LA STORIA DEI PRESCELTI

 

13. L'ADDIO E L'INIZIO DI UNA NUOVA VITA

 

Capitolo 115

 

La battaglia era terminata! I Prescelti, come per magia, caddero tutti in un sonno ristoratore! Anche Sagem scomparve!

Gli Scelti, insieme agli Omega ed agli Alpha, corsero verso gli eroi, per portare i primi soccorsi! Corse anche Koseidos…

Furono teletrasportati, insieme a Christian, nella dimensione dell’Elite, dove furono operati d’urgenza da Pegaso, e da tutti gli altri componenti dell’Elite!

 

Anche tutti gli Dei, rientrarono nei loro Templi! La pace era stata raggiunta, grazie al coraggio di otto ragazzi comuni… Ma, anche se addormentati, grazie la potere di Phoenix, il loro cuore era TRISTE!

 

Le aure cosmiche, si riaccesero… Si riaccesero, con i primi raggi dell’aurora! Anche i fenomeni naturali e non, estremi, cessarono! Ai civili, fu cancellata la memoria! A far ciò, furono tutti i Cavalieri Omega della fenice! I Prescelti, furono teletrasportati nei loro letti, a casa loro… Anche il piccolo Max, portato dal Cavaliere Superiore del Leone, fu, da quello, adagiato nella sua culla! Il piccolo, rideva gioioso, ed il Cavaliere Superiore, si batté il petto in segno di saluto, per poi scomparire.

 

Tutti i Cavalieri, furono dimessi, ed ognuno tornò alle proprie abitazioni, proprio quando, i primi raggi di sole, colpirono la terra ed i visi dei Prescelti, che si svegliarono, come se non fosse mai accaduto nulla! Era come se Chaos, non fosse mai esistito!

 

Volpe, come al solito, volle svegliare Ralph, leccandogli i piedi. “Dai volpacchiotto… Svegliati!! E’ sorto un nuovo giorno!! Non vorrai rimanere a dormire tutto il giorno? Dai… Presto, verrà da te Michelle… Forse anche Swate!! Ma… forse è meglio che lei non venga…” Disse Volpe, e Ralph, stiracchiandosi, agitando all’uso delle volpi, nervosamente le gambe, producendo con la voce, una specie di ringhio, disse: “Ah… Volpe… Ma che ore sono? E che modi sono questi? AH!! Mi sento tutto rotto!! Mi fa male dappertutto!! Già… Chaos è stato sconfitto!! Ora ricordo…” “Già, volpacchiotto!! E’ tutto finito!! Avete vinto!! Tutti i Prescelti sono sani e salvi… Pegaso con Airak, v’hanno operato!! Avete ricevuto indietro il potere completo dell’AFTAES, ma, siete stati FORTI!! Avete fatto raggiungere a Michelle, l’estensione completa, donando la vostra energia!! C’era anche Sagem insieme a voi…” “Già… Sagem…” Disse il Prescelto della volpe al suo allenatore, come ricordandosi di qualcosa di doloroso. “… Volpe… E’ vero che… E’ vero quello che ha detto Sagem su…” “… Ehm… Ralph… volpacchiotto… Sento che qualcuno sta per bussare… Ecco!!” Rispose Volpe, cercando di non guardare in faccia il suo Prescelto, che avrebbe voluto chiedere altro, ma, il campanello della porta lo bloccò, e, sollecitato da Volpe, che poi scomparve, andò, arruffato, ad aprire! Dietro la porta, Michelle con Joseph. Spettinato come non mai, il Prescelto della volpe, gli fece entrare. “Oh!! Che bella sorpresa!! Entrate pure… Michelle… Sei stato straordinario, ieri sera!! Dimmi… Ad affrontare quel mostro, non hai avuto paura?” Il Prescelto della fenice, abbracciò l’amico, dicendo: “Oh si, Ralph!! Ne ho avuta tanta!! Ma, se ce l’ho fatta, è perché non ero da solo!! C’eravate tutti voi!!” Joseph, prese la parola, dicendo: “Gallinella spennacchiata… A dopo i ricordi… Ci aspettano Clara, Cleo, Grace e Luke! Dobbiamo andare a casa della mia ragazza!! Cleo, ci vuole comunicare qualcosa… Dice che è molto importante!! Dai, Ralph… Cosa aspetti? Và a vestirti… Non ci impiegare un’eternità come al tuo solito… Dobbiamo uscire!! Nicolas, è ancora a letto… Speriamo che ci resti fino a mezzogiorno!! AHAHAHA!! Anche se ne dubito… David, potrebbe buttarlo giù dal letto…” Michelle, guardò male Joseph, ma poi, sorridendo, disse: “Si… Ralph!! Và a prepararti!! Non vorrai che arrivi Sabrina? Se viene lei, di sicuro, ci tratterrà qui, ed… addio alla nostra riunione!! Dai… Sali su e vestiti… E’ un ordine!!” Ralph, sorridendo, disse, andando verso il piano superiore: “… Ok… ok… Vado!! Quanta fretta…”. I Prescelti del drago e della fenice, chiusero la porta, mentre Ralph, andò di tutta fretta verso il bagno. I due amici, nel frattempo, s’accomodarono in salotto.

Ralph, sciacquandosi il viso, si guardò allo specchio, e nel farlo, pensò che tutto era ritornato normale… Certo! Era contento che Michelle era ritornato, però, ancora, nella sua mente, udiva le parole del Dio Sagem! “Non è possibile che tutto finisca qui!! No!! Se è così, perché Volpe non me ne ha parlato? Ho come il presentimento che… MA NO!!! Siamo Prescelti, e lo RESTEREMO PER SEMPRE!! Non voglio perdere Volpe…” Dicendo così, gli scese una lacrima. Volpe, senza farsi vedere, era lì, ed anche a lui, scesero le lacrime.

 

Intanto, Gianluca, Originale del cane d’Orzak, andò a prendere all’aeroporto, i genitori adottivi di Christian! Erano stati chiamati da Nicola (asino alato), direttore del collegio, dicendo che nell’istituto non c’era posto, e d’andare a prendere il figlio… Naturalmente, si trattava d’una scusa! In realtà, voleva parlargli del cambiamento, in positivo, del figlio!

 

I Prescelti della fenice, del drago e della volpe, si recarono da Clara. Già, in casa erano presenti Luke con Grace, insieme a Cleo con Ely.

I tre bussarono alla porta. Fu proprio la Prescelta del cavallo alato ad aprire. “Oh, ragazzi!! Vi stavamo aspettando! Ma… quanto c’avete messo?” Joseph, baciandola, disse: “Eh… Ralph… si doveva ancora vestire… Sai… c’impiega un’eternità… E’ più lungo del mese di maggio… Pensa, che quando abbiamo suonato, era ancora a letto…” Ralph, piccato, disse: “Le volpi sono così… Prendere o lasciare… Cosa ci posso fare io?” “Già… le volpi sono PIGRE!!” Rise Michelle. “Ok… Ma, adesso raggiungiamo gli altri… Ci sono due punti all’ordine del giorno!!” Disse Clara. Così, i ragazzi, raggiunsero il soggiorno. Trovarono tutti già seduti intorno ad un tavolo. Cleo, prese subito la parola: “Visto che ci siamo tutti, vi voglio comunicare una cosa… Luke e Grace, sono felicemente sposi… Ralph con Sabrina, sono in procinto di sposarsi… povero Ralph… Così come Joseph e Clara, anche se ancora non l’hanno comunicato ufficialmente… Beh… Io ed Ely, diciamo, che abbiamo preso una decisione, proprio questa mattina… Abbiamo deciso di sposarci tra un mese!! Ci siamo presi, per così dire, d’invidia… AHAHAHA!! Naturalmente, vogliamo Zoor come testimone… e Phegeus con Nicolas, come paggetti!! AHAHAHA!!” Tutti applaudirono, e baciarono i PROMESSI SPOSI! Ma Clara, ricomponendosi, disse: “Sono contenta per voi, Cleo ed Ely… Però, se siamo qui, è anche per un altro motivo… Tutti, ieri notte, abbiamo sentito le parole del Dio Sagem…” Tutti divennero seri: “… Forse, la nostra avventura da Prescelti, sta per terminare!! Quante battaglie abbiamo combattuto? Quanto dolore e lacrime… Quanti allenamenti estenuanti… Quante perdite… Però, quante avventure e quanti amici abbiamo conosciuto!! Quante storie abbiamo vissuto, e, soprattutto, abbiamo stretto amicizia con ESSERI STRAORDINARI… I componenti della NOSTRA ELITE… Come dimenticare Pegaso, Volpe, Dragur, Phoenix, Delphi, Zoor ed Unix? Le parole di Sagem, sono state, CHIARE!! Purtroppo, e speriamo di no, SMETTEREMO D’ESSERE PRESCELTI!! Abbiamo già stabilito, secondo la legge dell’Elite, chi saranno i PROSSIMI… Certo!! Smetteremo di combattere e di soffrire, però, il prezzo di tutto questo, sarà comunque molto alto!! La presenza nelle nostre vite, dei componenti dell’Elite, era conseguenza del nostro status di Prescelti!! Dovremo dire addio ai nostri cari allenatori… Probabilmente, ci cancelleranno la memoria… Resteranno con noi da umani, ma, non avremo più la possibilità di vederli nella loro forma animale… Poi, c’è un’altra cosa… Forse, non potremo più ricordare, tutto quello che ci è successo!!” Ralph pianse. Fu sostenuto da Luke e da Grace, anche lei con le lacrime agli occhi. Michelle, invece, disse: “Forse, non è tutto perduto, ragazzi… Ralph… conservi ancora l’agenda sulla quale scrivevamo quello che ci succedeva nei primi periodi da Prescelti? Dovresti darmela!! La farò scansionare, e spedirò il tutto ad un mio amico… Raphael… tramite e-mail… Raphael, è quello che ha scritto la storia di Christian!! Farà uscire ‘ LA STORIA DEI PRESCELTI ‘!! Leggendo, non potremo dimenticarci di nulla!!” “Ma… Questo non era proibito?” Disse Clara, allarmata: “… Non vi ricordate? La prima cosa che l’Elite ci ha raccomandato, era quella di non dire a nessuno quello che siamo… Se venissero a saperlo…” “Cosa? Cosa mai ci possono più fare? ORMAI E’ TUTTO FINITO!!” Disse piangendo ancor di più, Ralph: “… Non vedrò più Volpe!!! Non proverò mai più la TENEREZZA d’averlo accanto… Anche se certe volte, l’ho preso a calci… io… io, GLI VOGLIO UN MONDO DI BENE!!!” Grace, continuò: “Lo stesso vale per Delphi ed Idros!! Mi mancheranno da morire!!” Luke, disse: “Unix, per me, è stato come un PADRE…” Joseph, non parlò, ma, si voltò di spalle, così fece anche Cleo, che disse sottovoce: “… MIAO…” Clara, proruppe in un pianto molto forte, dicendo: “Ho trovato un padre, ma sto per perdere un CAVALLO ALATO!! Un essere meraviglioso!! Come farò, senza poterlo più vedere?” Michelle, l’abbracciò, e disse a tutti: “NON LI PERDEREMO!! Io, non perderò Phoenix!! NON PERDEREMO NESSUNO… Ma… dì la verità, Clara… Tu, già sapevi dall’inizio, che tutto sarebbe finito? Te lo leggo nella mente!! Ho sempre notato la tua ‘ strana ‘ tristezza, quando eri con Pegaso… Mi sono sempre chiesto il perché…” Clara, piangendo annuì, e Ralph, alzandosi di scatto, disse: “Avevo detto di non voler essere più un Prescelto… Ora, mi pento d’averlo pensato!! Ho fatto del male a Volpe, a voi, ed a ME STESSO!! Perdonatemi!! Ma, tu… Clara, potevi anche dircelo…” La Prescelta del cavallo alato, disse: “… Lo avevo giurato… Lo avevo giurato a Pegaso…” Tutti, abbracciarono il Prescelto della volpe, e dissero: “Non c’è nulla che devi farti perdonare, Ralph!!”. I componenti dell’Elite, nella stanza vicino, piansero anche loro.

