! Il Prescelto, provò a scappare via, ma lei, semplicemente, lo fermò con il potere della mente… un potere di magia… magia nera! “No!! Lasciami stare!! Io… io non sono chi dici tu…” Disse il povero Cleo con terrore, mentre quella gli si avvicinò con passo sinuoso, e gli infilò sotto la gola uno dei suoi artigli aperti, dicendogli: “No caro!! Tu sei chi cerco!! Tu sei Cleo!! Cavaliere di Cat!! Dimmi… perché non hai rispettato gli ordini del nostro signore Dragur? Non ti sei lasciato espandere in grifone, e poi, non hai ucciso quelle dannate volpi!! Sei stato cattivo!! Beh… ma sei ancora in tempo!! Potrai fare tutto subito!! Sai caro… i tuoi amici stanno arrivando… Potrai fare, tutto subito!!” Il Prescelto, nell’udire queste parole ebbe paura! Sapeva che Dragur si sarebbe di nuovo fatto vivo in lui, uccidendo tutti i suoi compagni di lotta, perciò, urlò a squarciagola: “No!! Non li avrete mai!! E’ me che volete!! Comunque io sono cambiato!! Ho giurato di non far più del male!!” Quella, con gli occhi trasformati in quelli di un felino, fissandolo disse: “No!! Tu sei marcio dentro!! Proprio come me!! Anzi… guarda Cavaliere di Cat… guarda cosa puoi fare…” E prese la mano del povero Cleo, alzandola in direzione della strada dove Joseph, avvertendo anche lui qualcosa di strano, stava per tornare indietro. S’udì solo un gran botto! Una delle ruote della motocicletta scoppiò all’improvviso, facendo cadere sull’asfalto il Prescelto del drago. Per fortuna, contrariamente ad altre volte, Joseph indossava il casco… altrimenti la caduta a forte velocità avrebbe potuto essere mortale, ma, comunque, il poveretto, restò privo di sensi sulla carreggiata, mentre la moto ancora accelerata, faceva un rumore assordante.

 

“NOOOO!!!!” Urlò il povero Cleo. Ely, prendendolo dal collo gli disse: “Sei stato tu a farlo… Cavaliere di Cat!! Hai il potere della magia nera e degli anatemi!! Sei uguale a me!! Tigre della Bestia!! Contento? Sei stato tu ad uccidere il Prescelto del drago… In realtà avrei dovuto farlo io… ma fa lo stesso!! AHAHAHA!!” Cleo,  piangendo ed espandendosi in modo strano, cioè non da Prescelto, disse: “No strega!!  Non sono stato io a farlo!! Io… io sono buono!! Sei stata tu a farmelo fare… Io… io non volevo!!” Ely, guardò il Prescelto negli occhi, e disse sinuosamente: “Guarda in cielo, Cavaliere di Cat… o dovrei chiamarti Cavaliere della Dark Star… Dimmi… cosa vedi?” Cleo, con le lacrime agli occhi, si voltò verso il cielo, e vide nuvoloni neri addensarsi, coprendo il sole… Ed in mezzo, una stella nera! All’improvviso un raggio di luce viola… terribile, lo colpì! La luce proveniva dalla Dark Star! Con terrore, si guardò, e notò d’avere addosso un’armatura simile a quella di Ely! “NO!!  Non voglio!! Non voglio essere malvagio!!” Disse il poveretto, ma Ely sghignazzando gli disse: “Tu lo sei già!! Tu sei come me!! Dovrai fare il male!!  Volere supremo di Dragur e della Bestia!! Ormai le porte si sono aperte…”

 

Joseph era ancora privo di sensi, proprio mentre Clara, arrivando in automobile, vide la moto ribaltata e capì tutto! Parcheggiò velocemente, e scese dalla vettura, gridando: “Joseph!! Amore mio!! Cosa ti hanno fatto?”. Proprio allora, accorsero, arrivando di gran velocità anche Luke con Grace, e da lontano, accorse pure l’auto di Ralph. I Prescelti della volpe e della fenice, nel vedere la scena restarono immobili, ma poi, scesero anche loro.

 

Koseidos da volpe, proprio lì vicino in cerca di cibo, intanto, vedendo lo stranissimo fenomeno meteorologico, sgranò gli occhi e capì pure lui che stava accadendo qualcosa di terribile! Avvertì l’aura non più benevola di Cleo e quella di Ely, e poi anche quella dei Prescelti. Accorse anche lui in direzione delle loro aure.  Quando arrivò, vedendo quello spettacolo, cercò di contattare Volpe, ed intanto diceva: “Oh santi numi!! Dragur e la Bestia sono riuniti!! E’ una tragedia!! I Prescelti non potranno farcela da soli!! Oh Alopex… ma perché quando ti chiamo, non mi rispondi mai? Ma va bene… Farò io qualcosa… Infondo… sono la Volpe d’Atena!!”

 

Volpe ed i componenti dell’Elite, erano già stati allertati, avvertendo quell’energia!  L’unico che arrivò nella loro dimensione, un po’ in ritardo, fu Unix che si trovava  vicino ad un lago in prossimità dei Giardini di Zeus, per prendere l’acqua chiamata dagli unicorni: ‘ acqua quod perdit maledica ‘. Il poveretto, sapeva infatti, che per togliere la maledizione che Dragur il demone aveva fatto a Cleo, serviva proprio quel prodigioso liquido! Aveva dovuto affrontare mille pericoli ed avere molti permessi per poterla avere! Infatti, con il corpo da essere umano, ne aveva prelevato in una boccetta un po’, ma, anche essendo distante, l’unicorno percepì il tutto, e si teletrasportò velocemente da Pegaso.

 

Tutti in Elite erano molto preoccupati! Zoor, andava avanti ed indietro senza tregua, mentre Pegaso disse austero: “I Prescelti sono in grave difficoltà!! Dobbiamo subito dirgli di espandersi, ed indossare le loro armature!! Dovranno combattere in cinque, visto che Joseph è privo di sensi, e Cleo… Il Prescelto del grifone… non è più in lui!!  Eh!! Credo che a questo punto, dobbiamo prendere una grave decisione!! Dragur… io so che vuoi andare dal tuo Prescelto per vedere come sta, ma non possiamo intervenire per ora… tu lo sai…” Il drago, anche se con gli occhi lucidi disse: “Lo so Pegaso!! Lo so ed aspetterò!! Noi dell’Elite non possiamo intervenire!! I Prescelti sono loro!! Sono loro che devono combattere!! Ma lo so… Joseph ha la pelle dura!!  Ce la farà, ma… gli altri?” Il cavallo alato, preso dallo sconforto, si girò verso Phoenix, il quale disse: “… So che quello che vi dirò ora, caro Pegaso e colleghi dell’Elite, può sembrare triste e crudele!! Ma so anche che Pegaso ha pensato la stessa cosa!! Ma… sapete… questa è la legge!!” Tutti capirono e cominciarono a sbattere la testa come per dire no. “… So che non siete d’accordo… Ma comunque, dobbiamo dare ai Prescelti, il Lus Interficere!! Questa, purtroppo è la realtà!! Cleo… ormai, è passato al nemico!! La legge dice che se un Prescelto si comporta male, in gravissimi casi, deve essere ucciso dagli altri Prescelti, previa, l’autorizzazione di tutti i componenti dell’Elite!! Infondo, nessun Prescelto conosce il significato della fascia nera posta sull’armatura!! Noi… noi intanto diamo a loro la LICENZA D’UCCIDERE, e se ce ne fosse bisogno… speriamo di no,  spiegheremo in seguito il significato di quella fascia!!” Zoor si mise a piangere, e miagolando disse: “Miao… No!! Cleo non può essere ucciso Phoenix!! Miao!! Come fai a dire certe cose? Miao? Sei un mostro… Miao!!” Pegaso, prendendo la parola disse: “Zoor!! E’ necessario!!  E’ necessario per proteggerli!! Sappiamo bene che i Prescelti non possono causare la morte d’altri esseri viventi, ma solo ai demoni… ma, come ha detto Phoenix, loro, ancora non sanno cosa significa quella fascia!! Non è detto che dovranno farlo!! E’ solo una precauzione!! Comunque, ora facciamoli espandere… poi vedremo…” I componenti dell’Elite accettarono, e fecero espandere i loro Prescelti, dandogli anche l’armatura con la fascia nera! Tutti la ebbero… tutti tranne Cleo!

 

Capitolo 46

 

Koseidos, intanto, arrivò a destinazione proprio quando, automaticamente, senza che si espandessero volontariamente, i Prescelti indossarono le loro armature. La volpe arrivando da Ralph notò subito la fascia nera, e, nemmeno salutandolo disse: “Ma… Ma Ralph… Alopex con gli altri si sono rimbecilliti? V’hanno dato il Lus Interficere? Sono matti?” Ralph, che non aveva capito, e che non aveva nemmeno notato la fascia nera, disse: “Il lus che?? Cosa hai detto Koseidos? Senti… non so perché sei qui, ma non è il momento di parlare in latino!!” Luke, che essendo unicorno aveva capito disse: “Ralph!! Lus Interficere, significa LICENZA D’UCCIDERE!!” Il Prescelto della volpe, nel sentire questo disse: “Ah!! Si!! Ecco!! Ma… questa fascia nera? Forse, è di questa che stavi parlando Koseidos?” Quello annuì, e Ralph disse: “Ok!!  Abbiamo come l’agente 007 la licenza di uccidere… ma  chi dobbiamo far fuori?” Grace, avvicinandosi disse: “A rigor di logica, direi il nemico Ralph!! Anche… se in realtà, io vedo solo quella che è sicuramente Ely la Bestia e Cleo!! Ma… Oh mio Dio!! Guardate ragazzi!! Guardate che armatura indossa il Prescelto del gatto…” Michelle disse: “Cacchio!! E’ uguale o simile a quella di Ely la Bestia!! Allora… la licenza d’uccidere che abbiamo… dobbiamo usarla anche contro Cleo… visto e considerato che ora è un nemico?” Koseidos, s’avvide per la seconda volta, d’aver parlato troppo, e per farsi perdonare, corse verso Cleo ed Ely, mentre i Prescelti, sconvolti, stavano fermi. Intanto Clara cercò di far rinvenire Joseph, riuscendoci!

 

In Elite, siccome avevano sentito tutto, si sollevò un gran chiasso. Tutti si voltarono verso Volpe. Zoor gli disse: “Miao!! Volpaccia!! Hai visto? Miao? Il tuo collega dalla coda lunga, ne ha combinata un’altra delle sue… Miao!! Voi volpi siete animali pericolosi… Miao!! Siete tutti da stanare ed uccidere!! Miao!!” Volpe con le orecchie basse, gli rispose: “Non siamo tutti uguali Zoor!!” Ma poi, ringhiandogli contro disse: “Bada a te gatto!! Vedi… vedi in cosa vi potete trasformare voi altri? Cleo, ora è un demone felino!!” Zoor, sentendo le parole, e vedendo soprattutto i denti di Volpe, disse indietreggiando: “Miao… già… Ma anche voi non scherzate mica… miao!!  Dove la lasciate la vostra volpe a nove code? Miao?” Volpe, nel sentire questo si incupì parecchio, e gli disse con la voce rotta dalla rabbia: “Gatto!! Spera di non veder mai quello che hai nominato…”

 

Koseidos, arrivò così, proprio davanti a Cleo e ad Ely, ma non pensò neppure di nascondersi dietro ad un muretto! Capiva che per la seconda volta aveva aggravato la situazione dei Prescelti, e si morse la lingua per non dimenticarlo, ma ormai, la frittata era fatta! “Volevo diventare come Alopex… Ho imparato tutte le regole dell’Elite di nascosto… Ma Atena non mi ha voluto… così… così ho cominciato a diventare cattivo, fino a prendere quel maledetto medaglione!! E quando, proprio grazie ai Prescelti, sono riuscito ad avere un posto importante… ne ho subito combinate di cotte e di crude con la mia linguaccia!! Ma ora… ora per ripagare ai miei errori, affronterò la Bestia da solo!! Infondo, la conosco e so i rischi che sto per correre!! Ah!! E’ proprio vero… L’erba cattiva non muore mai, e… tu Koseidos, sei proprio come quell’erba!!” Pensò tra sé e sé il poveretto, e provò a lanciarsi all’attacco verso Ely. Quella, lo vide e disse a Cleo: “Oh… Guarda chi c’è! Koseidos… la volpe d’inganno!! Bene!! Cavaliere di Cat!! Ora hai la possibilità di eseguire un ordine del nostro signore Dragur!! Uccidilo!! Poi, penseremo anche agli esseri insulsi che sono lì…” Cleo, non volle far del male a Koseidos e disse: “No Ely!! No!! Io non lo farò mai!! Anche se indosso questa maledetta armatura… posso ancora rispondere delle mie azioni!! Piuttosto, colpirò te!! E questo quello che voglio e che devo fare!! Sono un Prescelto di Sagem!! Devo portare speranza, non morte e dolore!! Non posso uccidere nessuno!! E’ la nostra prima regola… forse la più importante!!” Ma Ely gli disse ridendo: “Ah si? E allora perché chi definisci amici hanno quella fascia nera sull’armatura? Se non lo sai, te lo dico io… I tuoi amici vogliono ucciderti!! Hanno l’ordine del Lus Interficere!! Quando hanno quella fascia, devono far fuori qualcuno… E da quello che intuisco, visto che, comunque, io sono un essere umano… ancora per poco… sei tu quello che dovranno uccidere!! Dimmi… Non conoscevi questa vostra regola, Cavaliere di Cat?” Il Prescelto del grifone si mise a piangere e disse: “Non è vero!! Tu menti!! I Prescelti non possono fare quello che hai detto!! Di sicuro vorranno uccidere te e soltanto te!!” Il Cavaliere della Bestia, ridendo malignamente, agguantò Koseidos dai fianchi con gli artigli che penetravano nella sua carne e disse: “Koseidos… io so, che sai tutto sulle stupide leggi dell’Elite!! Perché non dici come stanno veramente le cose all’ex Prescelto?” Koseidos, si sentì morire! I fianchi, sono il punto debole delle volpi, ed Ely, aveva quasi raggiunto con gli artigli i suoi organi interni! Il poveretto si mise a piangere pietosamente, cosa che non era da lui. “Allora… Non parli? Smetti di piangere e dici tutto al Cavaliere della Dark Star!!” La volpe, non potendo più resistere disse: “… E’ vero Cleo!! I Prescelti hanno avuto dall’Elite l’ordine del Lus Interficere!! Oh Cleo…  Fino a che sei in tempo… fa qualcosa… Perché se non lo farai… i Prescelti avranno l’ordine d’usare su di te i loro colpi mortali!! E’ una regola… Quando un Prescelto tradisce l’Elite ed il gruppo della Primula Azzurra, la punizione per tale delitto è l’esecuzione!! Ecco cos’è il Lus Interficere!!” Cleo, non seppe cosa dire! Stava male! Stava quasi per vomitare! Una rabbia incontenibile dentro di lui, stava per venir fuori! Non poté più controllarla! Dopo vari conati, Cleo, si caricò d’un energia pazzesca! E, gridando come non aveva mai fatto, disse, creando una sfera di etere nero: “No!! Sei tu malvagio!! Non dire dei Prescelti cose che non sono vere!! Il cattivo sei tu Koseidos!! Lo sei sempre stato!!” La volpe, capì quello che stava per accadere, e piangendo chiuse gli occhi, mentre Ely la Bestia, ridendo, lo liberò dalla presa, lasciandolo cadere in terra. “Colpo energetico dell’etere massimo!!” Cleo, dicendo così, fece esplodere questo colpo sul corpo di Koseidos, che lo subì tutto in pieno, restando come morto sull’asfalto.