 

Intanto, Christian, incontrò i suoi genitori, sotto lo sguardo di Gianluca e Nicola. Si trovarono in ufficio, in collegio, e Sonia (zebra alata), prendendo la parola, disse: “Signori… Questo non è un collegio comune!! Vostro figlio, non è una PERSONA COMUNE… Qui, s’addestrano CAVALIERI, ma… vostro figlio è UN EROE!! Era solo sotto l’influenza d’un Dio malvagio!! So che non potete capire in pieno… Ecco perché, si comportava male… ma, è stato SALVATO da AMICI SINCERI… Amici che hanno salvato la vita, anche, a tutti noi!!” Naturalmente, i genitori del ragazzo, si guardarono in faccia, senza capire nulla.

 

In città splendeva un sole magnifico. Nicolas, insieme a David, erano usciti per fare una passeggiata. Il Prescelto del drago in seconda, tristemente, disse all’amico: “David… Phegeus… Durante il combattimento contro Chaos, Sagem ha detto che è tutto finito!! Secondo te, è vero?” Il ragazzo, afferrò la mano dell’amico, dicendo: “Oh… Nicolas… Vuoi che ti dica una bugia, oppure la verità?” Il ragazzo, disse: “LA VERITA’!! Preferisco che tu mi dica il vero…” “AH!!! E’ dura dire ADDIO… Io lo so bene… Quante volte l’ho fatto!! Quante volte ho detto ADDIO ai bimbi di tutto il mondo… Si, Nicolas!! Mio papà, Pegaso, conosce fin troppo bene la legge!! Solo… che fin ora, non l’ha mai dovuta applicare su tutti i Prescelti!! E’ dura, amico mio… Ma, c’è sempre la Speranza!! Ti manca già da ora Dragur, non è vero? Avverti già, nonostante che lui sia con te, la sua mancanza?” Nicolas, si mise a piangere: “Non devi piangere, Nicolas… Tutto è destinato a compiersi, ma… NON TUTTO E’ PERDUTO!! Voi, rimarrete EROI… anche se nessuno se ne ricorderà!! Dragur, rimarrà insieme a te, nei tuoi SOGNI!! Credimi… Per tutti, sarà dura!! Sembra l’ultimo capitolo… ma, non lo è!! PER ASPERA SIC ITUR AD ASTRA… Sai che significa?” Il ragazzo rispose di no: “… Ecco, vedi, questa frase significa che, per raggiungere le stelle, prima, bisogna saper SOFFRIRE… AFFRONTARE LE DIFFICOLTA’!! Quindi, FORZA E CORAGGIO… Questa sarà la VOSTRA ULTIMA BATTAGLIA!! Non bisogna piangere!! AVETE VINTO!! Non è tempo di disperazione, ma di riso e contentezza!! Ritroverai Dragur… ne sono certo!! Sei un EROE, come tuo fratello ed i tuoi amici!! Tu, non è un caso, sei l’OTTAVO PRESCELTO!! Sai cosa significa il numero OTTO? Vedi… Il numero SETTE, rappresenta la PIENEZZA!! TUTTO E’ SETTE!! I colori dell’arcobaleno, le note musicali, i giorni della settimana… Non è un caso… credimi… Ma, il numero OTTO, rappresenta il FUTURO, la Speranza… l’INFINITO!! Prova a girare il numero OTTO ed otterrai il simbolo matematico dell’INFINITO… In pratica, TU SEI IL FUTURO!! Chi è Prescelto, lo RIMARRA’ SEMPRE!! Prendi tutto questo come una VACANZA!! Magari, se ce ne sarà di bisogno, verrete di nuovo chiamati al vostro compito!! Sorridi alla vita, Nicolas!! Anch’io pensavo d’aver perso Pex… invece, ho trovato Robert!!”.

 

Anche per gli Scelti, era arrivato il momento degli addii, ma, tuttavia, ancora l’Elite della Primula Rossa, del resto, come i colleghi di quella Azzurra, esitavano a convocare quella dolorosa riunione. Avrebbero deciso quella notte…

 

Arrivò il pomeriggio! Un pomeriggio di sole!

Grace, che aveva, ancora una volta, affidato il piccolo Max, alla vicina di casa, ora, era seduta sul divano, allattandolo. Il piccolo, era l’unica cosa, che al momento, la rendeva felice. Luke, era seduto al tavolo, allenandosi a leggere i tarocchi. La povera Prescelta del delfino, staccando dal suo seno, Max, disse: “Luke… Amore!! Che ne sarà di noi? Il compito da Prescelti, ci riempiva d’impegni!! Di cosa parleremo? Come riusciremo a far passare le giornate? E’ vero… Stare sempre all’erta per nuove minacce, era terribile! Anche essere feriti in battaglia!! Ma… Credo che tutto questo, mi mancherà!!” Luke, mise nell’astuccio le carte, e poi, rivolgendosi alla moglie, disse: “Dobbiamo andare avanti, amore… Unix e Delphi, non vogliono che questo… E poi, non è detto che finisca tutto…” Ma, il Prescelto, aveva fatto un consulto! Aveva chiesto ai tarocchi, se tutto fosse davvero finito… La risposta fu, LA TORRE ED IL CARRO… Cioè, FINE E NUOVO CAMMINO!

 

Intanto, Christian, con i suoi genitori, avevano già preso l’aereo. Il ragazzo, mandò un messaggio a Michelle, con scritto solo una parola: ‘ GRAZIE ‘. Era stata una battaglia cruenta, ma gli servì per cambiare! Sapeva che avrebbe dovuto pagare per tutte le sue vittime, però, il pensiero della punizione, non gli pesava! Lui e Michelle, non si sarebbero più visti, ma, nella sua città, l’aspettava un amico… Raphael. I genitori, invece, non avevano capito nulla! Si domandavano il perché delle parole dei gestori di quello strano collegio… Com’era possibile che loro figlio fosse un Cavaliere, come anche detto molte volte da lui? Dunque… Non erano tutte FANTASIE?

 

Anche Federico ed Alberto, scrissero a Michelle! Con sua sorella, avrebbero voluto prendere parte al combattimento, ma furono contenti del lieto fine.

Il Prescelto della fenice, però, ricevette un altro messaggio… Un messaggio da parte di Omar (Jogi), che diceva di voler incontrare tutti i Prescelti, per una riunione! Naturalmente, Michelle, convocò tutti i suoi amici! Si sarebbero incontrati, quella sera, in collegio! A quella notizia, i Prescelti furono scossi! Come mai, proprio Jogi, voleva incontrarli? E per dire cosa?

Ralph, a casa di Sabrina, appena ricevuto il messaggio, disse, agitandosi: “ECCO!! CI SIAMO!! Gli Alpha, vogliono parlarci!! Di certo, vogliono comunicarci che E’ LA FINE!!” Sabrina, gli disse: “Amore… La fine di cosa?” “… Beata te, che non CAPISCI UN FICO SECCO!! E’ la FINE DEI PRESCELTI!! Non voglio dire addio a Volpe!! Non voglio PERDERLO… AH!! Se si potesse ritornare indietro…” La ragazza, strinse a sé il Prescelto della volpe, e disse: “… Su Ahser… Amore… Sono sicura che non è come pensi… E poi… dobbiamo pensare al nostro matrimonio… Alla chiesa… Ai fiori… Alla lista di nozze… Alle bomboniere… Agli invitati… Al ristorante… Al mio vestito… Alla luna…” “MA CHE CAVOLO M’INTERESSA ORA DELLA LUNA IN MEZZO AL MARE, E DI TUTTE QUESTE SCIOCCHEZZE!! Non l’hai capito che non vedrò più IL MIO VOLPE? Come farò a vivere, pensando d’essere come lui, e non poterlo più accarezzare, dopo che m’ha fatto conoscere ME STESSO? AH!! Quando vedrò una volpe in TV, oppure in campagna… di certo, scoppierò a piangere… E tu, mi vieni a parlare di LUNA DI MIELE E DI RISTORANTE?” La ragazza, mise il muso, e poi, urlò come una pazza: “Ma… a chi vuoi più bene? A me, o a quel COSO PELOSO? Sembra che ti vuoi sposare con LUI!! Allora, sai che ti dico? Và da lui… PORTALO IN CHIESA E SPOSALO!! ESCI DA CASA MIAAAAA!!”. Ralph, con il pianto nel cuore, fu costretto a prendere la porta, e ad andarsene. Sabrina aveva ragione… ma, il Prescelto era triste! Avrebbe sistemato le cose con la sua ragazza, dopo…

 

Intanto, si era fatta sera… Si stava avvicinando l’ora della riunione. I Prescelti, come concordato, ed anche il piccolo Nicolas, giunsero davanti all’istituto, proprio innanzi al portone principale! Erano tutti tesi ed anche tristi! Nemmeno prima d’una battaglia erano stati così! Sagem, il Dio della Speranza, al contrario di quello che doveva fare, aveva portato nei cuori dei nostri eroi, solo tristezza. Ora, tutti insieme, attendevano che Jogi parlasse… il primo animale ad essere stato creato! Ci sarebbe stata anche l’Elite? Giunsero anche Patrik, Mohammed e Samuel, che erano diventati grandi amici. Salutarono gli eroi con grande gioia, e l’invitarono ad unirsi a loro per prendere qualcosa al bar, ma, quelli rifiutarono.

Alle venti, puntualmente, il grosso portone di legno, s’aprì! Ad accogliere i Prescelti, Carmen (Earth), in sfolgorante armatura rossa, che appena vide Ralph, l’abbracciò in modo molto caloroso, tanto che il Prescelto rimase confuso. “Mio Cavaliere… La volpe è con te, e ci resterà per sempre!! Non esser triste, oh sentinella del pericolo!! Gea è con te!!” Ralph pianse, e le disse: “Voi… voi avete difeso Jogi!! Voi… siete stata uccisa per difenderlo!! Io… so tutto sul Vostro conto!! Ed adesso, volete consolare me? Oh Earth… siamo tristi… Stiamo per dire addio a chi ci ha allenato e voluti bene come dei figli!! So bene che il nostro dolore, non è nulla in confronto del vostro Nostos… Però… quanto è dura!!” Carmen, abbracciò nuovamente il suo Cavaliere, tra gli sguardi degli altri Prescelti, che ora piangevano… La prima volpe non disse nulla, ma li fece entrare nel lungo ed austero corridoio, camminando a passo lesto.

Davanti a loro, una porta con il simbolo dell’AFTAES! Era maestoso e tutto d’oro! Innanzi a quel sacro simbolo, tutti si batterono il petto come a salutarlo! La porta s’aprì, e tutti entrarono in quella sala. Era una sala stupenda, ricca di colore. In fondo, una statua del Dio Sagem, come quella all’interno del Tempio. Ad attenderli, Jogi con tutti gli Originali, compresi quelli di Orzak… C’era anche la Regina… Davanti agli Alpha, i Prescelti s’inginocchiarono, ma Jogi, benevolmente, disse: “Alzatevi, oh Prescelti… Siete eroi, NOSTRI PARI… Siete nostri RAPPRESENTANTI!! Avete salvato il creato con le vostre sfolgoranti battaglie!! Ci avete, con le vostre gesta, portati sempre nel cuore!! Siete riusciti a salvare anche il Cavaliere di Chaos!! Quanto avete sofferto… Ma, vedete, TUTTO ERA NECESSARIO!! Voi… ragazzi comuni, ma di non comune cuore… dovete essere fieri di quello che avete compiuto in questo glorioso tempo!! Adesso, vi tocca il giusto, e meritato, RIPOSO!! Siate felici, e portate ancora nei vostri cuori, il mondo che io… Jogi, insieme a Sagem, nostro ANGELO DI DIO, v’abbiamo affidato!! Siete stati i primi a giungere fino a questo punto, che porterà ai futuri Prescelti, probabilmente la pace! E’ vero… i futuri Prescelti, come gli Scelti, dovranno affrontare in futuro, temibili nemici, ma, la battaglia più dura l’avete vinta voi!! Non siete più Gamma, ma Alpha Scelti!! Infatti, Gamma, significa questo!! Come sapete, per voi, non ci saranno riconoscimenti né medaglie, ma avete la GLORIA!! Cavalieri… gli Originali e Sagem, vi consegnano il potere ed anche il giusto riposo che meritate!! Però, non pensate che sia finita… IL VOSTRO LAVORO NON E’ TERMINATO!! Potreste essere richiamati sul campo di battaglia!! All’Elite il compito della CONVOCATIO…” I Prescelti, ebbero un’altra delusione, mitigata da una piccola promessa! Stranamente, avrebbero voluto combattere ancora, per non dimenticare! Ralph, con gli occhi lucidi, prendendo la parola, disse: “Allora è vero? Allora, perderemo davvero i nostri allenatori? Jogi… Dicci la verità!! Perché quest’altro dolore, proprio a noi? Parlo a nome di tutti… Abbiamo combattuto, pianto, perso altri eroi, che come noi, hanno sputato sangue, oppure son caduti!! Perché farci soffrire in questo modo? Abbiamo ancora bisogno dell’Elite… Ho bisogno di Volpe… il mio Volpe!! Prima, avevo perso Michelle… ora che l’ho ritrovato, perderò la memoria di chi m’ha voluto bene!! Non è giusto!! Jogi… NON VOGLIO IL RIPOSO… voglio COMBATTERE… Voglio… anzi, VOGLIAMO ESSERE ANCORA PRESCELTI… Allenarci, e soprattutto, NON DIMENTICARE!! Se puoi, oh nobile Alpha, intercedi per noi presso Sagem!! A cosa serve essere eroi, quando si perde il bene? A che serve essere coperti di gloria, quando si perde l’amicizia e la tenerezza d’uno sguardo amico?” Jogi, anche lui piangendo, rispose: “Anch’io mi sono fatto la stessa tua domanda, Prescelto della volpe… Ma, a questo, ancora non ho trovato risposta!! Bisogna vivere giorno per giorno, e, com’è successo a me, probabilmente, ritroverai gli amici persi… Devi… anzi… DOVETE SPERARE!! Anche se non nelle loro VERE FORME, loro, rimarranno con voi, per ancora guidarvi… anche se IN MODO DIVERSO!! E come quando, si lascia la mano della mamma e del papà… Non si ha più il contatto… ma si ha sempre l’AMORE!! Non disperate… Riuscirete ad essere ancora contenti!! Adesso andate… Stanotte la ‘ FAMIGLIA ‘ vi dovrà parlare… RICORDATEVI CHE NON SIETE SOLI…”.

 

Così, i Prescelti, uscirono da quella sala e da quel collegio! La loro anima era triste… Con questo peso, ognuno ritornò alla sua abitazione! Quella notte sarebbe stata l’ultima?

 

Tristemente, Ralph, insieme a Michelle, tornarono a casa. Avevano lasciato Joseph e Nicolas a casa della nonna. Ripensarono insieme, lungo la strada, alla loro prima avventura… cioè alla ‘ VOLPE NERA ‘, e si misero a ridere! Quanta paura avevano provato in quei giorni… Tuttavia, ripercorrendo con la memoria le altre lotte, quella, ora, sembrava ridicola… Michelle, pensò alla telefonata con il telefono staccato, ed all’incontro con Phoenix… Si misero di nuovo a ridere, ma poi, una lacrima scese sui loro visi…

Anche Joseph ripensò alla prima apparizione di Dragur, ed alla sua scoperta d’essere un drago! Poi, ripensò a quando, vide per la prima volta Pegaso che già la sua ragazza, Clara, conosceva…

Ugualmente, gli altri Prescelti, furono sommersi dai ricordi! Insomma, ripercorsero col pensiero, tutte le loro avventure, provando forti emozioni. Clara, non volle spegnere la luce della sua casa… Rivedeva i bellissimi crini di Pegaso… ne vedeva gli occhi dolci ma severi, e si mise a piangere… Ma… il bianco cavallo alato, quella sera, non giunse a lei…

Il Prescelto della fenice, insieme a quello della volpe, arrivarono fin alla discesa che conduceva fino alle loro abitazioni! Nel salutarsi, videro il cielo stellato e la luce di quei lampioni, che, proprio come avevano fatto la prima volta, illuminavano quella via che li aveva visti diventare eroi a loro insaputa! Però, quella notte, poteva essere l’ultima! Ralph, andò a casa, dicendo all’amico d’aspettare, poiché gli doveva consegnare l’agenda, e, così fece… Seduti su un gradino, si misero a leggere… Quanti errori di grammatica… ma, quanti ricordi… Quante risate, e quanta tristezza! Ralph, disse a Michelle di leggere, e quello lo fece, facendo risaltare gli errori compiuti da Joseph durante la scrittura… Poi, finendo di leggere il primo capitolo, il Prescelto della fenice, non riuscì ad andare avanti, e, per evitare di piangere, chiuse di colpo l’agenda, dicendo: “Dovremmo continuare a scrivere… Poi, invierò il tutto a Raphael… Te la senti, domani pomeriggio, di farlo, Ralph? Domani mattina, dovrò presentarmi in ospedale per il mio primo giorno del mio nuovo lavoro… Anche tu, se non sbaglio, domani devi andare in ufficio…” Il Prescelto della volpe, gli rispose, alzandosi da quel gradino: “Certo Michelle!! Conta pure su di me!! Uh… Adesso s’è fatto molto tardi… Ci vediamo domani…” Michelle, rispose: “Già… Ciao… A domani…”. I due, rientrarono a casa, col presentimento, quasi d’un addio, ma, questa volta, non tra di loro, ma, da quel mondo che li aveva uniti, ancor di più.

 

Ralph, chiudendo dietro di sé il portone, rimase a lungo appoggiato ad esso. Chiuse gli occhi, rivedendo col pensiero il suo allenatore. Si mise a piangere, e poi, corse su in camera per mettersi il pigiama. Così, dopo averlo indossato, andò in bagno, e scese nel seminterrato! Lì, prese carta e penna, si sedette al tavolo, e si mise a scrivere una lettera… Il destinatario era Volpe…

 

Carissimo Volpe,

E’ triste dirsi addio, dopo aver vissuto insieme tante avventure!

T’ho voluto bene fin dal primo momento! I tuoi occhi, orecchie, coda e zampe, insomma tutto di te mi mancherà! Io sono come te, sei stato tu ad avermi insegnato l’istinto, ma anche la tenerezza d’essere un animale puro e forte! Forse, questa è l’AXIA di cui parla tanto Clara e Phegeus… Credo di si!

Oh Volpe, riverso in queste poche righe tutto il bene che ti voglio, e ti chiedo scusa per il male che t’ho arrecato! Ti ho fatto piangere… a te, che m’hai fatto da padre… Mi mancherà il tuo modo di chiamarmi… VOLPACCHIOTTO… così dolce e tenero! Mi mancherà anche tuo fratello Koseidos, ed i suoi terribili occhi!! Voglio che sappiate che mi rimarrete per sempre nel cuore!!

MI MANCHERA’ ESSERE UNA VOLPE… E’ vero… In una vita precedente, eravamo fratelli, poi, sono stato, da come ho capito, molte volte tuo Prescelto! Tu sei stato mia guida e mio mentore! Hai fatto di me un vero Cavaliere, anche correndo molti rischi, in quanto, molte volte, ho fatto, sbagliando, di testa mia, disubbidendo ai tuoi amorevoli ordini, mai dati per il male, ma sempre a fin di bene!

Ora, con questa mia, voglio ringraziarti per tutto quanto, e ti chiedo un favore, sia per me, che per tutti gli altri, sia Prescelti che Scelti!! Oh Volpe… Ti chiedo di far in modo, che tutti noi, conservassimo la memoria di ciò che è stato! Anche gli altri Prescelti, hanno amato, ed amano tutt’ora, i loro allenatori, specialmente Clara che vede in suo padre Pegaso, un punto di riferimento molto forte, soffrendo, forse più di me e degli altri, per l’eventuale separazione… Siccome rappresenta, non solo l’aria, ma anche i sentimenti, fonte di forza per tutti i Cavalieri! Non permettere che CI CANCELLINO LA MEMORIA!! Non lo fare!! Tieni strette le parole del TUO VOLPACCHIOTTO che hai accudito come un tuo cucciolo, insegnandogli la vita e l’amore per la Natura, della quale siamo CUSTODI in AFTAES, ed in Sagem che è Speranza!!

Oh Volpe! Ti voglio bene, e vorrei, ancora, accarezzare il tuo stupendo pelo rosso, mentre ricordo con rispetto, tu da lupo, nell’atto di ringraziare la luna!! Sei forte!! Non cambiare mai!!

Mi mancherà essere come te… UNA VOLPE!!

Ti voglio bene… Il tuo VOLPACCHIOTTO, Ralph.