 

I Prescelti, nel vedere la scena, senza però udire la voce di Cleo, restarono sconcertati. Soprattutto Ralph, il quale, preso da un’ira incontenibile gridò: “No…  Cleo!! Cosa hai fatto? Non può essere…  Hai ucciso Koseidos!! Allora… allora è vero? Tu… sei in combutta con la Bestia!! Ed io che credevo che fossi diverso…” Ely, nell’udire il pianto disperato di Ralph, si voltò verso Cleo e gli disse: “Già!! La volpe ha ragione!! Guarda… guarda Cavaliere di Dragur e della Dark Star, cosa hai fatto… Vedi… sei stato tu… sei stato tu a dare la morte!! E… per ben due volte, anche se la cavallina ha salvato il draghetto!!” Il Prescelto del grifone, a sentire queste parole, cominciò a stringere i denti per la rabbia, e con le lacrime agli occhi, si chinò e cominciò ad accarezzare il corpo esamine di Koseidos, dicendo ad Ely: “No!!  E’ tutta colpa tua!! Sei stata tu a sconvolgermi l’aura ed a plagiare, con il tuo influsso malefico questa creatura!! Ora lo so!! Non ti perdonerò mai!!” Ma quella, come nulla, disse: “E’ qui che ti sbagli Cavaliere… Koseidos la volpe d’inganno, questa volta ha detto la verità!! I tuoi amici sono pronti ad ucciderti con violenza!! Tu… tu e solo tu hai ucciso… Faranno solo il loro dovere da Prescelti!! Fascia nera sull’armatura!! Lus Interficere!! E’ questa… è questa la tua punizione!! Ti ricordi? Ricordi quando torturavi i tuoi compagni di scuola? Ricordi il male che hai cagionato, solo per il volere del nostro signore Dragur? Beh… ora tu avrai la ricompensa e l’onore!!  Ucciderai anche i Prescelti, e la tua… anzi… la nostra gloria sarà eterna!! Dragur e Bestia!! Ecco quel che siamo!! Non siamo diversi noi due… Siamo uguali!! Siamo demoni!! Presto la Bestia e Dragur si impossesseranno di noi, completamente e definitivamente!!” Cleo, sentì e s’alzò esplodendo la sua aura come non aveva mai fatto in vita sua, e disse: “Sta zitta!! Sta zitta!! Tu non sai… Tu non conosci il mio cuore!! Sai di me, solo quello che ho fatto in passato!! Ora sono diverso!! Debbo, ai miei amici Prescelti ed a Zoor, tutto!! Non potrete cambiarmi!! Ecco chi sono… Un Prescelto che…” “Che ha un ordine!! Un ordine da me, Dragur!! Bravo!! Vedo che hai ucciso una volpe e ti sei quasi espanso… Ma non basta!! Voglio vedere il grifone che è in te!! Voglio averne i poteri!!” Era la voce di Dragur il demone, che parlava dentro di lui! Una voce terrificante! Una voce che Cleo conosceva molto bene! Ely, che l’aveva udita anche lei, disse: “Hai visto? Non puoi ribellarti a questo!! Lo farai… farai tutto quello che il nostro signore vuole!!” Cleo, con rabbia le rispose: “No!! Io torno… io torno al bene!! Torno dai miei amici!! Tu non puoi comprendere… Sicuramente non hai nessuno… hai solo LEI… invece io si!! Ho degli amici veri…” E cominciò ad andare verso i nostri eroi, i quali non avendo capito nulla, anzi, credendo ad un attacco del Prescelto del grifone, si prepararono a difendersi.

 

“Si sta avvicinando…” Disse Michelle, vedendo Cleo arrivare; Luke, avvertendo l’aura carica del Prescelto del grifone disse: “Dovremmo attaccarlo!! Non possiamo fare altro!!” Clara, osservò il Prescelto del grifone e disse: “Ragazzi!! Secondo me è ancora Cleo!! Non sento Dragur in lui…” Ralph, non  lasciò finire di parlare la Prescelta del cavallo alato, e le disse ringhiando: “Ma cosa dici Clara? Ha ucciso Koseidos!! Presto, anche noi faremo la sua stessa fine!! Già Joseph… Joseph si è salvato per miracolo!! Dobbiamo attaccare!! Se non volete farlo voi… beh… lo farò io!!”

 

Cleo, s’avvicinò a loro senza sospettare di nulla dicendo: “Ragazzi!! Menomale che siete qui!! Quella è Ely!!” “Ah! Adesso fai anche le presentazioni? Non ci interessa!! Dimmi… Perché hai ucciso il povero Koseidos?” Disse Ralph, e Cleo rispose: “No Ralph! Credimi!! Io non volevo!!” Il Prescelto della volpe, non gli diede il tempo di spiegare, e lo colpì con il colpo della volpe, mentre gli altri Prescelti, tranne Clara, andarono vicino a Ralph, con i pugni chiusi, nell’atto d’attaccare anche loro! “Perché Ralph? Perché m’attacchi? Allora è vero quello che ha detto Koseidos… Ma… fatemi almeno spiegare!! Il nemico non sono io!! E’ quella lì!! E’ Ely!!” Disse Cleo, ma Grace rispose: “Allora come spieghi il fatto che indossi quell’armatura oscura?” Il Prescelto del grifone, avrebbe voluto parlare, ma fu attaccato da Luke in modo molto violento, con il colpo dell’unicorno Asher.

 

Ely, intanto, rimasta sola rideva! Era davvero una scena bruttissima da vedere! La disgraziata pensava: “… Uhm… Se il Cavaliere della Dark Star non si espanderà subito in grifone, ora che è attaccato con molta veemenza dai Prescelti, morirà!! Eh… Lus Interficere!! AHAHAHA!! Dragur, il mio signore, dovrà trovare un altro Cavaliere!! Beh… pazienza!! Dovrò scendere in campo io!! Comunque la missione sarà lo stesso compiuta!! Non dovrò fare altro che uccidere il Prescelto del drago ed anche Draco… il componente dell’Elite che ha preso il nome al mio signore Dragur!!  Dopo… riceverò dalla Bestia il corpo completo da tigre oscura e la conoscenza totale!! Sarò in grado d’essere superiore a chi mi ha preso sempre in giro!!  AHAHAHA!!”

 

In quel momento, fatto di dolore e paura per il povero Cleo, visto che i Prescelti, l’avevano circondato, e lo stavano attaccando con i loro colpi speciali, il pensiero del poveretto che cercava come poteva di difendersi, senza però, volendo ferire gli amici, era rivolto alle parole di Koseidos! Pensò pure che anche Dragur il demone, l’avesse abbandonato! Si sentiva come quando aveva invocato per la prima volta il demone! Era solo… Devastato dai colpi dei suoi amici che lo credevano posseduto! Non poté far altro per salvarsi, d’usare l’unica arma capace di liberarlo! Cominciò ad esplodere la sua aura in modo potente, liberando così il cosmo del suo vero animale… Il grifone!

 

Zoor, dall’Elite, circondato da Volpe, Pegaso, Dragur, Unix, Phoenix e Delphi, gridò: “No!! Miao!! Adesso si che siamo nei guai!! Miao!! Cleo… Cleo si è esploso proprio in quello che non volevamo!! In grifone!! Miao!! Adesso cosa faranno i Prescelti? Miao?” Pegaso, guardando tutti disse: “Eh!! Non resta ai Prescelti che… il Lus Interficere!! Ormai… il demone ha ottenuto ciò che voleva!! Ed è solo colpa nostra!!” Unix, dal canto suo, non era sicuro che il Prescelto del grifone, fosse davvero posseduto, e cercò di dirlo agli altri, ma né Pegaso, e né Phoenix gli diedero ascolto! Il cavallo alato, comunque, indugiava a dare quell’ordine, ancora voleva attendere gli sviluppi di quella situazione! Zoor, lo pregava con lo sguardo e con miagolii di pianto, di non farlo! Il gatto, voleva un gran bene a quel ragazzo che aveva visto nascere e crescere. “Miao… No Pegaso!! Miao!! Io non voglio che Cleo muoia a causa dei Prescelti che sono suoi amici… Miao!! Anche lui lo è!! Miao!!” Ma Delphi disse: “Se è un Prescelto, come mai si sta espandendo in grifone, quando gli era stato ordinato di non farlo? E’ evidente che le sue azioni sono controllate da un volere alieno!!” Purtroppo, tutto dava ragione al delfino! La caduta di Joseph dalla moto, l’armatura nera, la presunta uccisione di Koseidos, ed ora… quell’espansione… Cosa sarebbe successo?”

 

Nel frattempo, Cleo, già espanso in grifone, non sfoggiava più l’armatura oscura, ma una bellissima armatura d’un colore giallo e grigio sul petto, artigli retrattili alle mani, montati su dei guanti gialli anch’essi! Il casco era stupendo! Orecchie da felino bordate di nero, e la cosa più fantastica: due piccole ali gialle, sempre bordate di nero, dietro la schiena! Quella era la sua vera armatura da Prescelto, e lo testimoniava il simbolo del suo elemento… l’etere!

L’energia fu così potente da scaraventare i suoi amici intenti ad attaccarlo, a terra! Udirono solo un potente ruggito, e Ralph, affannato, s’accorse che dietro le spalle di Cleo, si era formata con l’energia dell’aura, la stupefacente figura d’un grifone! “Ragazzi… Guardate!! E’ meraviglioso…” Disse, il Prescelto della volpe in terra, rivolgendosi agli altri Prescelti. Luke, alzandosi disse: “No Ralph!! Non è per niente meraviglioso… Non ti fidare!! C’è Dragur in lui!! E’ un nemico ora… non lo dimenticare!!” Cleo, nel sentire questo disse: “No ragazzi!! Dragur non è dentro di me!! Ve lo giuro!! Dico la verità!!” Joseph gli rispose: “… E allora perché ci hai attaccato?” “… Forse perché siamo stati noi ad aggredirlo per primi…” Rispose Michelle, ed il Prescelto del drago, guardandolo sarcasticamente, disse: “Già… gallina spennacchiata!! Forse, non sei informato sugli eventi… Prima, il nostro eroe, m’ha fatto volare dalla sella della moto!! Ah!! Se non avessi avuto il casco…” Cleo, si avvicinò a Joseph dicendo: “No, amico mio!! non sono stato io… è stata la Bestia a farmelo fare!! Io… io non l’avrei mai fatto!!” Ralph, si parò di fronte a Joseph facendogli da scudo, e disse a Cleo a muso duro: “Non t’azzardare a toccare Joseph!!  Vuoi attaccarlo a tradimento, come hai fatto al povero Koseidos? Sei solo un ASSASSINO e nulla più!! Tu non sei Cleo!! Sei Dragur il demone!! Cleo è nobile!!  Lascialo stare… Demone dannato, lascia stare il Prescelto del grifone… Egli è un mio amico!!”

 

Ely, intanto sghignazzava! Guardava i suoi artigli e diceva: “Bene!! Non gli credono!! Lo attaccheranno senza pietà!! Saranno loro a fare del male!! Dragur vuole solo questo!! Per lui non ha importanza chi muore… Non gli resta che prendere i poteri di Cleo!! Non importa che muoia!!” Clara, intanto, s’allontanò dal gruppo dei Prescelti senza essere vista, e si avvicinò al Cavaliere della Bestia. Si mise dietro di lei e le disse: “Come fai a gioire per il destino di Cleo? Io… io lo so!! La strategia del demone Dragur è quella di far soffrire!! Cleo è libero!! Questo io l’ho capito!! Vuole che siano i Prescelti a fargli del male!! Non capisci? Vi stanno solo usando!! Sai… io sono un cavallo alato!! Prescelta di Pegaso!! Leggo nel cuore e nei sentimenti!! Tu… tu sei sola… proprio come lo era Cleo prima di conoscerci!! Tu stai soffrendo!! Stai soffrendo troppo!! In realtà, non sei cattiva come vuoi dimostrare!! Stai solo male!!  Lascia che t’aiuti!!” Ely, si voltò come un demonio dannato verso la Prescelta, mostrandole gli artigli, e le urlò: “Cavallo alato!! Come osi dire alla Bestia queste parole? Io non sto soffrendo!! Io sono l’oscurità assoluta!! Non soffro!! Non soffro più!! Sono forte e potente!! Morirai cavallina!! Tu non sei diversa da chi m’ha sempre ostacolata!! Sono la Bestia!! Obsurum Absoluta!!” Dicendo così, Ely, alzò le mani al cielo, e quello diventò subito scuro… tanto buio, come di notte!

 

“Guardate… Guardate!!” Disse Grace, vedendo quel buio inghiottire tutto: “Ma che sta succedendo? Oddio!! Non si vede più nulla!! Ma… lì c’è Clara!! Clara!! Scappa!!  Vieni da noi…” Disse la Prescelta del delfino, mentre Ralph, per poter vedere qualcosa, fu costretto ad usare la vista nocturna della volpe. Cleo si irrigidì e disse: “Oh no!! Il buio no!! Lì, la Bestia è invincibile!! Clara morirà!! Prescelti… Amici… Seguitemi!! Clara è in pericolo!! Dobbiamo salvarla immediatamente!! Conosco quel buio!! Presto, Clara sarà trascinata dentro ad un’altra dimensione!! E’ un eXperimentes!! Non ho tempo per spiegarvi… seguitemi…” Nessuno dei Prescelti sembrò convincersi di quelle parole, specialmente Luke che disse: “E’ una trappola!!  Vuole portarci alla morte, proprio nel loro habitat… dove sono più forti… nell’oscurità!! Vuole farci sbranare dalla Bestia e da Dragur!! Saremo anche noi loro schiavi!! Non seguitelo!! Lus Interficere!!”

Dall’Elite Pegaso sobbalzò! Non avrebbe mai voluto dare quell’ordine, però Unix e gli altri, tranne Zoor, lo guardavano aspettando, quindi il maestoso cavallo alato disse: “Fiat Lus Interficere!!” E si mise a piangere.

 

I Prescelti, immediatamente, ricevettero l’ordine! Cleo, capì anche lui, e si mise a piangere! Zoor, gli aveva detto telepaticamente solo queste parole: “Miao… Cleo!!  Perdonaci… Miao… Se mi stai ascoltando, e sei in te, mettiti in salvo!! Miao! Scappa!! Miao!! I Prescelti ti attaccheranno con colpi mortali!! Miao!!”