 

Così, piangendo, il Prescelto della volpe, prese la lettera appena scritta, andò a letto, appoggiandola sul pavimento, prima di coricarsi… Poi, spense la luce, chiuse gli occhi, cercando con la mano, il corpo ed il pelo di Volpe, il quale era lì… senza far rumore, piangendo anche lui! Lesse pian piano quello che il suo volpacchiotto aveva scritto, e prese una decisione… L’avrebbe fatto per amore…

 

Capitolo 116

 

Tutto, nella dimensione dell’Elite, era pronto per accogliere i Prescelti! Gli altri Cavalieri, non erano stati convocati. Di già, era stata cancellata loro la memoria… Erano tornati ad essere quelli d’un tempo, ma, di questo, i Prescelti non ne sapevano nulla! Per quanto possibile, Pegaso, aveva deciso di non rivelare subito ai ragazzi la sua decisione, anche se sapeva benissimo che i Prescelti, già, avevano intuito tutto. Volpe era con Pegaso e gli altri componenti dell’Elite, all’entrata, aspettando l’arrivo degli eroi. Voltandosi verso il maestoso cavallo alato, Volpe, disse: “Pegaso… Amico… Vorrei chiederti un enorme favore… Non per me, ma per i Prescelti… Tu lo sai quanto ci vogliono bene… Si, lo so!! La legge è legge!! Atena stessa l’ha scritta… Però, ormai, I TEMPI SONO CAMBIATI…” “Cosa cerchi di dire, Volpe?” Proruppe Phoenix: “… Cosa vuoi fare? Anche se ho già capito!! Tu lo sai che NON POSSIAMO FARLO!! Per caso, la LETTERINA del tuo Prescelto, t’ha RAMMOLLITO? Volpe… Conosci la legge!! E’ vero… le leggi, nel corso dei secoli, sono cambiate… Ad esempio, le ragazze che erano Cavalieri, un tempo, dovevano indossare una maschera, e questa è una legge che è stata abrogata! Però… questa…” Disse la fenice, sbattendo le ali. Dragur, legatissimo ai suoi due Prescelti, disse: “… Magari… magari, la Dea Atena, capirà!! Sei sempre un bastian contrario, Phoenix… Voi fenici non avete proprio cuore!!” “Miao… Già!! Miao… E’ proprio per questo, Miao, che mangiano il vostro… Miao…” Rise Zoor, ma Delphi, da lupo, girando la lingua, bacchettò il gatto, dicendo: “Zoor!! Non mancare di rispetto a Phoenix!! Lo sai… LUI E’ IL CAPO, anche se ha dato a Pegaso la patata bollente, e qualcuno, il medesimo tubero, lo vorrebbe soffiare al legittimo proprietario…” Unix, piccato, disse: “Delfino in abito da lupo… Cosa vorresti insinuare? Parli, per caso, di me? Ho, da parecchio tempo, smesso di voler essere il CAPO DELL’ELITE, e tu dovresti saperlo!! Se vuoi sapere il mio parere, Pegaso ha sempre preso le decisioni giuste!! E’ finito il tempo delle RIVALITA’ tra di noi!! Purtroppo, noi, dobbiamo restare qui, anche se il nostro lato da umani verrà a mancare, prima o poi!! Il nostro lato animale, rimarrà in eterno in questa dimensione, aspettando i prossimi dei prossimi Prescelti!! Ah!! Quanto vorrei RIPOSARE… ma, non possiamo farlo!! Come dice Airak: ‘… Noi non siamo mai morti… e non siamo mai nati… ‘ E’ questo il nostro fato!! E’ questa la nostra condanna…” Volpe, guaiolò tristemente, guardando Pegaso, il quale, disse: “E’ tutto vero!! So, che i nostri colleghi della Primula Rossa, ancora non hanno preso una decisione definitiva!! La loro legge, è diversa dalla nostra!! Loro seguono la legge di Minerva, la quale è molto più liberale di quella d’Atena!! Volpe… Non so cosa dirti… Comunque, sappi che RICORDARE è più doloroso di quanto puoi immaginare!! Questo, potrebbe accadere anche agli altri Cavalieri, la cui memoria è stata cancellata… Come Phoenix sa… potrebbero recuperarla in parte, o del tutto… LA MEMORIA, NON SI PUO’ CANCELLARE DEL TUTTO!! E sarà DOLOROSO… Mio figlio Phegeus, infatti, cancella la memoria ai bimbi, quando deve dirgli addio… Comunque, credo che i nostri ragazzi, vogliano ben di più dei semplici ricordi… LORO VOGLIONO NOI!! LA NOSTRA PRESENZA!! Ma, anche questo è proibito!! Avremmo dovuto dire ai Prescelti la verità, fin dall’inizio… PREPARARLI AL DISTACCO, come ho fatto io con la mia dolce Clara… Ma, anche facendolo… HO FALLITO!! Sta soffrendo!! E’ TRISTE!! A questo punto, mi chiedo, cosa dovremmo fare!! Stasera, avrebbe dovuta essere l’ULTIMA… Loro, stanno arrivando! Propongo, di comportarci come sempre!! Alleniamoli, e poi… poi, alla fine decideremo sul da farsi!! Siete tutti d’accordo?” Tutti, risposero di si.

S’aprì la porta! I Prescelti, fecero il loro ingresso in quella meravigliosa dimensione… tanto diversa, ma, tanto conosciuta ed amata!

 

Come al solito, ogni Prescelto, fu condotto dai rispettivi allenatori, nelle loro sale, ma gli eroi, trovarono sbarrate le sale degli animali secondari, e quelle degli Alpha! Erano aperte solamente le loro! Regnava solo silenzio… Questo, confermò i loro dubbi e le loro perplessità, aumentando la loro tristezza. Tuttavia, non chiesero, né dissero nulla. S’accontentarono di guardare negli occhi i loro allenatori, che, puntualmente, distoglievano lo sguardo! Quel comportamento, era come una pugnalata al cuore per i ragazzi, che, anche da quel modo di fare, ricevevano conferma su tutto! Tutto, parlava d’un addio imminente!

 

Volpe, portò Ralph in una foresta per cacciare. Il Prescelto, sulla soffice erba, trasformato in animale, seguiva da dietro il suo allenatore. Vedeva la sua soffice e bellissima coda, e ad ogni passo, tentava di non guaire, ma dopo qualche tempo, non riuscì a trattenersi, e gli sfuggì un guaito prolungato! Volpe, sentendo Ralph piangere, si fermò, e si voltò da lui, dicendo: “… Volpacchiotto… Che ti succede? Perché piangi? Così, farai scappare le lepri…” Il Prescelto, mentendo, disse: “Oh Volpe… Scusa… ma, vedi, ho calpestato una spina!! C’era un riccio di castagna… AHAHAHA!! Che dolore pazzesco!! AHAHA!!” In quella foresta, non c’erano castagni! Volpe s’avvicinò a Ralph, facendo da prima, un’espressione, come se volesse far capire che non l’aveva bevuta, ma poi, tanto, tanto triste, prese a leccare le zampe del suo Prescelto. “Adesso stai bene, volpacchiotto?” Quello, cercando di sorridere, disse: “Oh si!! Grazie Volpe…” Ma, sentendosi chiamare volpacchiotto, guaì di nuovo, e questa volta in modo straziante. “Oh Volpe!! Non prendiamoci in giro!! Ti prego!! Lo so!! E’ tutto finito!! Non ti rivedrò mai più!! Dopo questa sera… NON CI SARA’ PIU’ NULLA!! Oh!! Come farò senza di te? Come farò senza questa magia? Dimmelo!! Voglio ricordare… Voglio accarezzarti… Sento di non poter resistere senza la tua dolce presenza!! Non te ne andare… dolce fratello mio… NON LO FARE!! Te lo chiedo con il cuore!!” Volpe, al sentire queste parole disperate, guaì pure lui, e disse leccando Ralph: “Oh volpacchiotto mio… Tu dunque sai? Sono io ad essere più triste di te!! Ah!! Avrei dovuto parlarti prima!! Sai… Ho tentato di convincere Pegaso… Tra poco, lui, deve prendere una decisione!! Io ti voglio bene!! Ma, tutto ha una fine, se pur dolorosa!! Ti prego… Non piangere più… La Natura ci è amica!! Ci rincontreremo… E poi, non è detto che sia finita!! Potrebbero esserci ancora nemici potenti in agguato!! Potreste essere chiamati di nuovo all’ordine!! E poi… Pegaso, potrebbe cambiar idea… Sorridi alla vita, volpacchiotto!! Prendila come una sorta di vacanza!! Chi è Prescelto, ci resterà PER SEMPRE!! Siete Cavalieri!! Come direbbe Delphi, e la sua fisica, così lo dice anche Unix e la sua chimica / alchimia, NULLA SI DISTRUGGE… TUTTO SI TRASFORMA!! E’ una legge naturale!! Anche la morte è così!! NON PIANGERE PIU’…” Il componente dell’Elite si mise a leccare con intensità il suo Prescelto! Per quanto durò tutto questo? Non è dato saperlo… Dopo… Ralph si ritrasformò in essere umano… Prese Volpe, e piangendo, si mise ad accarezzarlo, tenendolo in braccio dolcemente, in quello sfondo di natura incontaminata! Piansero a lungo, e le loro lacrime si confusero.

 

Anche per gli altri Prescelti, andò più o meno in questo modo… Grace, nuotò con Delphi in mare aperto, senza sosta! I delfini, per loro natura, hanno il musetto sempre atteggiato al sorriso, ma, quello dei due, aveva un nonsochè di triste, e visto che si trovavano in acqua, non si potevano distinguere le lacrime, ma, gli occhietti arrossati, raccontavano un’altra storia… Di solito, questi animali, nel saltare gioiosamente fuori dall’acqua, emettono il loro verso di gioia… ma, loro no! Saltavano senza gioire! Grace, aspettava che finissero i giochi, per comunicare al suo allenatore, tutta la sua disperazione ed amore!

 

Michelle, insieme a Phoenix, salirono molto in alto nel cielo! Evitarono di guardarsi e di parlare! Anche per loro, nessun verso! Niente cinque note… solo SILENZIO! L’unica cosa che facevano era volare e ridere, che per le fenici, in certe occasioni, significa piangere!

 

Cleo e Zoor, erano stesi su un divano! Il Prescelto, accarezzava il gatto, e quello faceva le fusa, senza nessuna convinzione! Cleo, senza farsi vedere, piangeva, ma Zoor, capendo tutto, leccava le sue mani, miagolando debolmente!

 

In un luogo isolato, Unix, vicino ad un ruscello, pascolava insieme a Luke, il quale, cercava di non guardare l’unicorno, ma, alla fine, si trasformò in forma umana! Unix, alzò il capo dalla tenera erba, ed incrociò lo sguardo col suo Prescelto, il quale, immobile, osservava negli occhi il magico animale. Stettero così per parecchi secondi, ma poi, Unix disse: “Che vuoi dirmi, Luke? Cosa vuoi chiedermi?” Il ragazzo, cercando di non piangere, gli disse: “Unix… Io per te, provo molto rispetto!! Sei magnifico!! La magia che è in te, m’ha contagiato!! M’hai aperto verso dimensioni nuove ed incredibili… M’hai, non solo insegnato a combattere, ma, anche ad usare le arti magiche e l’alchimia, rendendomi una persona speciale, e non solo un Cavaliere!! Non l’ho mai fatto… Vorrei farlo ora, con il tuo permesso!! So che gli unicorni non vogliono certe cose… ma… ma… vorrei…” Unix sorrise, e completò il pensiero del ragazzo: “… Vorresti abbracciarmi ed accarezzarmi, Luke? Certo!! Vieni qui… FIGLIO MIO…” Il Prescelto, si gettò al collo del suo allenatore, cingendolo con le braccia, e, piangendo, si mise ad accarezzare l’unicorno, il quale, ora, gli leccava le mani! “Unix… Non te ne andare dalla mia vita!! Non resisterei alla tua assenza!! So che vuoi lasciarmi la tua farmacia… So che questo è il tuo regalo d’addio!! MA, IO VOGLIO TE!! Ho ancora bisogno di te e dei tuoi insegnamenti!!” Unix, pianse anche lui, e gli disse, dolcemente: “Lo so… Lo so, Luke… Ma, vedi… dal buio c’è sempre una via d’uscita!! Avrei voluto cancellarti la memoria, dopo del combattimento contro Chaos… E’ meglio non ricordare il bene, quando non si può più avere!! Ma… tu sei cresciuto!! Sei diventato grande… e così lo sono anche Grace e Cleo… Voi, avete conosciuto il mondo dei Prescelti, molto prima di Ralph, Joseph, Clara e Michelle!! Dovete imparare a vivere, anche senza di noi!! So, che questo sarà molto difficile… ma, c’è sempre Sagem che è Speranza!! I Prescelti non finiranno… Devi pensare, comunque, che se ci rivedrete… questo significa che ci sarà ancora bisogno di voi, per l’universo, le dimensioni, l’umanità intera ed anche per gli animali!! LA NOSRTA PRESENZA, SIGNIFICHERA’ DI NUOVO GUERRA!! Tu non vuoi, che tutti siano ancora in pericolo, Luke?” Il ragazzo, rispose sorridendo, asciugandosi gli occhi: “Non di certo!! Però…” L’unicorno, leccò il viso del suo Prescelto. Quelle effusioni, erano proibite a questi schivi animali, ma il bene che i due si volevano, superava le convenzioni di specie.