 

Clara, intanto, nell’oscurità, si trovò in grosse difficoltà! Aveva paura! Sapeva d’essere in grave pericolo, ma comunque, volle, siccome vicina a Koseidos, provare a guarirlo! Si avvicinò alla volpe, inginocchiandosi, e mise le sue mani sul quel corpo! Una luce bianca, squarciò il buio! Con un fremito di vita, Koseidos riprese a vivere! Purtroppo, Ely, vedendo quella meravigliosa luce, colpì alle spalle la povera Clara dicendo: “Tu… come osi portare la luce nell’oscurità? Cavallina!! Morirai… Morirai prima degli altri!!”

 

La povera Prescelta, restò paralizzata dal dolore! Fu per lei un colpo molto duro, però ebbe la forza di rialzarsi: “Io… io porto la luce!! Tu, buio devi starmi lontano!!” “La luce? Qui, ora? Io sono la Bestia!! Ti avvolgerà l’oscurità…  cavallina!! Non volerai mai più!! Non volerai proprio come me… che non ho mai volato a causa d’altri!! Odio tutti!! Tu sarai un’altra mia vittima!! Oh Bestia… Entra dentro di me… Distruggi la Prescelta di Pegaso!! Ora…” Koseidos, vedendo tutto questo, e soprattutto capendo che Clara era in pericolo, disse: “Clara!! Devi scappare!! Perché sei venuta da sola ad affrontare la Bestia?” Clara, indicò sorridendo il cielo, e con le lacrime agli occhi gli disse: “Vedi questo buio Koseidos? Presto, ci sarà di nuovo il sole e la luce!! Chi ci sta facendo del male, ha smarrito i valori dell’amicizia e della speranza!! E’ sola Koseidos… Dobbiamo solo insegnarle il bene!! Non è cattiva!!” La volpe la guardò in modo strano, e poi le disse: “No… Prescelta!! Non è come dici tu!! Ely e Cleo, ora appartengono al male!! Credimi… io… io lo so, lo so perché anch’io appartenevo all’oscurità ed ero malvagio…” “… Ma ora non lo sei più!!” Disse Clara. Koseidos le sorrise, ma Ely lo colpì sotto la pancia con molta violenza, tanto che il poveretto si mise a guaire: “… E tu… Osi dire che sei buono volpe d’inganno? Tu resterai sempre chi ha attaccato ed ucciso i Prescelti di trecento anni fa… Non hai avuto nessuna pietà per loro…” Koseidos, anche perdendo molto sangue, le ringhiò: “E’ vero!! Sono stato malvagio… Ma ora sei tu a non voler capire… Con la morte ed il dolore non ci si può evolvere!! Si resterà sempre fermi!!  Vedi… Anche se ora perdessi la vita per salvare, anche uno solo di loro, ne sarò contento!! Colpiscimi ancora!! Non aver paura!! Io soffrirò e morirò… ma tu… tu sarai distrutta!!” Clara, prese la mano di Ely e se la strinse al seno, dicendo: “Ascolta Ely… Ascolta come batte!! Questo è il cuore… Anche tu lo hai!! No! Noi non ti distruggeremo, proprio come non attaccheremo Cleo!! Ti ripeto che non sei malvagia!! Hai solo bisogno di comprensione ed amicizia!!” Ely chiuse il pugno sul seno di Clara e strinse! “Ah!! Il cuore!! Tu dici che anch’io ce l’ho? Certo… Ho il tuo!! Visto che il mio l’hanno distrutto per sempre…” Clara urlò dal dolore, e Koseidos si lanciò sulla mano di Ely, ma quella lo colpì con l’altra mano, infilandogli gli artigli in pieno sterno!

 

Cleo, intanto, vedendo che la situazione per Clara e Koseidos si stava facendo tragica, urlò ai Prescelti: “Ragazzi!! Io non scapperò da voi!! So del Lus Interficere!!  Ma ora, anche da solo, devo fare qualcosa, o Clara e Koseidos, moriranno per mano di Ely la Bestia!!” Luke gli urlò: “No!! Tu vuoi aiutare la Bestia!! Tu sei Dragur!! Non ti permetteremo di farlo!!” Cleo, girandosi di spalle disse: “Io andrò a salvare due vite!! Siete in errore amici miei!! Ve lo dimostrerò!! Dragur non è in me…” E s’avviò verso il buio, ma Luke, tolse il corno dal guanto destro, e provò a colpire il Prescelto dietro le spalle, ma lesto come una saetta, Michelle lo bloccò e gridò: “No Luke!! Non colpirlo con estrema vigliaccheria dietro le spalle!! Non fare come Orzak il terribile!! I Cavalieri non possono attaccare in codesto modo!! Non so perché… ma Cleo a me sembra sincero!! Forse… forse Dragur non l’ha sottomesso!! Non è posseduto!!” Ralph disse: “E voi ci credete? Farà fuori Clara, proprio come ha fatto a Koseidos!! Lus Interficere, ragazzi!! Seguiamolo!! Abbiamo, come l’agente 007, la licenza d’uccidere!!” Michelle voleva dire altro, ma tutti i Prescelti seguirono Ralph e così, il Prescelto della fenice, per evitare conseguenze ancora più gravi, decise borbottando, di seguirli nel buio! Fu una decisione saggia!

 

Clara, che non sapeva dell’arrivo dei Prescelti, ancora con le parole, cercò di far ragionare Ely, ma quella la colpì alle ginocchia con un forte colpo energetico dicendo: “Cavallina… E’ questo quello che ti meriti!! So bene che il punto debole di voi cavalli, sono proprio le ginocchia!! AHAHA!! Non ti preoccupare… fra un po’ non soffrirai più!! Ti sopprimerò proprio come si fa ai cavalli!! Bella fine non trovi? AHAHAHA!!” Clara, si mise ad urlare ed a piangere per il dolore che era davvero insopportabile! Koseidos, provò a leccarle le ferite, ma la Prescelta, anche alla lieve pressione della lingua della volpe, urlò ancor di più!

Joseph entrando nell’oscurità, udì il grido disperato e gridò: “NOOOOO!! Clara!! Amore!! Cosa ti hanno fatto? Non ti preoccupare!! Sto arrivando!! Resisti!!” Clara, udendo disse: “Resisterò… ma… non attaccate Cleo!! Lui… lui non è sottomesso!! Il volere del demone e quello di far soffrire!! Vuole solo i poteri di Cleo!!” Michelle completò dicendo: “… Che vi dicevo io?” Cleo, si girò dicendo: “Non sono io… non sono io il nemico!!” Luke rispose a mezza voce: “… Questo è tutto da vedere…”

 

Ely, nell’udire le parole di Clara, provò a colpirla di nuovo dicendo: “Zitta cavallina!!  La tua morte è qui!!” Ma la Prescelta, chiuse il pugno destro, ed esplodendo la sua aura colpì il Cavaliere della Bestia con il colpo del tuono di Pegaso! Un colpo diretto allo stomaco… molto forte! Ely, cadde in ginocchio sputando sangue, ma poi, prese la Prescelta dalla mano, ed incominciò ad attaccarla con gli artigli sul petto e nello stomaco, in modo molto veloce. “… Era questo che volevo… volevo provocare un tuo attacco ravvicinato Ely!! Ora sei vicina… Posso usare il potere della luce di Pegaso!! Non sei cattiva!! Vedrai la luce…” Ely, si bloccò dicendo: “Cosa? Cosa mi vuoi fare?” La Prescelta del cavallo alato, sorridendo, tra le lacrime, portando la sua aura al massimo, disse: “… Farò in modo che l’oscurità si dissolva in te, ed anche intorno a noi!! E’ la fine Ely… E’ la fine che è un nuovo inizio!! La Bestia svanirà nel nulla!! Nulla rimarrà di lei!! COLPO DELLA LUCE DI PEGASO!!”

 

Una luce portentosa, colpì Ely che si mise a gridare, e successivamente, s’espanse per tutta la via e sul cielo! I Prescelti, compreso Cleo, restarono abbagliati e meravigliati! Il povero Ralph, avendo ancora attivata la vista nocturna, s’abbagliò ancor di più, e si tenne gli occhi con il palmo delle mani, rischiando di farsi molto male, per via dei suoi artigli! Joseph, sostenendo l’amico disse: “Eh… E’ questo il problema delle volpi… Restano abbagliate sulle str…” Ma poi, capì la gaffe, e si corresse dicendo: “Questo… questo è il potere di Clara!! Meraviglioso!!” Ralph, voltandosi verso Joseph, guardandolo male disse: “Non credere che non abbia capito quello che volevi dire… Speriamo solo che né Volpe e né Koseidos abbiano sentito… Voi draghi non siete furbi abbastanza per cambiare discorso…” Michelle nel sentire questo disse: “Ecco!! Vedi Ralph cosa si prova ad essere sempre sfottuti da Joseph…”

 

Capitolo 47

 

Il cielo era diventato di nuovo limpidissimo! Il sole caldo del pomeriggio aveva preso il sopravvento sul buio! Ely, senza più armatura, era distesa al suolo in maglia e jeans! Era svenuta! Cleo, capì subito e disse sorridendo: “E’ libera!! Ora Ely è libera!! Ma… per quanto durerà?” Grace gli rispose: “Appunto!! E’ questa la domanda che vorrei porre anche a te Cleo… Quanto durerà?” Joseph, intanto, andò vicino a Clara, che dolorante non riusciva ad alzarsi, e le disse: “Amore mio!! Clara!!  Sei stata bravissima!! Ma… dimmi… come stai?” Quella gli accarezzò il viso, ma poi piangendo con un grido di dolore svenne. “Clara!! NO!!” Gridò Joseph, e poi rivolgendosi al Prescelto della fenice, disse piangendo: “Non avrei mai pensato di chiederti un favore… Michelle… tu… tu sei una fenice o sbaglio?” Il Prescelto del meraviglioso uccello disse: “… Si perché?” “Perché dovrai piagnucolare su di lei!!  Devi guarirla!! Devi guarirla con il tuo assurdo potere che non comprendo, ma che ora è la sua unica speranza… L’unica speranza di Clara!!” Michelle, sentendosi offeso dalle parole del Prescelto del drago, gli rispose: “Ma… prima di tutto, il mio potere non è assurdo!! Il potere assurdo sarà il tuo… E poi, non posso piangere a comando…” Joseph lo guardò male e gli disse: “Secondo me, gallina dalle uova d’oro, il fatto è che ti vergogni di piangere… Fallo e basta!! Altrimenti…” Michelle, considerava il piangere roba per femminucce, ma, in quel frangente, non poté tirarsi indietro, e disse trasformandosi in fenice: “Piangere è debolezza!! Però Clara è un’amica!!” Così, borbottando, volò su Clara, precisamente sulle sue ginocchia e cominciò a versare, su quelle ferite che erano molto profonde, moltissime lacrime! Quando ebbe finito, il Prescelto della fenice si ritrasformò in umano, abbassando la visiera del casco per non far vedere agli altri che anche da umano stava piangendo! Le ferite della Prescelta del cavallo alato, così furono sanate in un modo tanto prodigioso che i Prescelti non s’accorsero subito che intanto Ely si era svegliata, colpita dal sole che con i suoi raggi le illuminavano il viso. “Dove mi trovo? Oh mio Dio…” Disse Ely, come risvegliandosi da un incubo, Clara le andò vicino e le disse: “Non hai più nulla da temere!! Ora… ora sei con noi!!” Quella, nel sentire quelle parole, ricordò d’improvviso quello che era accaduto, e piangendo disperatamente disse alla Prescelta del cavallo alato: “No!! Non è finita… Lei… lei ritornerà in me, e questa volta ucciderà!!” Poi, prendendole il braccio supplicò: “Dovete scappare!!  Dovete andarvene!! La Bestia e Dragur sono spiriti immortali!! Nessuno… nemmeno voi Prescelti, potete fare qualcosa!! Loro entreranno in me ed in lui… Uccideteci!!  Solo questo… solo questo potete fare!! Almeno… almeno non faremo più del male!!” Disse Ely indicando Cleo, ma il Prescelto del grifone le disse dolcemente: “Non accadrà più!! Quel demone dannato si nutre di paura… della nostra… Beh… ora io non ne ho più!! Nemmeno tu dovresti averne!! Sarai forte abbastanza per tenere lontano la Bestia!!” Ely, lo guardò ma distolse subito lo sguardo da lui e disse: “So che ora sei sincero… ma tra un po’… loro saranno di nuovo in noi!! Quelli che ora chiami amici, non potranno fare altro che scagliarsi contro di te e me per eliminarci!! Se non lo faranno, saremo noi a farlo a loro!!” Luke, nel sentire questo disse: “Appunto!! Dobbiamo subito escogitare qualcosa!! Avverto oscurità nonostante questa pace che ora ci circonda!!” Clara gli si avvicinò e disse: “Ed io la batterò di nuovo!! La luce che è in me, accecherà di nuovo il buio!! Grazie Michelle per avermi guarita!!” Michelle avrebbe voluto parlare per dire alla Prescelta che non ce ne era bisogno, ma Ralph disse: “Quindi… la luce di Pegaso… ha solo un effetto temporaneo? Ah!! Ed io che credevo che Pegaso fosse infallibile!!” Luke rispose: “Lo è solo quando è la persona singola ad essere indurita dall’odio, proprio come Volpe… Ricordi Ralph la storia? Invece… qui è un caso di possessione demoniaca… Anzi… due casi!! Dovremmo prepararci per attaccare!!” Grace rispose: “Non sono d’accordo!! Per logica, la violenza porta sempre ad altra violenza!! Quindi… attaccarli non è una cosa molto intelligente… Non vi pare ragazzi?” Clara, ascoltando con molto interesse quello che la Prescelta del delfino aveva detto, disse: “Io sono d’accordo!! La pace è l’unica strada per portare la speranza, proprio come vuole Sagem!!” Joseph urlò: “Ma noi siamo Prescelti!! Dobbiamo combattere… è questo il nostro scopo!! Pensate per caso che Dragur e la Bestia si calmino con dolci parole oppure con le carezzine? Ci vuole il fuoco ardente!! Ecco quello che si meritano quei due…” “Si… ma, se colpiremo la Bestia e Dragur, inevitabilmente… colpiremo anche Cleo… Non oso pensare a quello che potrebbe accadergli!!” Disse Ralph, ma Luke rispose: “Ecco perché i componenti dell’Elite hanno deciso di darci il Lus Interficere!! Anch’io sono legato a Cleo, anche perché, prima dell’unione all’Elite di Unix, Delphi e Zoor, noi tre, cioè io, Cleo e Grace, abbiamo condiviso le prime emozioni d’essere Prescelti!! Quindi… nemmeno io vorrei… Però dobbiamo attenerci agli ordini dell’Elite!!” Cleo, avvicinandosi al Prescelto dell’unicorno disse: “Amico mio… Ragiona… Sono io… Sono il tuo amico!! Dragur… Dragur è solo un brutto sogno!! Io voglio chiamare con questo nome, solo il drago, allenatore di Joseph!! Sono un Prescelto… proprio come te Luke!!” “Intanto hai dato al mostro la tua espansione in grifone, probabilmente, aumentandogli il potere!! Hai fatto, anche senza volerlo, quello che Zoor t’aveva ordinato di non fare!! Hai disubbidito!!” Disse Luke a denti stretti: “Ora… ora è diventato imbattibile, proprio grazie a te!! Dimmi Cleo… Come ci si sente ad essere in torto?” Cleo in lacrime, udendo le parole di Luke disse: “… Mi ci avete costretto!! Io… io non volevo!! M’avevate attaccato prima voi!! Non è forse anche questa una regola di noi Prescelti? Non attaccare se non si è attaccati? E poi… io l’ho fatto solo per difendermi!! Non ho usato attacchi diretti ma solo l’aura!! Non vi avrei mai fatto del male!!” Ralph, ricordandosi dell’attacco avuto nella dimensione dell’Elite, disse: “Mah… Comunque… potevi evitare d’attaccarmi in Elite!! Invece…” Cleo, nel sentire questo disse: “Chiedo di nuovo perdono!! Ma… quello non ero io…”