 

Nella stanza dei draghi, Joseph, insieme a Nicolas e Dragur, si stavano allenando. Il piccolo Nicolas, smettendo di sferrare colpi a suo fratello, disse all’allenatore: “Dragur… Che senso ha, questa notte, allenarsi?” Il drago, visibilmente triste, mentì, dicendo: “Ah!! Cosa dici, piccolo? Gli allenamenti sono importantissimi per noi draghi, perché dobbiamo esser forti per…” “Ma và là, Dragur… Non dire bugie… Non ci riesci… Non sei mica una volpe… Lo sappiamo che questa è l’ultima notte!! Te lo si legge sul muso!! La guerra è finita!! Lo stesso Sagem, lo ha detto!! E poi, noi abbiamo appreso tutto sul nostro animale!! Come ci hai detto qualche tempo fa, L’ADDESTRAMENTO E’ TERMINATO!! Quindi, il nostro compito, era quello d’addestrare gli Omega e gli altri Cavalieri… Ma, qui, ora non c’è più anima viva!! Dragur… dì la verità… E’ tutto finito?” Disse con gli occhi lucidi, Joseph, ed il drago, teneramente, disse: “… Non vi si può nascondere nulla… eh? Venite vicino a me…” I due fratelli, s’avvicinarono al drago, il quale, si mise ad accarezzarli sulla testa con le sue enormi zampe, in modo molto tenero: “Oh, FIGLI MIEI!! Si!! E’ vero… ma, dobbiamo aspettare una decisione da parte di Pegaso… Io… io non vorrei mai lasciarvi, ma, la legge dell’Elite ci impone il DISTACCO!! Comunque, resterete nel mio cuore… cuore che ho donato a te, Joseph, e cuore che ti ha amato… piccolo Nicolas… Non vi dimenticate di questo vecchio drago… Si! E’ vero!! Noi siamo gli animali più forti, ma, dentro di noi, vive un animo gentile!! Ricordatevi… MAI FIDARSI DELLE APPARENZE!! Come insegna in Pinocchio, Mangiafoco, CHI TI SEMBRA CATTIVO DALL’ASPETTO, POTREBBE ESSERE PIU’ BUONO D’UN PEZZO DI PANE… MENTRE, CHI TI FA MOLTE MOINE E COMPLIMENTI, MOSTRANDOSI BUONO, COME HANNO FATTO IL GATTO E LA VOLPE, naturalmente senza offesa per il nostro Volpe e per Zoor, POTREBBE ESSERE CATTIVO, SPINGENDOTI A FAR ERRORI, ED A SEMINARE GLI ZECCHINI D’ORO, CHE PUNTUALMENTE, VENGONO RUBATI!! Tutto si guadagna col sudore!! Non esiste, purtroppo, il CAMPO DEI MIRACOLI!! Questa è una prova… figli miei!! Non è un addio!! Non lo sarà, se mi terrete con voi nel vostro forte cuore!!” I due fratelli, abbracciarono piangendo il drago, che, piangendo anch’egli, continuava ad accarezzarli sui capelli, come avrebbe fatto un padre! Questa scena, definiva in modo lampante, il modo che Pegaso aveva definito l’Elite… FAMIGLIA!

 

Clara con Pegaso, erano andati nei giardini di Zeus a far visita a Pegal e Pegas. Con loro anche Phegeus, Pex ed il piccolo Pheg. Si misero a pascolare, e poi, vollero volare. Però, la Prescelta del cavallo alato, aveva le lacrime agli occhi! Ad ogni virata, nitriva di tristezza, pensando che quello sarebbe stato il suo ULTIMO VOLO! Non osava chiedere nulla al suo amato allenatore, ma quello capì tutto, e la guardava con tristezza e tenerezza infinita!

Giunse il tempo di ritornare in Elite. Così, salutarono Pegal, Pegas ed i due puledri, e se ne andarono. Phegeus, rivolgendosi a Pex, disse: “Fratellino!! Per Clara sarà dura dire addio a mio papà!! Speriamo che prenda la decisione giusta… in barba alla legge della MAMMINA!!”.

Clara con Pegaso, atterrarono in Elite, nella loro sala. La ragazza non ce la fece più, e scoppiando in un pianto dirotto, abbracciò Pegaso, dicendo: “Perché, papà? Perché dobbiamo lasciarci? Lo so… Resterai Alexander… mio padre… ma, perderò te… PEGASO!! Cavallo alato dei sogni!! Perché tanto strazio? Che Dio è Sagem? Non doveva portare Speranza? Invece, con le sue parole, ha portato solo DISPERAZIONE!! Non ha cuore per noi, che v’abbiamo amati e cercati? Perché è stato tanto cattivo? Non ce lo meritiamo!! Tu… tu, sei il CAPO DELL’ELITE… Tu puoi far qualcosa…” Pegaso, piangendo, avrebbe voluto dir qualcosa, ma, all’improvviso, sentirono come lo spegnimento di sette aure molto potenti… “Ecco!! GLI SCELTI SONO A RIPOSO!! Airak… Airak l’ha FATTO!! Clara… Come stai, figlia mia?” Clara cadde al suolo come se gli mancassero le forze! Capitò lo stesso a tutti gli altri Prescelti! Anche loro compresero… ed un pianto straziante, riecheggiò per tutte le sale dell’Elite. Il pianto, riecheggiò anche nelle sale di tutti gli animali, ormai deserte, amplificando la tristezza ed il dolore… Un suono terribile!

“Pegaso… Papà mio… Gli Scelti… Gli Scelti… Oh NO!! E’ già cominciata la FINE? Oh!! Che ne sarà di noi? Rispondimi, oh bianco cavallo alato… fonte di gioia, sentimenti e luce…!! Cosa ne sarà di noi Prescelti? Non vi rivedremo più? Come faremo? Sagem… SAGEM E’ UN DIO MALVAGIO!!” Disse Clara, stringendo i pugni, e colpendo Pegaso al garrese con foga. “NO CLARA!! Non mancar di rispetto al nostro Dio!! Egli non è malvagio!! Egli vi vuole bene!! Purtroppo è la legge… La nostra legge!! Voi, continuerete, come gli Scelti, ad esser Cavalieri, ma, in modo diverso… Non ci perderete!! Se ti fa bene, picchiami ancor più forte, ma non odiarmi!! Credi che a noi non dispiaccia? Beh… TI SBAGLI, piccola mia!! Resteremo nei vostri sogni e speranze… Comunque, ho preso una decisione!! La comunicherò quando saremmo tutti insieme… Volpe… Volpe m’ha convinto!! Ma… sarà la decisione giusta? RICORDARE A VOLTE, E’ MOLTO PIU’ DOLOROSO DEGLI ADDII…”.

 

Il bianco cavallo alato, convocò la tanto temuta riunione! I Prescelti, accompagnati dai loro allenatori, furono condotti nella sala dell’AFTAES. I componenti dell’Elite, erano ora davanti agli eroi. Tutti aspettavano con trepidazione che Pegaso parlasse, ma, lo stallone esitava. Fu Volpe a dirgli: “Pegaso… S’è fatta quell’ora!! Non possiamo più aspettare!! Per quanta dolorosa sarà la tua decisione, essa è INEVITABILE!!” Il bianco cavallo alato, con gli occhi lucidi, schiarendosi la voce, disse: “Bene!! E’ ARRIVATO IL TEMPO… E’ inutile prenderci in giro!! Lo sappiamo noi dell’Elite, e lo sapete anche voi Prescelti… o, per meglio dire EROI!! E’ arrivato il tempo del RIPOSO dopo mille battaglie!! E’ arrivato per voi, il tempo della NORMALITA’!! Sappiamo quanto v’è costato abbandonare la vostra adolescenza… i vostri giochi e lavori, per diventare quello che ora siete… Ma, sappiamo anche, quanto sarà difficile abbandonare il vostro RUOLO e TITOLO, nella terribile eventualità d’altre battaglie, che possono verificarsi in futuro!! Non è il tempo delle lacrime e degli addii!! Ho preso una decisione, però mi serve una votazione per approvarla!! Volpe, vuole che non si cancelli la memoria ai Prescelti, com’era stabilito dalla legge d’Atena e di noi dell’Elite della Primula Azzurra!! Se siete favorevoli, oh, nobili componenti dell’Elite, dite SI, altrimenti NO, oppure astenetevi!! Resterà, però, l’impossibilità, com’è legge, di farsi vedere dai Prescelti nella nostra forma animale, nonché parlare nella nostra forma umana di quanto è successo, ed è fatto veto, conseguentemente alla proposta di Volpe della non cancellazione della memoria, ai Prescelti, di parlare o divulgare, tali esperienze… Ora, possiamo passare al voto!!” I Prescelti, si misero a parlare tra di loro, e, Ralph con Volpe, guardandosi tristemente, piansero in silenzio, ma poi, l’astuto componente dell’Elite, disse: “Pegaso… A cosa serve ricordare, se i ragazzi non possono parlarne? Sono i civili che non possono sapere!! Propongo una leggera modifica alla mia proposta… I Prescelti, potranno ricordare e parlare tra di loro, mentre non potranno divulgare le loro esperienze ai civili od ex Cavalieri… La pena sarà dura… Poi… poi penserò io… Ma, ok!! Pegaso, facci votare, poiché i ragazzi possano ENTRARE NEL BUIO e RIENTRARE NELLE LORO CASE!!” Michelle con Ralph, si guardarono, e così, anche tutti gli altri Prescelti che sapevano del ‘ PROGETTO AGENDA ‘, e del racconto affidato a Raphael proprio da Michelle. Pegaso, a questo punto, aprendo le sue straordinarie ali, sentenziò: “… E… SIA!! Amici!! Votiamo la nuova mozione!! Io… io sono d’accordo!!” Volpe, disse: “Anch’io Pegaso… Al resto… penserò dopo…” Tutti guardarono Volpe insospettiti, e così anche i Prescelti. Dragur, sorridendo (aveva parlato con Volpe, appena prima di quella riunione), anche lui votò in modo positivo. Zoor, disse: “… Miao… Sono d’accordo pure io… Miao!!” Delphi da delfino, nella vasca, approvò, girando la lingua in bocca, come al suo solito. Unix, guardando Volpe e Dragur in modo strano, disse: “Anche l’unicorno è favorevole!!” Mancava solo Phoenix, il quale, disse: “… Io m’astengo!! Secondo me… faremo solo del male ai nostri Prescelti… Ma, siccome hanno tutti votato in modo positivo… è chiaro che la mozione del nostro Volpe, da sempre, più AMICO che componente dell’Elite, per il Prescelto della volpe, e di conseguenza, anche per gli altri ragazzi, passi comunque, nonostante la mia astensione!! Comunque… ho come il sentore di qualcosa di FUORI LEGGE… Sarà una mia IMPRESSIONE…” Pegaso, fiero, disse: “Mozione approvata!!! Avvertirò personalmente Atena della nostra decisione!! Adesso… E’ DAVVERO L’ORA…”.

 

Quante volte, i Prescelti, avevano attraversato quella porta? Tantissime volte! Era LA PORTA DEL BUIO! Porta che conduceva nella REALTA’! La REALTA’ D’OGNI GIORNO! REALTA’ SENZA MAGIA! Lavoro, amicizia, quotidianità! Per i Prescelti, comunque, prima di quel giorno, non era dura varcarla, siccome sapevano che appena svegli, l’Elite si faceva comunque viva, e la portentosa magia, continuava, nonostante il giorno… e poi… e poi, di notte, avrebbero visto si nuovo, quella dimensione! Ma… quella notte, essa, rappresentava qualcosa di diverso e triste… LA FINE!

ECCOLI, dunque, accompagnati, come al solito, dai loro allenatori! Questa volta, però, i ragazzi nel vederla, si misero a piangere. Come descrivere quello che stava succedendo? Come descrivere il dolore per un così straziante addio? Non si può! Ogni Prescelto, piangendo calde lacrime, abbracciò lungamente ogni componente dell’Elite! Persino Joseph e Nicolas, accarezzarono Phoenix, anche se nemici naturali… ma, si sa! Il bene, superava anche la differenza di specie! Il Prescelto del drago, cercando di ridere tra le lacrime, disse: “… Alla fine… non t’avrò più tra i piedi, GALLINELLA SPENNACCHIATA!! AHAHAHA!! Adesso puoi andare a deporre in pace le TUE UOVA D’ORO!! AHAHAHA!!” La fenice, non se la prese! Di solito, nel sentire Joseph prenderlo in giro, montava su tutte le furie… ma, questa volta no! RISE! “Come?” Aggiunse, Nicolas: “Come? Mio fratello ti sta dicendo ADDIO, e tu, invece di piangere, ti metti a ridere? AH!! Sei proprio un pollo!! Senza cuore…” Michelle, volle difendere Phoenix, e disse: “Non ti permettere di dirlo, Nicolas!! Non vedi? Phoenix è triste!! STA PIANGENDO!! Ancora non conosci il comportamento di noi fenici?” Phoenix, disse: “Grazie Michelle… Ma, per i draghi, con il cervello da lucertola, non c’è nulla da fare!! Sono ARCAICI ed IGNORANTI!! Non capiranno, e non cambieranno mai!! Tuttavia, ho voluto bene anche a loro!!” Michelle sorrise, e Dragur, guardando male Phoenix, disse: “Adesso basta!! Dopo… cara fenice, faremo i nostri conti… Joseph e Nicolas… Chiedete scusa a Phoenix!! E’ pur sempre un componente dell’Elite…” I due Prescelti del drago, furono costretti dal loro allenatore, a chiedere scusa al bellissimo uccello dorato, ma, Nicolas, accarezzandolo, arrivò fino alla sua bellissima coda, e, come aveva fatto un tempo, gli staccò velocemente due penne, e quello starnazzò per il dolore. “Queste me le tengo per ricordo…” Disse il ragazzo, mentre Phoenix, s’alzò in volo per beccarlo! Tutti risero… Pegaso, per ristabilire la pace, disse: “… Phoenix!! Basta!! E’ l’ora!! Non si può litigare proprio ora che…” Clara, smise di ridere, e si gettò al collo del bianco cavallo alato, piangendo disperatamente: “… PEGASO!! PAPA’!! Io… io non voglio LASCIARTI… TI PREGO… VOGLIO VOLARE ANCORA INSIEME A TE!!” Il cavallo, leccò la ragazza senza dire nulla… ma, la straziante scena fu interrotta da un lungo e prolungato latrato! Non era Volpe, anche lui in lacrime… Si trattava di Koseidos, che era giunto anche lui, sapendo. “Fratello!! Che ci fai qui? Perché hai lasciato il Tempio d’Atena?” Disse Volpe, rivolgendosi a Koseidos. Quello, stropicciandosi gli occhi buoni, con la zampa anteriore destra, disse: “Alopex… Fratello!! Sono venuto per dare ai Prescelti, e specialmente al tuo Ralph, un avvertimento…” E qui la volpe, fece gli occhi terribili d’un tempo: “… Prescelto fallito della volpaccia qui presente… Non ti libererai da me!! IL MONDO E’ DI NOI VOLPI… Tu sarai… tu sarai mio…” Ma, non poté continuare nella sua commedia, perché i sui occhi tornarono buoni, e si mise a correre verso il Prescelto, leccandolo, piangendo. Ralph, s’inginocchiò, e strinse sia lui che Volpe, in un abbraccio tenerissimo… “Non vi dimenticherò mai!! Voi… voi, m’avete insegnato tutto!! Grazie!! Grazie di cuore!! State ancora con me… VI PREGO!!” La scena, era talmente commuovente, che Zoor, pensò bene d’interromperla, miagolando: “… Miao… Volpi sdolcinate… Miao!! Al vostro confronto, Miao, il miele sembra fiele… Miao…” Pegaso, guardando Phoenix e Unix, disse: “E’ quasi l’alba!! L’alba d’un nuovo giorno!!” Nel dire così, altre quindici aure si spensero!! Erano gli Alpha!! Tutti piansero! Anche Jogi e la Regina, insieme ad Orzak, decisero di smettere d’erogare la loro energia potentissima e serena! Non c’era più bisogno di loro!! Pegaso, disse: “E’ L’ORA!! Adesso è proprio L’ORA!! E’ tempo del congedo!! Prescelti… V’ordino d’ENTRARE NEL BUIO!! Sarete riconvocati, se ce ne sarà di bisogno!! Eroi… Adesso è il momento del SONNO RISTORATORE che vi condurrà ad una nuova vita… Sarete diversi, ma uguali!! Sarete Cavalieri nel MONDO!! Non più combattimenti per voi… ma, dovete essere Cavalieri nella vita, portando Speranza, Gioia, Giustizia ed impegno, tutti i giorni!! Ora… ora… ANDATE… SIETE LIBERI!!” All’improvviso, tutto divenne buio a dissolvenza veloce… I Prescelti, videro i loro allenatori dissolversi!! Ora… ora solo buio…

 

Capitolo 117

 

Dopo il buio della notte, come da secoli è sempre accaduto, arriva puntualmente la luce del sole! Però, i nostri eroi, nel vederla, non furono felici… NON QUEL GIORNO! Era l’alba d’una nuova vita! Una vita… priva di magia… Priva di combattimenti… Priva di tutto quello che aveva visto otto ragazzi, essere protagonisti di qualcosa di unico e di speciale! Si svegliarono, senza indossare le loro preziose e potenti armature! Solo un gran senso di vuoto e di… normalità! Il primo, stranamente, a svegliarsi, fu Ralph… Si svegliò di soprassalto! Si ricordò della notte appena trascorsa, e si mise a piangere! Avrebbe, ancora, voluto essere svegliato dai morsetti alle dita dei piedi da Volpe… ma, non c’era! La stanza era vuota e solitaria! Si sedette sul letto, e si guardò intorno, smarrito! Era ancora presto… Quel giorno doveva andare a lavoro, e poi, a chiedere scusa a Sabrina per il suo comportamento del giorno prima, ma non ne aveva nessuna voglia! Come avrebbe affrontato la sua nuova vita da semplice programmatore di videogame? E poi, l’imminente matrimonio? Poi Giusy… si sarebbe ricordata d’essere stata una Scelta? Airak, aveva cancellato agli Scelti la memoria, come non aveva fatto Pegaso? Di una cosa Ralph era consapevole, come del resto gli altri Prescelti… Il ricordo del bene e delle avventure trascorse, senza poterle più vivere, e senza Elite a stare con loro, faceva davvero troppo male! Forse era meglio, come doveva essere secondo la legge, NON RICORDARE! Però, il Prescelto della volpe, ricordava le parole strane del suo allenatore: “… AL RESTO, PENSERO’ DOPO…”! Cosa voleva dire? Cosa avrebbe fatto? Scese dal letto, si vestì e lavò di corsa, e poi davanti al computer! Gli sembrò,  per un istante, d’aver dimenticato tutti i comandi… però si riprese subito… Prima d’andare in ufficio, cambiò lo sfondo del suo computer… Mise l’immagine d’una volpe dei cartoni animati! Nel guardarla, scoppiò di nuovo a piangere! Però, era già tardi… doveva andare a lavoro! Quindi, copiò il codice che stava scrivendo, e l’immagine dello sfondo, appena scaricata! L’avrebbe inserita anche sul mainframe, al posto del logo della sua ditta! In macchina, provò a chiamare Sabrina, ma, il telefono squillava a vuoto… La ragazza era davvero arrabbiata!

 

Michelle, fu svegliato da sua mamma, che lo gettò dal letto, dicendo che era il suo primo giorno di lavoro in ospedale! Già, suo padre, era già lì… Ad accompagnarlo, sarebbe andata Clara, Infatti, tristemente, il Prescelto della fenice, si preparò ed attese la ragazza, davanti al portone di casa. La Prescelta del cavallo alato, non tardò… Insieme a lei, in auto, il Dott. Alexander, che aveva deciso di trasferirsi in casa della Prescelta… Lo aveva appena comunicato alla ragazza! Michelle, montò in auto sul sedile posteriore, senza fiatare! Anche lui, doveva iniziare una nuova vita! Però, vedeva, davanti a sé, due protagonisti della vecchia… Voleva dire qualcosa, ma, non osava! Dal canto loro, né Clara, e né il Dott. Alexander, sembravano voler aprire il discorso…

 

Cleo, si recò di buon ora da Ely… Dovevano discutere del loro matrimonio…

 

Luke e Grace, insieme al piccolo Max, si erano svegliati da poco… Qualcuno, aveva lasciato, suonando con insistenza il campanello di casa, le chiavi, e l’atto di donazione della farmacia di Unix, a nome di Luke, e per Grace, qualcuno le aveva lasciato, le chiavi d’una imbarcazione, uno yacht, ormeggiato vicino alla sua vecchia casa… La casa dei suoi genitori, da parte d’un Comandante della Marina Militare! Un dono prezioso! I due Prescelti, piansero!

 

Joseph e Nicolas, si svegliarono di buon ora! Andarono a far colazione. Quella notte, dormirono, come al solito, almeno per Joseph, dalla nonna, che fu contentissima della loro presenza. L’anziana donna, era come se sapesse!