 

Ely, intanto, ascoltando, ebbe un brivido… Avrebbe voluto dire la sua, ma una voce nella sua mente la sconvolse! Diventò pallida! “Ely… Mio Cavaliere!! Fa finta di nulla!! Non far capire che ti sto parlando!! Ora… ora sono dentro di te!! Comando ancora le tue azioni!! Sono io chi devi servire!! La Bestia!! AHAHAHA!! Fra un secondo… anche Cleo verrà ad essere impossessato da Dragur, nostro signore!! Il suo primo vagito sarà la Dark Star che porterà pianto nella cavallina che tu tratterrai con gli artigli alla gola!! Mi ha oltraggiata!! Mi ha offesa con la luce… Offendendo me, ha anche oltraggiato te!! Ora… ora va vicino alla cavallina, e fa la finta amica!!  AHAHAH!! Proprio come hai fatto con la tua compagna di scuola, che alla fine… che alla fine hai gettato in un pozzo!! Ti ricordi, mio Cavaliere?” Ely rabbrividì, ma fu costretta a fare quello che le era stato ordinato dalla Bestia, quindi s’avvicinò a Clara, ma quando fu vicina le disse: “Clara… devi scappa…” Ma non poté finire la frase ed avvertirla del pericolo, perché un improvviso, forte dolore allo stomaco, la fece piegare in due! Clara, che non aveva capito disse: “Ely… Ma che ti succede? Cosa volevi dirmi?” Quella, seguendo quanto le era stato ordinato dalla Bestia, disse: “… Nulla… Volevo solo ringraziarti per quello che hai fatto per me!! M’hai liberata!! Ora… Ora io voglio solo abbracciarti!! Posso?” Clara, credendo in un abbraccio sincero, le disse: “Oh… Certo Ely!! Noi Prescelti serviamo per difendere!!  Come ti dicevo, l’ho capito sai… Ho capito che tu infondo non sei cattiva!! Solo le vicende della tua vita, t’hanno portata a far del male!! Ma ora tutto è diverso! Vedrai… diventeremo grandi amiche… sempre che tu voglia!!” Ely, sentendo così, con uno sguardo strano, le si avvicinò e l’abbracciò, ma nel farlo, i suoi occhi tradirono un dolore profondo. Koseidos s’accorse di questo, e corse da Ralph, sussurrandogli: “Ralph!! Quell’abbraccio non mi convince!! Non si può abbracciare così, senza ritegno una persona che quasi non si conosce… Sicuramente… c’è la Bestia dietro… Clara, Clara è in grave pericolo!! Avverti gli altri!!” Il Prescelto della volpe, abbassandosi verso di lui disse: “Ma no… Cosa dici… Una scena così dolce? Non può essere!! Non credo a quello che dici… E poi, io non sento pericolo!!” Ma la volpe, ammonendolo disse: “Allora Alopex non ti ha spiegato proprio nulla? Devi osservare bene… Le volpi osservano tutti i comportamenti!! Sono le sentinelle del pericolo!! Sentimi bene ora… Avverti gli altri Prescelti dell’imminente pericolo!!” Ma Ralph non fece nulla.

 

Come colto da un fulmine, Cleo sgranò gli occhi! Cominciò a sudare freddo e fu scosso da un tremore improvviso! Anche lui, infatti, udì una voce… una voce famigliare ma terribile: “Mio Cavaliere… Sono Dragur!! Sono dentro il tuo corpo!!  Grazie per esserti esploso in grifone!! Sento il mio nuovo potere!! Presto, con lui, potrò esternarmi con il mio corpo in questa dimensione!! Così, farà anche la Bestia… mia compagna!! Voi due… resterete nostri Cavalieri in eterno!! Ely mi vendicherà uccidendo il Prescelto del drago e Draco… Draco che mi ha rubato il nome, mentre tu, quando vedrai la Dark Star potenziare il tuo corpo, ti farò attaccare colei che ha portato la luce!! Non si doveva permettere!! Non si doveva permettere di far vedere la luce al Cavaliere della Bestia!!” Cleo, non poteva muoversi! Aveva purtroppo capito! Cercò di urlare ma non ci riusciva! Era come paralizzato! Però… però piangeva! Stava lentamente arrivando il momento dell’attacco! Come… come poteva colpire Clara? E poi? Pensava al Lus Interficere! Sarebbe stato ucciso dai suoi amici! Questo pensiero lo uccideva dentro! Il problema era, che sarebbe stato lucido per tutto il tempo! Avrebbe, piuttosto, preferito morire! Ma… tutto stava per compiersi nella sua tragica realtà! Realtà crudele… realtà di dolore, morte e terrore!

 

L’abbraccio mortale tra Ely e Clara continuava… Ely non aveva idea su quando il tutto sarebbe successo… Poteva accadere tra un minuto… un secondo… un attimo! Solo una luce viola! Solo questo era il segnale! Avrebbe, anche lei, voluto avvertire tutti, ma anche lei, proprio come Cleo era paralizzata! Sentiva il suo corpo predisporsi per ricevere l’ingresso totale della Bestia! Lo stomaco le si strinse, tanto che pensò di stare per rigettare, ma… questo non accadde! Tutto poteva essere  scoperto… e così, la poveretta, proprio per far capire agli altri quello che stava succedendo, tentò di provocarsi da sola il vomito, ma non ci riuscì! Nessuno s’accorse di nulla! Solo il povero Koseidos comprese… comprese tutto! La volpe, cercò di correre da Clara, ma Ralph lo trattenne prendendolo in braccio! “Cosa fai Ralph? Mettimi giù!! Lasciami andare!! Non hai ancora capito quello che sta per succedere? CLARA MORIRA’ E COSI’ ANCHE VOI!!” Ma il Prescelto della volpe non gli diede retta, anzi, gli disse: “Koseidos… non vedi? Non c’è più pericolo ormai!! Clara ha vinto!! Clara ha vinto la Bestia!!” Koseidos, nel sentire questo, e soprattutto capendo che nessuno avrebbe fatto nulla, come un lampo, morse la mano di Ralph per liberarsi, e fuggì in direzione di Clara dicendo: “Perdonami Prescelto… Presto… presto capirai perché l’ho fatto!!” Ma Ralph incominciò ad urlare: “Koseidos!! M’hai morso!! M’hai fatto male!! Perché? Vieni immediatamente qui!!” E provò ad inseguirlo, ma quello più agile, già era arrivato. Ely lo vide! Con lo sguardo pieno di lacrime, gli fece capire tutto! Gli sguardi di Ely e di Koseidos, stavano in quel momento comunicando! Così, preso da un fremito, la povera volpe, prese a tirare dall’armatura Clara, la quale girandosi gli disse: “… Ma Koseidos… Cosa fai?” Quello stava per rispondere… quando…

 

Tutta l’aria intorno si fece buia di nuovo! Cleo, fu colpito da un raggio di luce viola, e comparve su di lui la Dark Star, mentre la sua armatura da grifone si colorò di nero! Ely, anche lei aveva cambiato aspetto! Il suo corpo fu di nuovo ricoperto da quella terribile armatura! Era evidente che il demone Dragur avesse davvero preso tutti i poteri da grifone!

Koseidos si mise subito in posizione d’attacco verso Ely, mentre anche i Prescelti erano nel più completo panico! Ralph, avendo finalmente compreso la realtà si disperò dicendo: “Perché? Perché non ho dato retta a Koseidos ed al mio istinto? Volpe… Volpe aiutami tu…” “Ragazzi! Che vi dicevo? E’ tutto compiuto!! E’ davvero la fine!! Siamo spacciati!! Non ci resta che eseguire il terribile ordine dell’Elite!! Fascia nera!! Lus Interficere!! Dobbiamo uccidere Cleo ed Ely prima che loro uccidano noi e prendano anche i poteri dell’AFTAES, che al momento non possiamo usare, in quanto l’etere non c’è!!” Urlò Luke.

Intanto, Clara che aveva capito, cercò di allontanare Ely, ma quella, seguendo l’ordine che aveva ricevuto dalla Bestia, la prese per il collo con i suoi lunghi artigli da tigre: “Sta ferma cavallina!! Cosa credevi? Credevi d’avermi sconfitta? No? Vedrai… sta per arrivare la tua morte!! Chi sfida la Bestia deve morire!!” Clara s’accorse che nonostante le dure parole che Ely le aveva detto, il suo sguardo, come anche quello di Cleo, tradiva una tristezza senza fine! Così, la Prescelta urlò agli altri: “Dobbiamo aiutarli!! Dobbiamo fare qualcosa!! Non sono cattivi!!” Ma Cleo, che ormai parlava come il Cavaliere di Dragur, disse: “No cavallina!! Ti sbagli!! Siamo Dragur e la Bestia!! Siamo predatori!! Stringi la sua gola ancor di più Bestia!! Falle assaporare il gusto del suo stesso sangue!!” Clara cominciò a piangere per il dolore, perché con gli artigli, Ely aveva quasi raggiunto parti vitali! “No!!!” Urlò Joseph raggiungendo l’esaltazione della sua aura fino allo stato di plasma! Ma Ely urlò a Cleo: “Cavaliere della Dark Star!! E’ arrivato il momento!! Usa il tuo nuovo potere che hai donato al nostro signore Dragur!!”

 

In Elite, Zoor si voltò con lo sguardo preoccupato a Pegaso e gli disse: “Miao… E’ la fine!! Miao!! Pegaso… Cleo userà i poteri da grifone per uccidere!! Miao!!” Il cavallo alato, guardò Phoenix, il quale disse: “Lus Interficere!! Solo questo ci potrà salvare ormai…” Dragur invece si mise a piangere dicendo: “Tutto… tutto questo è successo solo per colpa mia!! Ora si sono riuniti i due demoni!! Avrei dovuto saperlo prima… Pegaso… Io vado… vado dai ragazzi!! Non posso stare qui solo a guardare!!” Unix lo fermò dicendo: “Caso mai, dovrò intervenire io!! Ho pensato ad una soluzione… Forse… forse ce la possiamo fare!! Ma… purtroppo, questo potrà essere ancor peggio del Lus Interficere!! Se va tutto come dovrebbe… forse, i due demoni, come sicuramente già avranno progettato, prenderanno forma animale!!  Infondo, è tutto quello che vogliono i demoni!! Avere un corpo per fare il male!! Noi, allora, potremmo evitare d’uccidere Cleo e quella ragazza facendo fuori loro… Ma…” “Ma che? Forse c’è altro Unix?” Disse Volpe, e l’unicorno rispose: “Potrebbero uccidere tutti!! Questo è il problema Volpe!! E… forse… potranno anche aprire dei poltergeist!! Conseguentemente a questo, potranno entrare nella dimensione degli esseri umani, e forse anche qui da noi, creature d’ogni genere!! Però… credo che sia un rischio che dobbiamo correre!!” Phoenix disse: “Io… io resto per il Lus Interficere!! E’ una soluzione rapida e quasi indolore!!” Zoor, miagolando tristemente, disse, arrabbiato verso Phoenix: “Miao… Eh Già… Indolore… indolore forse per te che non perdi il tuo Michelle!! Miao!! Ma… ma io perderò il mio Prescelto… Miao… Il mio Cleo!! Miao!!” Pegaso, nell’udire le parole di Zoor, disse: “Dobbiamo salvare e non uccidere!! Se è possibile evitare lo spargimento di sangue tra i Prescelti sarà meglio!! Unix… anche se i modi di voi unicorni mi lasciano alquanto perplesso siccome sono un cavallo, ti do il benestare!! Comunque… resterà ai Prescelti l’altra opzione!! La fascia nera!! Speriamo che non usino colpi mortali… visto che ormai sanno il significato del Lus Interficere!!”

 

Intanto, Cleo, ridendo malignamente, si caricò d’una energia molto forte, e dai suoi palmi delle mani apparve un’energia particolare! Era come un buco nero, e nel farlo disse: “Spazzerò via per Dragur quella dannata cavallina!! Di lei non resterà solo che il ricordo!! Cavaliere della Bestia… contempla… contempla ciò che tutto distrugge!!  Contempla il potere che è contenuto come etere nelle stelle!! Potere delle stelle che non muoiono, ma che si trasformano, attraendo verso di esse tutto quello che c’è nell’universo, fermando o velocizzando il tempo!! Clara… la Prescelta di Pegaso verrà risucchiata dalla Dark Star, che ora ha raggiunto la sua forma completa, facendola sparire in dimensioni sconosciute… Ecco… Ecco il potere della Dark Star!!” Dicendo così, l’energia salì di livello e, quel buco nero diventò sempre più grande e minaccioso, tanto che trascinò verso di se la povera Clara che intanto gridava dal terrore! “NO!! Non riesco a stare ferma!! Joseph… Prescelti… AIUTATEMI!! NON VOGLIO MORIRE!! PEGASO!! DAMMI LA FORZA PER ANDARMENE VIA DA QUI!! DEVO SCAPPARE!!” Koseidos, aprendo gli occhi, anche se mezzo morto, vide il terribile prodigio e capì! Egli già, in passato aveva visto cose simili, ma quello superava ogni immaginazione! Non c’era scampo da un simile potere, e la volpe lo sapeva bene! Quindi, gridò a Clara: “Vola Clara!! Apri le tue bianche ali!! TRASFORMATI!! SEI UN CAVALLO ALATO!! PUOI VOLARE!!” “Zitto sub-creatura!! Non ti permettere!! Tu sei come me… malvagio per natura!! Dovresti esserne contento… dovresti gioire della morte dei Prescelti!!” Disse Ely, colpendolo  con un colpo energetico, tanto forte, che il poveretto rimase a terra tramortito! Clara, vedendo questo urlò: “NO!! KOSEIDOS!! PERCHE’… PERCHE’ TANTA VIOLENZA INGIUSTIFICATA? ELY!! QUESTA CREATURA VOLEVA SOLO AIUTARMI!! PERCHE’ L’HAI COLPITO?? MALEDETTA!!” E colpì Ely con molta rabbia, con un colpo detto della saetta di Pegaso! Clara nel farlo, esaltò talmente tanto la sua aura in modo tanto incredibile, che nel farlo inondò di luce tutto e tutti, e poi, nonostante la forza che la trascinava verso la Dark Star, la Prescelta si trasformò…

 

Quello che apparve agli occhi di tutti i presenti, fu una cosa meravigliosa! Un cavallo alato bianco di immensa bellezza, che aprendo le sue maestose ali, riuscì ad uscire dalla traiettoria del raggio viola della Dark Star, portando luce e nitrendo come per gioire della vita! Joseph nel vedere questa meraviglia, disse piangendo: “E’ dunque questo il vero potere di Clara? E’ meraviglioso!! Non ho mai visto una cosa così bella!!” Michelle, anche se abbagliato da quella bellissima vista, disse: “Certo… non c’è che dire… è bella!! Ma noi fenici lo siamo ancor di più!!” Il Prescelto del drago, lo guardò male e disse: “Belli? Ah!! Non mi fare ridere!! Da quando in qua le galline spennacchiate, e lo sei davvero, poiché le puoi comandare a tuo piacimento, sono belle? Guarda… guarda la mia Clara!!” Michelle mise il muso,  mentre Ralph disse: “E’ molto bella e possente!! Ma credo che comunque non arrivi mai alla bellezza ed alla perfezione di noi volpi…” Infatti, le volpi sono molto vanitose e credono d’essere le più belle! Non a caso, Venere è appunto la protettrice delle volpi…

 

Tutti furono interrotti da un grido… Era Cleo: “MALEDETTA!! Come ti permetti di non morire e di trasformarti in quello schifo!! NESSUNO… NESSUNO PUO’ SOTTRARSI A DRAGUR!! COLPO MORTALE DELL’ETERE NERO!!!” E colpì Clara al garrese! Un nitrito di dolore incredibile echeggiò, e poi la poveretta perse quota, cadendo rovinosamente a terra! Non riusciva più ad alzarsi, e nitriva guardando Joseph come per chiedergli aiuto! Ad Ely non bastò! Colpì la cavallina con gli artigli, facendola sanguinare molto! Clara emettendo un urlo, restò stesa al suolo, da cavallo alato, vicino al povero Koseidos.

 

Pegaso dall’Elite, si disperò! E piangendo… con una rabbia incontrollabile disse: “CLARA!! NOOO!! MIA PRESCELTA!! SANGUE MIO… ORA BASTA!! TUTTO DEVE FINIRE!! FIAT LUS INTERFICERE!!” Tutti, compreso Phoenix, cercarono di far ragionare il cavallo alato, ma poi Unix contattò il suo Prescelto telepaticamente, dicendogli: “Ora tocca a te Luke…”

  

Capitolo 48

 

La situazione ormai pareva disperata per i nostri eroi… Tutti i gesti, parole e le azioni di Cleo ed Ely erano condizionate dai demoni Dragur e Bestia! Purtroppo erano coscienti del male… e soffrivano, in quanto le loro coscienze ed il loro io non erano stati soppressi!

 

La povera Clara, distesa al suolo gemeva! Joseph, al limite della sopportazione decise di far qualcosa, così si caricò ed andò ad attaccare Cleo! “Maledetto!! Te la farò pagare cara!! Ti meriti il fuoco eterno del drago… anzi… il plasma!! Non potrai sottrarti alla giusta punizione!! Ora… ora comprendo gli ordini dell’Elite!! Eseguirò tutto!! Preparati…” E dicendo così, emise su Cleo il fuoco plasmatico mettendoci tutto se stesso. Clara, nel vedere il Prescelto del drago così disperato e furioso, emise un nitrito di dolore e disse: “Joseph!! Mi fai paura!! Non diventare come loro… ti prego!!” Ma quello, ormai, aveva già lanciato il suo colpo mortale. Cleo, alzò semplicemente una mano verso quell’onda d’energia, riuscendo a trattenerla ed a pararla! “AHAHAHA!! E così speri di colpire me… il Cavaliere di Cat della Dark Star? Non sai che tutti i poteri e colpi energetici hanno bisogno dell’etere per funzionare, in quanto sono pura energia? Sei un idiota Joseph!! E per questo morirai per primo!! Dopo, toccherà alla cavallina ed agli altri FALLITI dei Prescelti!! Mi rendo conto che Koseidos aveva ragione a definirvi così…” Koseidos nel sentire questo, gemette con un prolungato guaito. Ridendo, Cleo, sotto lo sguardo terrorizzato di tutti, rispedì indietro al mittente il fuoco plasmatico, mandando in frantumi l’armatura del Prescelto del drago, che finì in terra con gravissime lesioni! “No!!! Perché? Perché ti comporti così Cleo? Fermati ti prego!!!” Urlò Ralph, ma quello gli si avvicinò, e prendendogli un braccio, ferendolo gravemente, disse: “Ah!!  Proprio tu volpe mi fai le prediche? Proprio tu, che se vuoi puoi diventare ancor più crudele di me? Voi volpi siete animali oscuri!! Animali capaci di strappare la carne dalle ossa senza provare pietà… e non solo… Tu Ralph sei un MOSTRO!! Ah!! Per chi non lo sapesse, la capacità che hanno le volpi di guarire gli organi genitali degli altri, proviene dalla inversione dei poteri da sciacallo, dette anche ‘ FORZE DELLA NATURA ‘!! Questi animali, invece di guarire tali organi, li distruggono!! Noi felini lo sappiamo bene… Gli sciacalli, per attaccare una preda, colpiscono con estrema violenza i testicoli, staccandoli a morsi mentre la preda è ancora viva!! Guarendomi… a casa tua, non hai tolto in me la ‘ GRAZIA ‘ che Dragur ha voluto per i miei discendenti… No!! Hai solo toccato inutilmente i miei gingilli!! Ti sei divertito tu e Volpe? Vi siete divertiti a comportarvi da sciacalli? Già… questo è proprio quello che puoi diventare!! Per non parlare che i veri mostri siete voi volpi… altro che sciacalli!! Creature dalle nove code… Kitsune!! Proprio quello che Volpe stava diventando a causa dell’odio per gli esseri umani!!” Ralph, nel sentire questo disse: “No!! Tu menti!! Cosa sarei io? No!! Il vero mostro sei tu!! E’ stato Sagem… è stato Sagem a volere le volpi!! Io… io non faccio parte dell’oscurità!!” E dicendo così, con la rabbia che aveva in corpo, il Prescelto della volpe, si caricò d’un energia mai vista prima! La sua aura si colorò di un rosso intenso, e chiudendo i palmi delle mani, con le dita verso l’interno, gridò, portando dietro il pugno per poi colpire Cleo: “Colpo energetico mortale della volpe!!”

 

Quello che apparve, lasciò tutti senza fiato! Anche Volpe dall’Elite e Koseidos, che avendo avvertito tanta energia, gridarono all’unisono: “No!! No!! Ralph!! Non farlo!! Non fare raggiungere la tua aura fino a questo punto!! Non solo ucciderai Cleo… Ma potresti richiamare in te il DIAVOLO ROSSO!! E’ una condizione particolare della tua aura da volpe!! Ed è estremamente pericolosa!!” Ma Ralph non diede ascolto, e lanciò il colpo! Si vide come una volpe energetica correre verso Cleo! Una cosa incredibile! Era tutta rossa quell’energia, e provocò anche l’apertura sul terreno di un canyon con conseguente scossa sismica d’immensa magnitudo! Il Prescelto della volpe, non sembrava essersi accorto della pericolosità di quello che aveva fatto… Cleo, in ogni modo, riuscì a schivare il colpo, ma fu colpito ad un braccio che si ruppe in diversi punti con un rumore terribile, accompagnato da un urlo!

Quando tutto fu finito, Ralph rimase senza fiato con il braccio ancora sospeso in aria, in posizione d’attacco! Un silenzio di tomba piombò su tutti! Nessuno osava muoversi! Si udiva solo il battito impazzito del cuore del Prescelto della volpe! Solo allora, egli si rese conto di quanto era successo! Cadde in ginocchio, togliendosi il casco dell’armatura, ed incominciò a piangere! “Mio Dio!! Cosa ho fatto? Dunque… sono davvero un mostro? Ho paura!!” Koseidos, si rimise con difficoltà sulle zampe, e gli andò vicino, e leccò Ralph alle mani dicendogli: “… E’ questa la volpe Ralph!!  E’ questo il tuo vero potere!! Dovevi farlo… dovevi farlo prima o poi… Ma non così… non qui!! Non devi aver timore per quello che sei, cucciolotto!! Vedi… è la nostra natura… Ma tu… tu… per un istante, stavi risvegliando qualcosa di terribile!!  Non farlo più!! Mai più!! Se la tua aura raggiungeva un gradino superiore… saresti diventato volpe a nove code… forse… forse non è accaduto nulla, ma Alopex… Alopex dovrà controllare!!” “Cosa ho fatto? Dimmelo Koseidos!!” Disse Ralph disperandosi, ma la volpe non disse nulla, e continuò a guardarlo con tenerezza e dolore, leccandolo. Solo Ely parlò e disse: “Beh… Farebbe comodo avere a disposizione il potere di quella volpe!! Il Prescelto Ralph potrebbe servirci!!  Infondo… anche la volpe odia gli esseri umani!! Ecco il perché delle Kitsune!!” “Cosa?” Disse Michelle: “No!! Non farete di Ralph quello che volete!! Questo non accadrà mai!!” Cleo, udendo queste parole, tenendosi il braccio rotto, si caricò di nuovo, e con uno sguardo ad Ely, sembrò comunicargli qualcosa!

 

Luke, fu interpellato da Unix, il quale gli disse: “Luke!! Ora, visto che si tratta di demoni e quindi centra il soprannaturale, credo che bisogna scendere in campo!! E’ troppo pericolosa la situazione… Non vorrei che succedesse altro…” Luke, rispose all’allenatore: “… Si Unix… Ma abbiamo l’ordine del Lus Interficere!!” “No!! Dovete evitare questo!!” Proruppe l’unicorno: “… In realtà, eseguendo quest’ordine, potreste non risolvere il problema!! Sarebbe solo un’inutile esecuzione che non porterebbe a nulla!! Uccidereste solo Cleo e quella ragazza, ma i demoni potrebbero impossessarsi di rimando, in qualcun altro!! Fa come ti dico… teletrasportati qui in Elite, e prendi l’acqua che ho preso nei giardini di Zeus!! Questa servirà per togliere la maledizione ai discendenti di Cleo!! Falla bere al Prescelto del grifone solo quando te lo dirò io!! Ti darò altre spiegazioni quando verrai in Elite…” Disse Unix, e Luke, si teletrasportò, mentre Grace non vedendolo più, voltandosi verso Michelle disse: “Michelle… Non mi piace per niente!! Luke… Luke è appena sparito!! Dove sarà andato? Su Ralph non possiamo contare!! E’ distrutto da quello che ha appena fatto!!  Ha consumato tutte le sue energie!! Il povero Joseph, è a terra e non so in che condizioni è… la stessa cosa vale per Clara!! Cleo… Cleo ora è nostro nemico!! Ci siamo solo noi due!! Temo… temo per quello che potrà accadere!! SIAMO SOLI!!”  Urlò la Prescelta del delfino, e il Prescelto della fenice disse: “Luke sarà scappato… Non lo facevo così pauroso… comunque… non ti preoccupare Grace!! Ci sono io!!” Quella, guardando Michelle disse: “Pauroso ci sarai tu… Luke, forse, avrà qualcosa in mente… Comunque, contatterò Delphi!! Lui mi saprà dare spiegazioni logiche…”

 

Intanto, in Elite, Unix stava parlando con Luke… “Prendi quest’acqua… Conservala bene!! Magari nascondila da qualche parte!! Fa in modo, Luke, che non si danneggi la bottiglia!! Poi, ti dirò quando e come usarla… Per ora, sappi che dobbiamo agire per far in modo che i due demoni prendano sembianze animali!! Dobbiamo farli uscire da Cleo e da Ely!! Aspetta i miei ordini!!” Il povero Luke, al sentire questo disse preoccupato: “Ma… Unix… E’ pericoloso… Se quei due demoni prendono sembianze di grifone nero barra pantera, e di tigre nera… per noi sarà davvero la fine!! Faremo la fine del topo… Ma… davvero Unix hai intenzione di farlo? E come?” Pegaso prese la parola dicendo: “C’è da salvare la mia piccola Clara e Cleo!!  L’ordine del Lus Interficere, da questo momento è annullato!!” Zoor esultò, mentre Volpe disse: “Pegaso… da quando in qua un cavallo alato si fida d’un unicorno?” Pegaso, con grande preoccupazione, ma sorridendo a Unix, disse: “Da quando ho imparato dai miei errori!! Volpe… Siamo una squadra… anzi… per i nostri ragazzi, siamo una FAMIGLIA!! Dobbiamo fidarci e difenderci a vicenda!! Quando c’è la vita di mezzo, non esistono differenze di specie!!” Unix guardò a sua volta Pegaso sorridendo, e disse a Luke di tornare nel luogo del combattimento.

Mentre il Prescelto stava andando via, la pericolosa fascia nera, scomparve come per magia dalla sua armatura, e così anche su quella degli altri Prescelti.

 

Fu Ely ad accorgersi di questo… Si voltò verso Cleo e gli disse: “Cavaliere della Dark Star!! Non hai più addosso il Lus Interficere… e così nemmeno io!! I Prescelti non hanno più quella fasciaccia nera!! Mi domando, se i componenti dell’Elite, si sono rimbecilliti di colpo…” Dentro di se, Cleo, nel sentire così esultò, ma non poté dimostrarlo! Il demone dentro di lui, sottomise questo sentimento e gli fece dire, calpestando una zampa di Clara con molta violenza: “Ah!! Questa è una bella notizia!! Cavallina… hai sentito? Non potrete più nuocere a nessuno!! AHAHAHA!!  Contenta?” E sferrò sul suo corpo un fendente con artigli aperti… ma Ralph che si era ripreso, bloccò il colpo afferrando la mano del Prescelto del grifone, dicendo ringhiandogli: “Non ti è bastato quello che hai fatto, Dragur? Lascia in pace Clara!!  Lascia in pace anche Cleo!! Non t’appartiene!! Io… Prescelto della volpe ti impedirò di nuocere ancora!! Adesso… grazie a te… conosco la mia forza!! Ma non apparterrà mai al male!! Mi fa male… mi fa male colpire un amico… ma lo devo fare!!” E con determinazione, colpì Cleo con il colpo della volpe al collo!