Scesero al piano inferiore, e fecero colazione con caffè, latte e biscotti. La nonna, quando i due erano già seduti, domandò: “Nipoti miei adorati!! Alla nonna, potete dir tutto… Allora? Perché quei visini tristi? Lo so!! Ah!! Quanta preoccupazione!! Ditemi, figliuoli… E’ tutto finito? Non mi devo più preoccupare ogni notte? Quei terremoti son terminati? Sapete… Ho fatto dei sogni…” Joseph, facendo finta d’essere allegro, disse: “Nonnina mia!! Non temère più!! Non ci saranno più cose cattive!! Ma, se ci saranno, sia io, che il mio fratellino, ti proteggeremo!! Siamo ancora Pres… Cioè, volevo dire… PERSONE SPECIALI!! Non ti posso dire di più!!” Nicolas, prese dalla sua tasca una penna dorata, dicendo, mentre Joseph, diventò di tutti i colori: “Nonna!! Ti faccio un regalo!! Questa è una penna di fenice!! Sai… E’ un uccello molto raro… quanto sono i draghi… Conservala sempre!! E’ il simbolo di chi eravamo… Ti porterà fortuna e lunga… lunga vita!! Vorremmo darti di più… Vorremmo dirti di più… ma, non possiamo!! Sappi solo che staremo sempre con te, e con mamma e papà, e vi proteggeremo!! Siamo e saremo sempre PRESCELTI della SPERANZA…” “E, menomale che non potevamo parlare…” Continuò Joseph: “Hai praticamente spifferato tutto, Nicolas!! LO SAI QUELLO CHE CI PUO’ SUCCEDERE… Ah… Già!! Nulla!!” La nonna, piangendo, disse: “Già sapevo!! Oh!! E’ da tanto tempo che so tutto!! So che Dio, v’ha assegnato un destino difficile, anche se speravo di sbagliarmi!! Ma, so che siete EROI!! E’ per voi che è tutto superato!! Ho sognato diversi animali, tra cui draghi e fenici… volpi, delfini, unicorni, cavalli alati e grifoni… NON ERAVATE DA SOLI!! C’erano altri eroi con voi!! Non dirò nulla!! Non abbiate paura… Sono vecchia!! La vecchiaia, è un po’ come l’infanzia!! Si capiscono cose particolari, ma… nessuno crederà mai alle parole d’una vecchia!! Proprio come succede per i bambini… Da vecchi, si diventa come bambini!! Siamo vicini allo stesso cielo!!” Joseph e Nicolas, abbracciarono la nonna! Sembravano non volersi più staccare.

 

A voler una riunione tra tutti i Prescelti, fu Ralph! Il Prescelto della volpe, davanti all’imponente computer del suo ufficio, prese il cellulare, ed inviò un messaggio multiplo a tutti i suoi amici. Quelli, ad uno ad uno, risposero con gioia e tristezza! Quell’invito lo desideravano… Solo che non avevano avuto il coraggio di proporlo… Solo il Prescelto della volpe, ebbe, e trovò il coraggio per l’iniziativa! Alla riunione, furono invitate anche Ely e Sabrina. Ralph, volle invitare, sperando che si ricordasse, anche Giusy. L’appuntamento, sarebbe stato per le otto di quella sera… a casa sua!

 

Intanto, la vita in città, riprese come se nulla fosse mai accaduto! Tutti gli abitanti del luogo, intenti nelle loro quotidiane occupazioni, si erano completamente dimenticati delle paure, e del dolore, e, di tutti i Cavalieri che avevano protetto e combattuto! Tuttavia, c’era chi non aveva dimenticato! Erano gli Scelti! Airak con Morgan, come Pegaso, avevano deciso di non cancellare ai loro ragazzi, la memoria!

Giusy, sapendo della riunione dei Prescelti, decise di far partecipare anche gli altri Scelti! Con Mark, mandò un messaggio a tutti, e poi, anche a suo cugino, per avvertirlo della loro partecipazione!

 

Anche altri Cavalieri, non persero la memoria… Samuel, Patrik, Mohammed, Loris, David, Ivan, Robert, Sonny e molti altri! Insomma, quasi nessuno perse i ricordi… Solamente ad alcuni Omega ed ai civili, era stata cancellata… sempre con l’obbligo di non raccontare a nessuno quello che erano! Ma… non avevano fatto i conti con la famosa AGENDA di Ralph, Michelle e Joseph… Molto presto, Raphael, avrebbe fatto il resto.

 

Non avendo avuto risposta da Sabrina, Ralph, decise d’andare a casa sua, portandole un enorme mazzo di rose, ed un peluche… UNA ZEBRA! Ancora era presto per la riunione, e così, pensò d’aver tutto il tempo per riconciliarsi con la ragazza. Bussò alla sua porta, attendendo risposta… Aprì… “Ralph!! Chi t’ha detto di venire a casa mia? Come ti sei permesso… Oh!! Queste rose sono per me?” Ralph, porgendogliele, le disse: “Amore… Ieri, mi sono comportato da stupido!! Lo so… Mi puoi perdonare? Ho… Anzi… Abbiamo passato una nottataccia!! Ma ora… è tutto finito!! Dobbiamo pensare solo a noi… ora!! Fammi entrare… Ti prego, dolce Swate!!” La ragazza, anche se ancora aveva lo sguardo torvo, s’intenerì, e, abbracciando e baciando il suo ragazzo, lo fece entrare. Sotto lo sguardo della zebra peluche, fecero l’amore… Decisero, in quel frangente, d’anticipare la data delle nozze, da lì ad un mese! Come testimoni, Ralph scelse Michelle, e Sabrina, scelse Lucy.

 

Michelle, era ancora a lavoro! Clara lo accompagnò a firmare il contratto da suo padre, il quale, gli disse: “So che farai un ottimo lavoro, Michelle!! Clara t’insegnerà tutto di questo ospedale!! Ti renderai conto, che le tue capacità che conosciamo bene, qui, ti saranno molto utili… Ma… non farti scoprire!! Vi do la possibilità d’usare, ancora, i vostri poteri… S’intende… SOLO PER SCOPI MEDICI…” Michelle, firmò, e s’intenerì nel vedere sulla scrivania del Primario, una piccola statua d’un cavallo alato! A presenziare, l’atto d’assunzione, suo padre, con lo sguardo fiero! Dopo, lui e Clara, andarono a prendere un caffè, e si misero a parlare… di TUTTO!

 

Luke con Grace, insieme al piccolo Max, andarono ad aprire, per la prima volta, la farmacia, lasciata da Unix! Alzarono la serranda, e, furono accolti subito, da un buon odore d’incenso! Tutto i farmaci, erano sugli scaffali in ordine! Luke, siccome aveva la laurea in farmacia, già sapeva cosa fare! In realtà, non sapendo del tutto del regalo del suo amato allenatore, stava mettendo da parte il denaro per poter aprire da sé una farmacia… Ma ora, quei soldi, li poteva spendere per la famiglia! Grace, invece, progettò una vacanza in yacht! Pensò d’invitare anche i suoi genitori!

Il Prescelto dell’unicorno, ebbe anche un’altra sorpresa… Andando nel retrobottega, notò che Unix, aveva lasciato libri su libri di magia, tarocchi, e tantissimi articoli magici… Quello, era un chiaro invito, a non essere semplicemente un farmacista…

 

Nicolas, andò a trovare David, e tutti e due, si recarono da Robert, il quale, siccome, ormai l’edicola dove lavorava, restò, purtroppo, senza titolare, con l’aiuto di suo padre e di sua madre, riuscì a comprarla! Nessuno dei tre aveva dimenticato. Su uno scaffale alto, la foto di Luigi… Il vecchio proprietario… Il primo Cavaliere Omega della volpe, direttamente scelto da Ralph…. Un eroe caduto col sorriso, per aver compiuto con gioia, il suo dovere… ed aver esaudito il suo sogno…

 

Ralph, ritornò a casa! Decise, come era stato detto, di chiamare Michelle per scrivere il resto del racconto, da dove avevano terminato! Già, Michelle, aveva spedito dall’ospedale, il testo scannarizzato dell’agenda a Raphael, il quale, era in compagnia di Christian, che fu felice, ed anche commosso ed interessato, su quello che stava leggendo, insieme all’amico. Pensò: “… Ero davvero dalla PARTE SBAGLIATA!!”. Così, il Prescelto della volpe, prese il cellulare, e contattò Michelle, il quale, andò subito, contento dell’invito.

Dopo cinque minuti, il Prescelto della fenice, bussò alla porta di Ralph, il quale, andò ad aprire subito. “Michelle…” Disse, facendolo accomodare: “… Prima di cominciare a scrivere, devo comunicarti che dovrai, come già t’ho detto, essere il testimone delle mie nozze con Sabrina!! Spero che accetterai questa incombenza? Sai… io e lei, abbiamo deciso di sposarci, tra circa un mese…” Quello, con un sorriso, rispose: “Certo Ralph!! Accetto!!” Il Prescelto della volpe, sorrise, e condusse l’amico nel seminterrato!

Ripresero a scrivere, proprio nell’agenda, dove avevano lasciato! C’era ancora, nella pagina giusta, il segnalibro giallo! Non scrissero nemmeno una pagina, quando, sentirono suonare alla porta! Ralph, andò ad aprire, e si trovò davanti Joseph… Sembravano ripetersi i giorni in cui i tre ragazzi erano sempre insieme! Lo invitarono, una volta insieme, a ricordare i giorni e le notti, passate a lottare insieme all’Elite! Volle continuare a scrivere lui su quell’agenda! Joseph, non era molto bravo, come già detto, in grammatica… Si scordava dei punti e delle virgole, per non parlare degli accenti! Quanto risero Ralph e Michelle nel rileggere lo scritto, ed il Prescelto del drago, se la prendeva, ma, continuava a scrivere quello che Ralph dettava con enfasi! Michelle, ricordava, che quello che scrivevano, doveva esser spedito a Raphael, e quindi, ci voleva molta serietà… Il Prescelto della fenice, aggiunse, insieme a Joseph ed a Ralph, anche episodi che si ricordavano, aggiungendoli!

Si erano fatte quasi le cinque, quando il Prescelto del drago, soffiandosi sulle mani per la fatica nello scrivere, chiudendo la penna in una specie di custodia di plastica (Quella penna era senza alcun valore, ma, era quella che, da sempre, era servita per scrivere su quell’agenda! N.D.A.), decise di concludere per quel giorno! Avevano buttato giù molte pagine! “Ragazzi… Che ne dite, prima che arrivino gli altri, d’una bella partitina a poker? E’ da tanto che non giochiamo!! Come puntata, ci giocheremo dieci sigarette a testa!! Che ve ne pare? Domani, continueremo a scrivere…” Disse Joseph, ed, i due ragazzi gli risposero di si, ma Michelle, disse: “Speriamo che tu, Joseph, abbia perso la tua fortuna nel gioco… Cacchio!! Ricordo che facevi sempre scala o full!! Per non parlare dei poker o delle scale reali, che ogni tanto spuntavano fuori… Noi, dovevamo accontentarci sempre di doppie coppie… al massimo, qualche volta, di qualche tris… VINCEVI SEMPRE!!” Joseph, si mise a ridere, e disse: “Sono un DRAGO… Anche a POKER!! Comunque, vedremo se ho perso la mano oppure no… AHAHAH!!!” I tre amici si misero a ridere, ed il Prescelto della volpe, andò subito, a prendere le carte.