 

Intanto Luke comparve! Mise dietro ad un’automobile parcheggiata la bottiglietta con l’acqua, e dopo corse vicino a Grace ed a Michelle, il quale appena lo vide gli disse: “Ah!! Finalmente sei ricomparso!! Ma dov’eri finito?” Il Prescelto dell’unicorno rispose: “Sono stato chiamato da Unix!! Mi ha dato un ordine… Dovrò far prendere sembianze da animale ai due demoni, così libereranno Cleo ed Ely!! So che questo è rischioso… ma lo devo fare!! Intanto, se puoi, va da Joseph e da Clara, trasformato in fenice e prova a guarirli!! So che ne sei capace!! Al resto… ci penserò io!!” Michelle guardò Luke, e gli disse: “…Ed io dovrei guarire Joseph? Per Clara… nessun problema… ma…” “Fallo e basta!!” Gli urlò Luke, intanto, per prendere tempo, disse a Grace d’andare ad aiutare Ralph contro Cleo, specificando che non erano più in Lus Interficere! Quella gli prese la mano e disse: “Ok amore mio!! Ma tu sta attento… Dimmi, cosa farai?” Quello guardando la ragazza negli occhi, disse: “Aspetto gli ordini di Unix!! Va… Va ora!! Ralph ha bisogno di te!!” Quella lo accarezzò, e corse dal Prescelto della volpe, mentre Michelle, trasformato in fenice, andò su Clara e piangendo la guarì, ma poi non volle andare dal Prescelto del drago dicendo: “Io… io da un unicorno non prendo ordini!! Sono una fenice io… Il capo dei Prescelti come ho letto sul Libro di Jogi!! E poi… andare da Joseph? Non ci andrò fino a quando mi porterà rispetto!! NON SONO UNA GALLINA SPENNACCHIATA!! SONO UNA FENICE!! Visto che ormai sei guarita Clara… vacci tu da quella lucertola troppo cresciuta!! Anche tu hai poteri guaritivi o sbaglio?” Joseph nel sentire questo disse: “… Ma si!! Io non ho bisogno d’essere allagato dalle lacrime di una gallinella!! Vieni tu Clara, amore mio!!” Quella, ancora da cavallo, nitrì e disse: “Va bene…”, ma mentre era in piedi, colpì Michelle, che si era ritrasformato in essere umano, con uno zoccolo sul piede, facendolo saltellare per il dolore! “Ben ti sta!!” Disse Clara voltandosi a guardarlo ancora trasformata in cavallo.

 

Ralph e Grace, intanto erano in grosse difficoltà! Ely era accorsa per soccorrere Cleo, anche se non ce ne era bisogno! “Cavaliere della Dark Star!! Da alla volpe ed al delfino quello che si meritano!! Anzi… io me la vedrò con il pesciolino… tu ti puoi tenere l’altro… AHAHAHAHA!!” Grace, nel sentirsi chiamare così, si infuriò e si posizionò davanti al Cavaliere della Bestia, alzando il braccio destro, con il palmo della mano girato come una punta di spada, e l’altro braccio appoggiato sull’avambraccio destro! Joseph, appena guarito da Clara, che si era ritrasformata in ragazza, nel vedere questa posizione, si mise a ridere a crepapelle, ma la Prescelta del delfino disse: “C’è poco da ridere… Questa posizione è detta: colpo della pinna dorsale del delfino!! E’ un colpo micidiale che può essere diretto oppure energetico!!” Ralph, ridendo anche lui, ma cercando di fare il serio senza riuscirvi, mentre Cleo si caricava disse: “… Ma… Grace… Non ho mai visto una posizione tanto buffa in vita mia!! Più che un terribile colpo… sembra quasi un gestaccio!! Cosa pensi di fare con il braccio sospeso in aria? AHAHAHAA!!” Quella, sorridendo a mezza bocca disse: “… Vedrai… Vedrai Prescelto della volpe…” E dicendo così urlò: “Colpo della pinna del delfino energetico!!” Ed abbassò di colpo il braccio destro, provocando un’onda d’energia, che in maniera curva, colpì in pieno tutto il corpo di Ely facendola cadere in terra! Tutti restarono a bocca aperta, persino Luke,  che non aveva mai visto la sua compagna attaccare così violentemente ed in modo tanto coreografico! “Io… io pensavo che i delfini fossero creature tenere… Animali che sorridono sempre… Questa proprio non me l’aspettavo!!” Disse Ralph con gli occhi fuori dalle orbite per la sorpresa, e Grace, rialzando il braccio in direzione di Cleo per attaccarlo, rispose al Prescelto della volpe: “Tutti gli animali, sia grandi che piccoli si difendono!! Questo dovresti saperlo Ralph!! Anche voi volpi sembrate teneri peluche, ma non esitate ad essere terribili predatori!! Lo hai appena dimostrato!!  I delfini, possono anche squartare… In realtà, con questo colpo, avrei potuto anche tagliare in due Ely!! Vedi Ralph… il nostro sorriso è dovuto solo ad una questione del nostro corpo… Siamo stati creati così!! Ma, in realtà, molto spesso, non sorridiamo…” Cleo, vedendosi puntare addosso il pericoloso colpo, saltò agilmente, e prese la Prescelta dal braccio alzato, tenendole l’altro, dicendole: “Vediamo… vediamo se ora riuscirai a colpirmi con la tua pinna micidiale!! AHAHAHA!!” Quella, senza nemmeno lamentarsi sorrise e gli disse: “Già!! Hai ragione!! Ma… Dragur… non ti sembra che qui cominci a far parecchio freddo?” Cleo non capì, ma all’improvviso, il terreno fu ricoperto da acqua gelida che fece scendere la temperatura in modo vertiginoso! “Io… io comando l’elemento acqua!! Non ti ricordavi di questo particolare? Di conseguenza, comando anche le basse temperature!! Dimmi… vuoi che abbassi la temperatura ancor di più? Sai… la tua temperatura corporea molto bassa, ti renderebbe simile ad una statua di ghiaccio!! Poi, basterebbe un piccolo colpo per distruggerti tutte le ossa e gli organi interni!! Potrei disintegrarti se solo volessi!!” Delphi dall’Elite gridò: “… Mamma delfino!! Grace… Grace non avrà per caso raggiunto lo zero assoluto? Questo non è possibile!! Se continua così…”. Joseph, facendo un rapido calcolo si rese conto che Grace era per lui la sua controparte, e comprese anche che gli effetti, se pur d’energia diversa, delle ustioni, come del congelamento erano uguali! Si ricordò di quando, da piccolo, mettendo le mani davanti alla stufa accesa e trattenendole davanti, egli aveva provato una sensazione molto strana… cioè, il cervello cominciava a percepire il calore come  freddo! Fu colto da un presentimento! Grace, sembrava stare accumulando un enorme potere… Il Prescelto del Drago ne ebbe paura! Qual’era il contrario dello stato di plasma?

 

Cleo cominciava a gelare, ma alla fine, non potendo più resistere, colpì la Prescelta del delfino con un potente calcio alle costole, e disse: “Niente e nessuno può sconfiggere il Cavaliere di Cat della Dark Star!! Tienilo a mente… delfino!!”

Luke, intanto, sentendo la sua Grace piangere per il dolore, s’era messo in contatto con Unix, il quale gli disse subito: “Luke!! E’ arrivato il momento d’agire!! Ti stavo per contattare… La vera battaglia, comincerà subito dopo quello che farai… Probabilmente sarai tu il primo ad essere attaccato… Quindi sta in guardia!! Andrai vicino a Cleo ed a Ely, e toccandoli contemporaneamente, dirai la seguente formula: ‘ EXTRACTIONEM SPIRITUS ET INCLUSIO IN FORMA ANIMALIS!!’ Mi raccomando!! Devi portare la tua aura fino all’esaltazione!! I demoni prenderanno forma animale… Ma potrebbero anche impedirti di farlo!! Ora và!!” Il Prescelto dell’unicorno disse: “Sarà fatto Unix!!”

 

Cleo, ora stava per attaccare! Tutti i Prescelti, compreso Luke, si misero in posizione di difesa, mentre Koseidos, guarito, visto che Clara si ricordò anche di lui, teneva d’occhio Ely che ancora era distesa al suolo! “Eccoci alla resa dei conti!! Io, Cavaliere della Dark Star, non avrò nessuna pietà di voi!! Sarete distrutti, annullati, cancellati!! Non mi potete più uccidere!! Pensavate forse che non me ne sarei accorto? Poveri illusi!! Anzi… poveri FALLITI!!” Koseidos, a sentir di nuovo pronunciare quella parola, disse ringhiando a Cleo: “Non lo dire mai più!! Anche tu appartieni alla luce!! Il buio che prima ricopriva anche me, ha fatto in modo che nemmeno io comprendessi fino in fondo!! Ma ora… ora, tutto è diverso!! Oh poveretto!! Ti pentirai di quello che stai dicendo!! Non sarà la sconfitta a farti male… ma il ricordo di quello che hai fatto e detto, ai tuoi amici!! Sarà il rimorso a sconfiggerti!! Il topolino che mordicchia il cuore delle persone che hanno fatto qualcosa di cui si devono pentire!! So che Cleo è ancora lì dentro!! Ed è proprio a lui che mi rivolgo!! Cleo… Prescelto!! Ritrova la luce!! Guarda dentro te stesso!! Il buio può essere sconfitto… può essere sconfitto da un semplice raggio di sole!! Io… io l’ho provato!!” Cleo, rimase un attimo bloccato… stava per mettersi a piangere, però subito dopo, Dragur riprese il suo controllo, ed avrebbe voluto colpire Koseidos con un colpo energetico, ma Clara gli si avvicinò, e carica di luce gli disse: “Oh Cleo!!  Amico!! Cosa aspetti ad aprire gli occhi? Scaccia da te il terrore!! Potrai ancora essere libero!! Non attaccare Koseidos!! Egli… egli ti vuole bene… ti vuole bene proprio come noi, l’Elite e Zoor!! Ti ricordi di Zoor? E’ lui che devi seguire!! E’ lui che t’ha fatto diventare Prescelto, ma non solo di nome ma anche di fatto!! C’è ancora amore dentro di te!! Lo avverto chiaramente!! Vedi, l’amore è l’unica cosa che né Dragur e né la Bestia, possono cancellare!!” Cleo abbassò il braccio, che era pronto a colpire e, come riprendendosi disse piangendo: “Clara!! Aiutami!! Aiutami!!” Ma Luke le disse: “Spostati Clara!! Potrebbe attaccarti!!” Quella, ormai sapeva e s’allontanò proprio mentre il Prescelto del grifone stava per colpirla con un fendente dato ad artigli aperti! Era evidente… Dragur aveva avuto ancora il sopravvento!

Ralph nel vedere questo disse: “Caspita!! Non c’è via d’uscita da questa situazione!!  Cosa possiamo fare?” Grace gli rispose: “Sarà Luke a far qualcosa!! Sarà così…”

 

Era vero! Infatti, Luke, forte delle disposizioni date dal suo allenatore, si espanse, e dopo esplose l’aura, e poi, fortemente, cominciò ad esaltarla! Dietro le sue spalle, l’aura aveva preso la forma bellissima di un unicorno con un quadrifoglio appeso al collo! Era Quazar… figlio di Asher! “Allontanatevi!!” Urlò il Prescelto dell’unicorno: “… Potrebbe essere pericolosissimo!!” Cleo, nel vedere Luke disse: “Vedo che il somarello con il corno, ha deciso d’affrontare il suo destino!! Bene!!  Vieni avanti!! Cosa aspetti… Vieni da papà Dragur…” Dragur il drago, nel sentire questo dall’Elite, disse arrabbiato, cacciando fumo dalle narici: “Come osa a definirsi papà? Dunque la sua pazzia non ha limiti?” Unix rampante urlò: “Definire gli unicorni, somari, è davvero troppo!! Luke!! Fa quello che t’ho detto!!” Volpe si mise a ridere, (forse mascherando una certa preoccupazione), dicendo: “Non t’alterare Unix… Infondo… tu, li comandi davvero gli asini…” Ma quello piccato, rispose,  abbassando il corno verso Volpe: “E tu ti puoi trasformare in cagnolino… Quindi… sta zitto se non vuoi avere guai!!” Volpe, con il pelo ritto per la paura disse: “Ok… ok! Non t’arrabbiare Unix!! Ma… vedi… io non mi posso trasformare in cane…” “Bum!! Miao!!” Miagolò ridendo Zoor rivolto a Volpe, che gli mostrò tutti i denti!

 

Intanto, Luke, si avvicinò al corpo di Ely che si era appena svegliata, e disse rivolto a Cleo: “Certo che vengo… Ma somaro ci sarai tu… Comunque…” E qui il Prescelto dell’unicorno cacciò dal guanto il corno, facendo il gesto d’appoggiarlo alla gola di Ely: “Ucciderò Ely!! E poi, ucciderò anche te!! A me… non importa se l’Elite ci ha tolto la fascia nera con il Lus Interficere!!” I Prescelti non capirono, e stavano per intervenire per fermare Luke, ma Grace li fermò, dicendo: “Ragazzi… Luke avrà qualcosa in mente… lasciamolo fare…” Cleo, che non aveva compreso, andò vicino a Luke, il quale, con un rapido gesto, prese per le mani, sia Ely che il Prescelto del grifone, dicendo, anzi… gridando: “EXTRACTIONEM SPIRITUS ET INCLUSIO IN FORMA ANIMALIS!”

 

 

Capitolo 49

 

Una luce azzurra colpì sia Cleo che Ely! Tutti restarono ammutoliti in quanto non avevano ancora capito! Però, dopo che la luce azzurra scomparve, un grido di terrore echeggiò! Era la povera Clara che vide, proprio vicino a Luke due figure terribili! Una tigre nera ed una pantera nera alata! Erano grandissimi di dimensioni, addirittura il quadruplo del normale! Erano Dragur e la Bestia che avevano preso la loro forma animale! Dragur che era una pantera, con i poteri da grifone di Cleo, aveva acquisito quella terribile forma!

 

Cleo ed Ely, ormai davvero liberi erano terrorizzati! Cleo era di nuovo in armatura da Prescelto del grifone, ed Ely in jeans e maglietta! Luke, avendo avuto ordine da Unix, gridò a Cleo: “Cleo!! Ora siete liberi!! Andate, tu ed Ely dietro quella macchina e bevete tutti e due quell’acqua che troverete dentro ad una bottiglietta azzurra!! Vi permetterà di non essere mai più posseduti dai demoni, ed a te Cleo, farà in modo che i tuoi figli non abbiano più addosso la maledizione!! CORRETE!! E’ stato Unix a dirmelo!!” Quelli, si misero a correre verso l’auto, mentre il Prescelto dell’unicorno gridò agli altri Prescelti d’andare verso di lui!

I due demoni, però, volevano fermare Cleo ed Ely, e così, a grandi balzi, superarono i Prescelti ed arrivarono dove si trovavano i due ragazzi, e Dragur disse: “… Ah!! E così vi ribellate al nostro oscuro volere? Noi vi abbiamo dato forza e conoscenza!!  Adesso volete perdere tutto? Tu Ely… che odiavi tutto e tutti… ora rinunci al potere assoluto dell’oscurità che ti ha dato la Bestia? Perché? E tu… Cleo… Tutti ti prendevano in giro prima di conoscermi… Dimmi… Vuoi che accada ancora? Non senti già le risate dei tuoi amici Prescelti? Anche loro ti prendono in giro…” E qui Dragur, fece credere a Cleo che i Prescelti stessero ridendo di lui, ma in realtà era sono un eXperimentes di ipnosi! Fu Michelle ad accorgersene e, trasformandosi in fenice, volò verso di lui, e poi ritrasformandosi di nuovo in essere umano gli disse: “Non dargli retta Cleo!! Noi ti vogliamo bene!! E’ solo ipnosi!! Svegliati!! Al mio tre ti sveglierai… uno… due… e… tre!!” Cleo si svegliò! Però Dragur e la Bestia avrebbero voluto sbranare Michelle, ma il Prescelto del grifone disse all’amico, esaltando la sua potente aura: “Grazie amico mio!! Berremo subito quest’acqua, e poi  porterai con te Ely!! Ora devo combattere io!! Questa è la mia battaglia!! Dragur e la Bestia non potranno mai più nuocere!! LI UCCIDERO’ ED USERO’ IL POTERE CHE DRAGUR STESSO MI HA INSEGNATO…” Di quale potere parlava Cleo?

Il povero Michelle, nel sentire le parole del Prescelto del grifone restò perplesso e gli disse: “Cleo… Cosa hai intenzione di fare? Come farai ad ucciderli?”, ed il Prescelto del grifone, facendogli l’occhietto disse: “E’ l’unica cosa da fare!! Fidati di me Michelle!!” Ed andò vicino ad Ely.

 

In Elite, Zoor s’agitò! Infatti, nel sentire il suo Prescelto parlare d’un potere che lui non gli aveva insegnato, si chiese se era giusto oppure no che Cleo utilizzasse qualcosa che poteva anche essere cattivo! Però, fece finta di nulla per non turbare gli altri componenti dell’Elite. Volpe, comunque, anche lui molto agitato per Ralph, notò lo strano comportamento del gatto, ed avvicinandosi gli disse: “Cos’hai Zoor? Sembri nervoso…” Ed il gatto, aprendo i suoi occhi verdi, anzi spalancandoli disse: “Già… Miao… Non sono per nulla tranquillo Volpe… Miao!! Cleo ha detto una cosa che non mi è piaciuta… miao!!” Unix, nel sentire il discorso, all’improvviso fu colto da un presentimento terribile, e disse: “… Forse il problema non è quello che farà Cleo!!  Avverto qualcosa di terribile!! Temo per i Prescelti!! Forse… forse sono stato io a commettere un errore!!” E dicendo così, contattò Luke telepaticamente.

 

I due demoni, che avevano udito le parole di Luke, terrorizzati di perdere i due esseri umani che comandavano a bacchetta, non avevano nessuna intenzione di far bere a Cleo e ad Ely quell’acqua, quindi andarono verso quell’automobile e tentarono di distruggerla! Ma Ely, vedendo ciò, si lanciò sopra la bottiglietta cadendo in terra, mentre la Bestia, ad artigli aperti la colpì di spalle facendola gridare, ma la ragazza, era stanca di sopportare le continue cattiverie del suo demone, e si strinse al seno la preziosa acqua dicendo: “… Ora basta!! Non sono più tua!! Potrai anche uccidere me… ma non avrai mai questo prezioso liquido!!” Cleo e Michelle, nel vedere questo, si guardarono negli occhi, ed il Prescelto della fenice, cominciò a chiamare gli altri che accorsero subito, mentre Cleo andò, con Dragur il demone alle calcagna, verso Ely, dicendo: “No Ely!! Tu non morirai!! Saremo felici!! Ti proteggerò io dal male!! Bevi subito quell’acqua!!” La Bestia con un verso terribile disse: “Voi… Voi esseri umani appartenete a noi!! Nessuna acqua potrà proteggervi!! Sapete… proprio grazie al vostro unicorno abbiamo ricevuto quello che ci serviva… L’UNIONE E’ PROSSIMA!!” Ely, anche avendo su di se la tigre nera, sfidandola disse: “Ti ricordi? Ti ricordi Bestia cosa m’hai detto la prima volta… quando sono stata così sventurata da evocarti? Mi dicesti che dovevo uccidere e tradire chi mi aveva fatto soffrire, e che tu m’avresti aiutata per questo!! M’hai ordinato di far del male!! Tu… tu… ora mi stai facendo del male, ed io eseguo proprio il tuo ordine!! ORA SONO IO A FAR DEL MALE A TE!! Noi felini siamo traditori!! Queste sono anche parole tue!!  ORA… ORA IO TRADISCO TE!!” E dicendo così, bevve metà dell’acqua.

 

Tutti restarono a bocca aperta! Ely aveva dimostrato di essere, oltre che coraggiosa, anche una brava ragazza. Di questo Clara ne era convinta ed ebbe conferma! Dragur ruggì fortissimo! Aveva perso uno dei suoi Cavalieri! La rabbia era talmente forte, che diventò ancora più aggressivo e cattivo! La Bestia, vedendo questo gesto, volle punire Ely, mordendola a più riprese alla gola, proprio come se si trattasse d’una preda. La Poveretta iniziò a piangere e ad urlare dal dolore! Il demone la stava soffocando! Ma Cleo, senza nessuna paura si lanciò sulla schiena del demone felino, ed anche lui ad artigli aperti, iniziò a graffiarla squarciandole la pelle! Quella, girò la testa insanguinata, e lo colpì con una zampata molto forte al torace, facendolo cadere a terra riverso, e poi, staccandosi da Ely provò a raggiungere il Prescelto.

 

Intanto, gli altri Prescelti accorsi sulla scena con Koseidos, tentarono di fermare Dragur, ma quello, con velocità altissima aggredì tutti! Cleo, nel udire quelle grida disperate, anche se a terra dolorante, emise una forte energia dalla sua aura. “Amici miei!! SCAPPATE!! Non potete sconfiggere Dragur e la Bestia!! Solo io… solo io devo e posso farlo!!” Disse il Prescelto del grifone, e, raggiunse Ely prendendo l’acqua, poi, voltandosi verso Dragur e la Bestia disse: “Lasciate stare i miei amici!! E tu Bestia, lascia stare Ely… ora è mia!! Non t’appartiene più!! E tu Dragur… è me che vuoi!! Basta uccisioni!! Sono stanco!! Io… io sono un Prescelto!! Il Prescelto del grifone di Sagem!! Devo portare speranza!!” Ely, guardava con ammirazione Cleo… in lei stava nascendo qualcosa di più della semplice amicizia verso quel ragazzo che la stava difendendo. Ma Cleo continuò a parlare: “… Vuoi vedere… vuoi vedere di cosa sono capace? T’accontento subito!! Da ora in poi non potrai più nulla su di me, e né sui miei figli… ma anche su nessun altro!! Ecco… Ecco la tua sconfitta…” E dicendo così, con un sorriso di sfida, bevve la restante acqua, gettando poi la bottiglia vuota in direzione di Dragur, colpendolo ad una zampa!

 

Quel gesto fu l’inizio di qualcosa di terribile! I demoni, cominciarono ad espandere le loro oscure energie… Era evidente, che quello che aveva fatto Cleo, fu un atto per Dragur, d’estrema insubordinazione! Non perdonò…

Tutto intorno si fece buio pesto! Era il buio assoluto! Ma poi, questo buio, fra le urla di paura e di terrore dei Prescelti, fu improvvisamente squarciato da una fortissima luce viola, proveniente dalla Dark Star! Sul terreno comparve un pentacolo capovolto… segno inequivocabile di magia nera!

Nel vedere questo, Unix dall’Elite fu colto da una paura incontenibile, ma anche dal pianto! Egli già conosceva il potere di quel malefico segno… e ne aveva il più totale terrore! Zoor, andò vicino a Pegaso, tremando e dicendo: “Miao… è un pentacolo!! E’ la fine!! Miao!! Magia nera!! Magia terribile!! Miao!!”

Ralph, si mise ad urlare: “… Ragazzi!! Andiamo via da qui!! Sento pericolo!! Un pericolo immenso!! Sta per accadere qualcosa di mostruoso!!”

 

Infatti, dopo un po’, Dragur e la Bestia, entrarono saltando dentro a quel pentacolo! Si udì solo dei ruggiti e nulla più! I Prescelti e Koseidos, furono costretti a chiudere gli occhi, poiché la luce viola era accecante! Si udirono solo le parole di Dragur e della Bestia dire : “…unitatis spiritum et corpus magicae nigrae virtus!”

 

Unix dall’Elite sobbalzò! Aveva compreso bene! Era una tragedia! Pensò che il suo presentimento era fondato… d’altronde, gli unicorni sono i guardiani delle forze soprannaturali! Luke, anche lui come il suo allenatore, era in preda al panico! Le parole che erano uscite fuori da quel pentacolo capovolto erano chiare! I due demoni, volevano acquisire il corpo animale (e grazie ad Unix ed a Luke ci erano riusciti), per fare quella cosa… volevano unire, non solo il loro spiriti ed energia, ma anche i loro corpi, facendo in modo che venisse alla luce un nuovo essere, molto più potente e molto più cattivo! Questa, era una procedura magica proibita! Neppure le linci potevano usarlo! Zoor, nel capire questo, rizzò il pelo e si nascose…

 

Intanto, dentro a quel simbolo demoniaco, la luce viola aumentò in modo esponenziale tanto da far apparire tutto quanto di quel colore! Un freddo strano ed intenso avvolse i poveri Prescelti, che si ritrovarono bloccati senza poter fuggire! Solo Luke, Cleo ed Ely capirono, e cominciarono ad urlare! Il Prescelto del grifone sapeva… sapeva quello che la luce nascondeva, e con terrore gridò agli altri: “… Via!! Prescelti!! Dovete andarvene da qui!! Mettete le ali ai piedi… E’ nato!! E’ nato Zagur!! Il dominatore e distruttore è tra noi!!” “Chi diavolo è Zagur?” Chiese ad alta voce Ralph che, come si può intuire era un filo di nervi, Ely gli rispose piangendo: “Zagur è la congiunzione dei due demoni Dragur e Bestia… sia spiritualmente che in modo corporale!! E’ una vera tragedia!! Dobbiamo scappare via subito!!” Luke nel sentire questo, rivolto più ad Unix che agli altri Prescelti, disse: “… Immagino che li ho aiutati io ad unirsi… donandogli il corpo animale!! Ma… credo che comunque questo, era cosa necessaria!! Se non l’avessi fatto, ora ci troveremmo ancora in Lus Interficere!! Ma… evidentemente il prezzo è stato alto!! Molto alto!!”

Unix dall’Elite ebbe uno scoppio di pianto, e voltandosi di spalle per non far vedere il suo dolore disse: “… Avrei dovuto pensarci… Ho sbagliato!! Forse… forse Josh, su di me, aveva ragione… E così anche tuo figlio Phegeus, Pegaso!! Non ho saputo evitare questo evento!! Non ho saputo comportarmi, né da componente dell’Elite e né da unicorno!! Se i Prescelti moriranno, sarà tutta colpa mia… Perdonami anche tu Luke!! Non ho saputo proteggerti come dovevo fare… ad ogni costo!! La nascita di Zagur è soltanto colpa mia!!” Pegaso capì, e gli andò vicino, e l’unicorno, chiuse gli occhi! Probabilmente s’aspettava una punizione da parte del cavallo alato, ma quello, con estrema tenerezza, lo leccò proprio come un padre, e gli disse: “… No Unix!! La colpa non è tua!! Tu volevi evitare, com’è giusto, il Lus Interficere!! Hai salvato delle vite da questa legge ingiusta!! Non è di nessuno la responsabilità di tutto questo!!” Ma Zoor, si mise a piangere dicendo: “Miao… se me ne fossi accorto prima… Miao… Potevo evitare che Cleo evocasse Dragur… Miao… Ma sono stato debole e sciocco!! Miao!!” Dragur il drago, nel sentire questo disse: “No!! Se la colpa è di qualcuno… quella è solo mia!! Ho commesso un errore!! Ho commesso un terribile errore prendendo il nome di quel diavolo!! Dammi il permesso Pegaso… dammi il permesso di raggiungere i nostri ragazzi… Anche se come sai, sulla terra siamo vulnerabili e dovessi morire… troverete sicuramente un drago migliore di me!!” Ma Pegaso disse di no!

Joseph che aveva sentito le parole del suo allenatore, esaltò la sua aura dicendo: “Come? Io pensavo che i componenti dell’Elite fossero immortali!! No Dragur!! Io… io ti voglio bene!! Non voglio che tu muoia!! Già m’hai donato parte del tuo cuore!!  Caso mai, sarò io a sacrificare la mia vita!! Ma tu no!! Tu non devi farlo!!” Cleo,  s’avvicinò a lui, e cercò di calmarlo dicendo: “Nessuno… nessuno dovrà morire a causa di quel mostro!! Solo io… solo io posso fare qualcosa…”

 

Intanto, in quel pentacolo, da quella luce innaturale e spettrale, una figura spaventosa stava lentamente componendosi! Non si trattava d’un felino normale seppur demone… Era una cosa spaventosa… totalmente diversa e terribile! Testa da pantera, zampe grigie da lince con artigli retrattili lunghi quanto quelli di tre tigri messe insieme! Sulle spalle, visto che il potere di Cleo era penetrato dentro Dragur, due ali grandissime da grifone nero! In più, il mostro era ritto sulle gambe, proprio come un essere umano, retaggio questo della permanenza dei due demoni per tanto tempo nel corpo umano! A completare il tutto, quella creatura era alta più di tre metri! Era, sia maschio che femmina! Un vero e proprio mostro, circondato da un’aura incredibilmente malvagia! Era nato Zagur il dominatore e distruttore…

 

I Prescelti, appena il mostro venne fuori completamente dal pentacolo, furono presi dal panico! Koseidos, nel vederlo si fece addosso la pipì, e voltandosi verso Ralph disse tremando come una foglia: “… E… e voi Prescelti… chiamavate me mostro?” Ralph gli disse: “Koseidos… Parlo a nome di tutti i Prescelti… Ci rimangiamo tutto quello che abbiamo detto su di te!!”

 

“Inchinatevi a me!! Sotto creature!! A Zagur il distruttore!! Sono io il vostro peggior incubo!! Io sono il potere… potere dei vortici siderali… potere dei buchi neri che tutto risucchiano… anima, corpo e materia!! Sono il padrone incontrastato della Dark Star, dove la luce delle costellazioni si perde… Vi dominerò con il terrore ed il buio, a voi, ed anche a tutte le creature delle dimensioni parallele!! Anche questo pianeta si sottometterà a me!! Tutto è mio!! V’ucciderò e vi mostrerò la paura d’esser vivi!! Non resterà nulla di voi!! Nemmeno il ricordo!!” Era quel mostro, che con doppia voce, sia da maschio che da femmina, parlava! Non c’era nulla di paragonabile! Era il terrore allo stato puro! Terrore primitivo ed istintivo! Clara, nel vedere Zagur fu scossa da un turbamento molto forte… la poveretta non si reggeva sulle gambe, ed in queste condizioni andò da Joseph, il quale la strinse a se, dicendole: “Non aver paura amore mio!! Presto… il drago che è in me si farà vedere… Mi trasformerò… Ti proteggerò e per Zagur non ci sarà scampo!! Noi draghi… noi draghi siamo forti!!” Luke, con accanto Grace, non era ottimista, e prendendo la mano della ragazza disse: “Oh Grace!! Amore!! E’ la fine!! E’ la fine di tutto!! Forse… nemmeno con l’AFTAES riusciremo a ferirlo!!” Cleo, caricandosi, e stringendo Ely, che al sentire questo contatto con il Prescelto diventò rossa, anche perché segretamente non aspettava altro, disse: “Dovrò fare io qualcosa… Sono io quello che può sconfiggere Zagur!! Ely… tu scappa con i Prescelti e con Koseidos!! Salvati!!” Quella, lo guardò in modo tenero e gli disse: “Io… io non mi muovo da qui Cleo!! T’aiuterò contro Zagur!! Sai… non te l’ho mai detto… ma io ti seguivo in segreto da sempre!! Io ti amo Cleo… e ti ho sempre amato!! La Bestia… da quando mi ha detto chi eri… mi ha anticipato che io e te saremmo stati una cosa sola!! Ed adesso… comprendo le sue parole!! Ora siamo liberi!! Non abbiamo nessuna condanna addosso!! Possiamo… possiamo volerci bene!! Non voglio perderti!! E’ da quando t’ho visto per la prima volta… che ti cerco con lo sguardo!! Adesso… ora… siamo liberi… liberi d’amarci!! Sconfiggeremo insieme quel mostro!! Non sei più solo!! Ci sono io con te… amore mio!!” Cleo, nel sentire questo, pieno di felicità le rispose: “… Ora… ora nemmeno tu sei più sola!! Ci sono io!! Sento d’amarti anch’io!! Ma… vedi… noi Prescelti non possiamo far rischiare la vita ad altre persone!! Non ti posso far combattere!! Potresti morire!!” Ely nel sentire le parole di Cleo, non volle andarsene, ma Ralph avvicinandosi al Prescelto del grifone, disse: “Sei sicuro di voler combattere da solo? Cosa pensi di poter fare?” Il Prescelto del grifone, sorridendo all’amico disse: “Ancora non lo so… però ho qualche idea!! Non ti preoccupare Ralph!! Non mi farò uccidere… Non ora!!” E voltandosi a guardare Ely, continuò: “… Adesso ho trovato le due cose più belle!! L’amore e l’amicizia!! Però… Ralph, porta via Ely… salvala… ed andate via anche voi!! Qui è troppo rischioso!!” Il Prescelto della volpe, diede una pacca sulla spalla all’amico sorridendo, e sotto lo sguardo di tutti, disse, prendendo Ely dal braccio per portarla via: “Ragazzi!! Allontaniamoci… ma non troppo!! Se Cleo avrà bisogno del nostro aiuto… noi ci saremo!! Non avverto più pericolo!! Cleo se la caverà!!” Ely ringraziò Ralph, e tutti s’allontanarono di qualche metro, lasciando Cleo davanti a Zagur!

 

Il mostro, volendo far paura al Prescelto del grifone disse: “Ah!! E così hai deciso di morire? Hai deciso di farti abbandonare da tutti? Sai… Loro non aspettavano altro… Scappare via!! AHAHAHA!! Tu m’hai tradito, mio Cavaliere!! Ma sono propenso a perdonare la tua scellerata insubordinazione!!” Cleo, togliendo fuori dai guanti gli artigli, disse: “Innanzi tutto, i miei amici non m’hanno abbandonato!! Loro… loro sono sinceri!! Poi… non voglio affatto morire!! Solo chi resta con te… muore… muore dentro!! Non voglio essere mai più complice di Dragur, Bestia o Zagur!! Sono un Prescelto della Speranza!! Componente dell’AFTAES che è vita!! Ah!! Quante battaglie… quante battaglie giuste abbiamo ancora da combattere insieme, io ed gli altri!! Tu… tu sei solo la prima… Preparati!! Io… io non sono più solo!! E’ per te Zoor… è per te questo colpo… Colpo mortale del grifone!!” Il Prescelto, urlando il nome del temuto colpo, si scagliò così verso Zagur senza nessuna paura, aprendo le sue ali, e cercando di colpire con gli artigli il petto del demone, il quale vedendo l’aura portentosa di Cleo, saltò in alto e non si fece colpire! Poi disse: “Hai decretato la tua morte con quest’atto!! Forse non ti sei reso conto della tua inutilità!! Zoor, il gatto a cui hai dedicato il tuo misero colpo, verrà fatto fuori subito dopo di te!! Poi, toccherà agli altri componenti di quella che viene chiamata Elite! Io sono Zagur!! Unione perfetta di buio e dolore!! Tu… tu sei solo un essere umano… e come tale morirai!!” Poi, voltandosi, aprì le mani, e da quelle uscì con forza incredibile, un raggio viola che Cleo parò con due mani! Tutti restarono attoniti! Cleo era riuscito a contrastare un potere che poteva risultare mortale! “Non puoi farmi nulla Zagur!! Io… io non ti temo più!!” Disse il Prescelto, ancora intento nell’atto di parare il raggio, ma Zagur mise ancora più energia,  facendo volare il Prescelto di schiena su un muro! “Ecco… Ecco quello che ti meriti stupido!!” Disse il demone ridendo, ma Cleo, anche se dolorante, si mise a ridere anche lui. Questo fece infuriare ancor di più Zagur, il quale corse vicino a lui a quattro zampe come una pantera, e cercò di ferirlo al volto, ma il Prescelto fu lesto, e alzando la sua aura disse: “Eh no!! Questo no!!” E colpì alle costole il mostro, graffiandolo con gli artigli in modo tanto violento, che si udì il suono metallico di quelli contro le ossa! Joseph non resistette, e diede di stomaco, ma Ralph lo soccorse dicendo: “Dobbiamo resistere!! Dobbiamo resistere a tutto Joseph!!” Quello, si risollevò dicendo: “… Si ma la prossima volta… Clara dovrà portare degli antiemetici!! Prevedo che d’ora in poi… vedremo nelle nostre battaglie schifezze d’ogni genere!!” Koseidos, andando vicino a Ralph disse: “… Specialmente, se a combattere è una volpe…” E guardò il Prescelto della volpe, il quale gli chiese: “Perché continuate a dirmi così?” Volpe dall’Elite, guaì dicendo: “… Volpacchiotto!! Ancora sei un cucciolo!! Dovrai superare gravissime prove per poter diventare adulto!! E’ una cosa che dovrai superare, per poter diventare una vera volpe… anche se, già hai dato prova di poterci riuscire…”

 

Zagur, con un ruggito di dolore, colpì con una zampa il casco di Cleo, il quale rimase un po’ tramortito, ma, riprendendosi, colpì Zagur con un montante destro alla gola, e così riuscì a risollevarsi. Il mostro cominciò a tossire ed a lamentarsi per il dolore, e Cleo, accorgendosi di questo gli disse trionfante: “Acquisendo un corpo, carissimo Zagur… hai anche acquisito il fatto di sentir dolore… Questo non te lo aspettavi? Demone da quattro soldi? E’ evidente che non sei più immortale!! TU PUOI MORIRE!! Ti sei pentito di ciò che hanno fatto Dragur e la Bestia? AHAHAHAHA!” Quello cominciò a soffiare in malo modo, e disse: “Zagur… Zagur non può morire!!”

 

Dall’Elite, Pegaso sorridendo disse, rivolto ad Unix: “Felicità!! Unicorno!! Hai fatto un ottimo lavoro!! Infatti, e questo vale anche per noi, quando si acquisisce un corpo animale sulla terra, in quella dimensione, si perde l’immortalità!! E’ stata una mossa azzeccata!! Non hai sbagliato Unix!!” Gli occhi dell’unicorno si illuminarono di colpo e sorrise al cavallo alato. Gli altri componenti dell’Elite esultarono anche loro,  e Phoenix disse: “Alla fine… il bene trionfa sempre!!”

 

Anche i Prescelti con Ely e Koseidos, capirono, e Grace disse a Luke: “Siamo a cavallo, amore mio!! Senza offesa Clara…” Clara sorrise, mentre il Prescelto dell’unicorno disse: “… Comunque, non possiamo abbassare la guardia… Dobbiamo aiutare Cleo se ce n’è bisogno!!” “Non essere sempre così negativo Luke!! Perché non ti rilassi un po’?” Rispose Michelle, e Joseph, al posto di Luke, rispose ridendo: “Meglio essere negativi che essere ricoperti di penne come le galline spennacchiate!! Mi sbaglio Luke?” Michelle, nel sentire le parole del Prescelto del drago, disse, mettendo il broncio: “Perché non mi porti rispetto, grosso lucertolone? Ti ricordo che io sono il ‘ Capo dei Prescelti ‘, nonché il successore di Jogi!!” “Bum!!” Rispose Joseph, e tutti si misero a ridere, mentre Koseidos, alzando le orecchie disse: “Smettetela ragazzi!! Non vedete? Cleo è in difficoltà!!”

 

In effetti, Zagur, aveva preso Cleo dal collo, e cercò di strangolarlo, ma la cosa peggiore, a parte l’enorme pressione, erano gli artigli che erano penetrati dentro la sua carne, causandogli molto dolore, tanto che il poveretto perdeva sangue dalla bocca! Ma… anche vicino alla fine, non s’arrese! Facendo leva sulla sua aura, la esaltò così tanto, con una bella luce grigio-gialla, che Zagur fu costretto a mollarlo, ed approfittando di questo, il Prescelto, lo colpì al ventre con il colpo dell’etere, provocandogli una grossa ferita! Un urlo di dolore squarciò il silenzio! Zagur, restò steso al suolo come morto! Cleo, esultò e si voltò verso i Prescelti dicendo: “Ho vinto!! E’ finita!! Zagur è morto!!” Ma Ralph gli disse: “Attento Cleo!! Non ti fidare… Zagur non è morto!! Io sono una volpe!! Conosco molto bene questa cosa!!  Zagur sta solo facendo finta per ricaricarsi!! Noi volpi facciamo anche così… E’ una cosa nostra!!” “Quindi… Ralph… fate come gli opossum?” Disse Grace, e Ralph nel sentire questo, da essere umano, si mise a ringhiare, dicendole: “Zitta delfino!! Non mi nominare quelle bestiacce!! Non le sopporto, e non so nemmeno il perché…” (Le volpi, odiano istintivamente gli opossum, perché, secondo loro, questi animali marsupiali, avevano rubato la loro tecnica della finta morte, fin dai tempi di Earth!) Ma Cleo, era distratto! Effettivamente, anche se il colpo era stato molto duro, Zagur, riprese i sensi, e con molta velocità s’alzò in piedi, e disse, rivolgendo il suo colpo verso Ely: “Ucciderò… distruggerò tutto e tutti!! Ma prima… farò rimpiangere d’essere nata, a colei che ha tradito la Bestia!! Muori!! COLPO MORTALE DELLA DARK STAR!!” Un raggio molto potente, colpì Ely che lo subì interamente ed in tutto il corpo, e restò stesa al suolo in un lago di sangue, gridando aiuto e piangendo… ma poi, rimase immobile come morta!

 

Cleo, vedendo la scena, gridò al colmo della disperazione: “NOOO!! ELY!! AMORE!! E voi… e voi maledetti Prescelti… Dovevate proteggerla!! VI ODIO!!” Zagur, nel sentire queste parole disse: “Bene!! L’odio è ancora presente nel tuo cuore!! Sei ancora mio!!” Cleo, alzando la testa, abbassò la visiera del suo casco, ma nonostante quella copriva il suo volto, gli si poteva leggere negli occhi il fuoco, e disse piangendo: “Già!! L’odio è dentro me!! Ho detto male dei Prescelti, per non aver protetto Ely… Ma è stato solo un attimo… Chiedo scusa ai miei amici per quello che ho detto!! Ma… Ma ora… l’odio che è dentro di me, è rivolto in un'unica direzione!! Ho sopportato tanto… ma ora non ce la faccio più!! Ora ho conosciuto l’amore… Ora, ho conosciuto davvero quello per cui bisogna vivere!! Ma… tu Zagur, me l’hai tolta per sempre!! Facendo questo… hai risvegliato in me il grifone, che forse avrebbe potuto anche perdonare… Ma ora… ora non più!! Perché sei stato tanto crudele? Perché l’hai uccisa? Lei… lei non aveva colpa!! Stavi combattendo contro di me, Zagur!! No!! Io non sono più tuo e non lo sarò mai più!! Hai risvegliato la parte più terribile della mia natura!! ETER!! ETER, il primo felino, reclama con me la vendetta!! Sei solo un vigliacco!! Perché? Perché l’hai fatto? Ti ucciderò maledetto!! Ti farò sparire dalla faccia della terra!! Lo farò con tecniche che Dragur mi ha insegnato!! Non avrei voluto farlo… ma… ma tu sei un mostro!! Avrei solo voluto usare le mie tecniche… ma ora, il mio desiderio è quello di distruggerti sia nel corpo che nello spirito!! MALEDETTO!! Userò su di te, in congiunzione al mio potere completo dell’etere, anche quello della DISTRUCTIO TOTALIS!! Non resterà di te nulla!! Nulla…”

 

Tutti, al sentire questo, rimasero senza fiato! Ora Cleo faceva sul serio! La sua aura era sul punto di scoppiare! Zoor dall’Elite, trasformandosi in grifone per riuscire a controllare Cleo, disse: “Cleo!! Non portare la tua aura al massimo!! Nessuno… nessuno può resistere da solo oltre l’esaltazione!! Potresti morire!! E poi… non usare quel potere proibito!! E’ un ordine…” Ma Cleo, accecato dalla rabbia e dal dolore, urlando disse: “DISTRUCTIO TOTALIS CUM ETERE MAXIMUM!!” E piegò le mani in direzione di Zagur!!

 

Un raggio di indefinibile colore, colpì interamente il demone!! Tutti furono costretti a chiudere gli occhi, e per spostamento d’aria che s’era venuto a creare, caddero o al suolo oppure auto parcheggiate! “Cleo… cosa hai fatto?” Urlò Luke, ma non ottenne risposta! Intanto, la Dark Star nel cielo scomparve, lasciando disegnata una linea bianca, che piano piano s’allargò, portando una luce abbagliante! Era tornata la luce del sole! Ancora Cleo, carico, riversando la sua energia, non sembrava essere stanco… ma dopo un lunghissimo minuto, cadde in terra! Davanti a lui, Zagur non c’era più! Era stato completamente distrutto e disintegrato, anche spiritualmente! Anche il pentacolo inverso scomparve! Era tutto finito! Ma… tutti compresero il prezzo della vittoria! Era stato troppo alto! Sia Ely che Cleo erano stesi al suolo… Clara nel vedere ciò disse piangendo: “… Se ne sono andati due eroi!!”

 

 

HOME DELLA SEZIONE

HOME