 

Gli amici, si misero a giocare. Quanto divertimento, e quante imbroncia ture da parte di Michelle! Joseph, non aveva perso la sua dose di fortuna, ma, diceva che non era per la Dea bendata… Diceva semplicemente che era, saper giocare!

Ad un certo punto, Ralph, s’accorse di qualcosa! Era già accaduto in passato… Guardò il tavolo, e, vide incise queste parole: “Prescelti!! Vi vogliamo bene… L’Elite…” I tre ragazzi, si commossero e piansero. Intanto, s’erano fatte già le otto… Sentirono suonare il campanello! La riunione stava per cominciare!

Il padrone di casa, andò ad aprire… Davanti a lui, i Prescelti e gli Scelti. Naturalmente, li fece subito accomodare, dicendo che era accaduto un prodigio… Quelli, vollero scendere giù per vedere! Quando furono tutti intorno al tavolo, dal suo bordo, un’intensa luce blu! Con quella specie di MIRACOLO, le Elite, vollero dimostrare ancora, la loro presenza! I quindici ragazzi, visto che era presente anche Nicolas, che era stato preso a casa da Clara, ne furono commossi. La Prescelta del cavallo alato, prese la parola: “Non è tempo di piangere!! Ora, è tempo di riflessioni e di bilanci futuri… Sediamoci tutti intorno a questo tavolo… Sarà per noi, come la TAVOLA ROTONDA… Infondo… siamo ancora Cavalieri, e lo resteremo per sempre!!” Tutti si sedettero, e Joseph, non volle sedere accanto ad Angelo, e lo guardava in cagnesco, così come guardava male, anche Pierre, mentre impedì, anche alla sua ragazza, di sedere con lo Scelto del cavallo alato… La poveretta, fu costretta, per non far scena, a sedersi vicino a Michelle… Così… la riunione ebbe inizio…

“Carissimi… Quante avventure abbiamo passato… Quante dure prove, e quanto dolore!! Io… Prescelta di Pegaso, non posso che ringraziarvi a nome di mio padre, per tutto quello che avete fatto!! Questo, è il nostro primo giorno di riposo e libertà!! Ma, non deve essere come un commiato!! Anzi… speriamo che non accada ma, potremo ancora essere chiamati sul campo di battaglia!! Potremo ancora, indossare le nostre armature, e così, rischiare ancora una volta, la VITA… e non solo noi… E’ vero… Non possiamo più contare sulla visita, sia fisica che metafisica, dei nostri rispettivi allenatori, che per noi, sono stati come una FAMIGLIA! Però, essi, rimarranno, come abbiamo appena visto, insieme a noi per guidarci e proteggerci!! Ora, mi rivolgo a voi Scelti!! A nome nostro, dei Prescelti, vi voglio dire GRAZIE!! Siete, infatti, stati sempre voi a guardarci le spalle!! Siete, e questo si sa, stati attaccati molte volte, evitandoci scontri cruenti, combattendo al posto nostro… Chissà quante volte è successo… NO!! Non siete mai stati CAVALIERI SECONDARI!! Voi, siete UGUALI A NOI!! EROI!! Voi con noi!! Grazie amici!! Sette elementi uniti dalla Speranza e dall’Amore!! E’ strano… Cavalli alati, draghi, volpi, delfini, gatti, unicorni ed infine fenici… animali così diversi, ma che si aiutano proprio come all’era di Jogi… l’uno con l’altro, superando le differenze di specie, portando così… EQUILIBRIO… BIANCO E NERO!! LUCE E TENEBRE… uniti da un filo invisibile, che ci ha stretti insieme, ed ancora lo fa!! Noi… SEMPLICI RAGAZZI, con i nostri problemi e gioie, ma con UN GRANDE DESTINO COMUNE!! E’ questo il nostro MANIFESTO, sulla quale copertina, è inciso, come dal fuoco, un solo SIMBOLO!! L’AFTAES, del quale, siamo DIFENSORI!! Ora, prendiamoci tutti per mano, e rinnoviamo il giuramento sacro e supremo che abbiamo già pronunciato, quando tutto ha avuto inizio… Giuriamo, come hanno fatto, prima di noi, chi ci ha preceduti in questo arduo, e difficile compito!!” Tutti i Prescelti e Scelti, si diedero la mano: “… Giuriamo di rimaner sempre amici? Giuriamo anche, in tempo di pace, d’esser Cavalieri e di rispettare sempre il nostro RUOLO, e l’AFTAES, di cui siamo i CUSTODI?” Disse Clara… Ci fu un unico grido: “LO GIURIAMO!!”. Tutti, a quel punto, s’abbracciarono e piansero… ma, questa volta, non per dolore! I ragazzi, sentirono come se fosse stata la prima volta, il forte senso d’appartenenza a qualcosa d’unico, e molto più grande di loro! Rinnovarono, così, il GIURAMENTO alle STELLE ed a SAGEM, che non era altro che un ANGELO!! Angelo di DIO… DEL DIO DELLA SPERANZA COSMICA!

 

Com’era bello vedere tutti quei ragazzi volersi bene, come fratelli! Cessarono di colpo, anche le incomprensioni tra Joseph ed Angelo… Il Prescelto del drago, fece, addirittura pace con Pierre…

 

In città, in quel momento, s’avvertì un’energia nuova… POSITIVA! Ma, non solo in quel luogo! Tutto il mondo, fu pervaso da luce e gioia! Gli scoiattoli, saltellavano allegri da un ramo ad un altro… Gli uccellini, cantavano felici, ed, addirittura, successe qualcosa d’impensabile… I lupi leccarono gli agnelli… I leoni leccarono le gazzelle nella savana… Insomma, un VERO MIRACOLO!

 

Naturalmente, di questo, i quindici ragazzi, non sapevano nulla! Non riuscivano ad immaginare, quello che stava accadendo… Continuarono ad abbracciarsi ed a parlare! Ralph, preparò la cena per tutti! Era un giorno di festa… e non un giorno triste, come avevano pensato! Una nuova vita, era, finalmente iniziata… e con essa, un legame molto stretto… In altre parole… AFTAES!!

 

I ragazzi, non se ne erano accorti, ma, per tutta la durata di quella straordinaria riunione e poi della cena, in una stanza buia… ci fu la luce… Qualcuno, li stava osservando in silenzio! Erano le due Elite! Vollero, anche loro, gioire per quell’incontro! I Scelti con i Prescelti, comunque, avvertirono la loro presenza, anche senza vederli. Volpe, fu trattenuto da Dragur… Voleva correre dal suo volpacchiotto! Fux, voleva far lo stesso, ma si trattenne, anche perché c’era anche Koseidos! Non voleva, infatti, farsi vedere sentimentalista come il componente volpe, della Primula Azzurra… Ma, la voglia di leccare la sua Scelta era tanta… tanta, come quella del collega AZZURRO! Anche gli altri animali, avevano la stessa voglia… ma, si sa… LA LEGGE E’ LEGGE…

 

Quando la cena giunse al termine, i ragazzi soddisfatti, s’abbracciarono nuovamente, ma questa volta senza piangere! Decisero d’organizzare, ogni fine mese, una cena come quella! Era un modo per ricordare, e per stare insieme!

Verso mezzanotte, tutti ritornarono a casa! Solo Joseph, insieme a Michelle, stettero un po’ di più, per aiutare Ralph a lavare i piatti… L’unico a non volerlo fare, fu il Prescelto della fenice… Ma, dopo varie occhiatacce e rimproveri da parte di Joseph, mettendo il broncio, fu costretto a mettersi un grembiulino, e ad immergere le mani nell’acqua saponata, strofinando con una spugnetta, i piatti sporchi! Alla fine, i due amici, dovettero andar via, e quindi, salutarono Ralph, e ritornarono a casa.

Ralph, era rimasto solo, anche non avendo sonno, andò a mettersi il pigiama! Quella notte, aveva deciso di dormire sul divano! Quanta solitudine in quella casa… Una dolcezza ed una malinconia strana, avvolgeva l’ambiente!

Michelle, vedeva dalla sua finestra la luce ancora accesa della casa dell’amico, ed anche lui, preso da quelle sensazioni, si chiedeva cosa stesse facendo il Prescelto della volpe. Ralph, steso sul divano, guardava la TV, ed alla fine s’addormentò. Qualcuno spense le luci!

Volpe, s’accovacciò sulla poltrona, di fronte al divano del suo Prescelto! Lo vide teneramente dormire! Anche se gli era stato proibito da Pegaso, il quale, comunque, gli aveva dato l’autorizzazione d’andare da Ralph e, naturalmente di non farsi vedere, trasgredì l’ordine ed andò, saltando sul divano, vicino dal suo volpacchiotto. Gli si coricò vicino, leccandogli le mani! Questo durò per cinque minuti… Il ragazzo, sentendosi leccare, si svegliò di soprassalto, facendo spaventare il suo allenatore, che rizzò il pelo! “… Cosa? Ma… Volpe!! Tu qui?” Gridò Ralph, scorgendolo nella penombra! Volpe, a bassa voce, gli disse, supplicandolo: “Volpacchiotto!! Non gridare, per carità!! Se… se venisse a saperlo Pegaso… MI TAGLIEREBBE LA CODA!! Non avresti dovuto vedermi… ma… volevo stare un po’, ancora vicino a te!! Sai… ti voglio bene… Non so resistere senza averti accanto, e senza poterti parlare e vedere!! Ma… SISTEMERO’ ANCHE QUESTO!! Adesso… adesso ACCAREZZAMI!! Non posso stare senza di te… VOLPACCHIOTTO!!” Ralph, con le lacrime agli occhi, strinse a sé il suo allenatore, sentendone il calore, ed accarezzandolo dolcemente, gli disse: “Oh Volpe!! Anche per me, vale la stessa cosa!! Pensavo di non rivederti più… ed invece… ECCOTI QUI’!! OH!! Quanto sei bello!! La coda, le orecchie, le metà zampine nere, il tuo pelo arancione… il tuo petto bianco!! OH VOLPE!! Che creatura magnifica sei!! Ti prego… NON TE NE ANDARE!! Stammi vicino!! Non diremo nulla a Pegaso… Dobbiamo esser FURBI!!” Volpe, sorrise e disse: “Volpacchiotto!! Verrò in segreto, molto spesso a trovarti… Ma tu, non dire nulla a nessuno!! Nemmeno a Joseph ed a Michelle!! Dobbiamo tenere questo segreto!!” Ralph promise, e Volpe, stette ancora un po’ con lui, e poi andò via. Felice, Ralph, s’addormentò, pensando al suo componente dell’Elite.

 

Volpe, non fu il solo ad aver avuto quell’idea! Anche gli altri componenti dell’Elite fecero lo stesso… compreso Pegaso, che, trasformandosi in cavallo alato, entrò in quella bellissima forma, in camera di Clara, la quale svegliandosi, con le lacrime agli occhi, prese ad accarezzarlo con tenerezza infinita! Pegaso, le disse, sussurrando: “Clara!! Oh… figlia mia!! Verrò spesso da te, di notte, in questa forma… Ma, non lo dire a nessuno!! Nessuno dovrà scoprirlo!! Agli altri, ho negato questa possibilità… Se sapessero che ho trasgredito la legge, tra l’altro, imposta da me, di sicuro mi punirebbero!! Devo stare attento, soprattutto a Phoenix, ed a quell’unicorno di Unix… per non parlare di Zoor, che andrebbe, di certo a dirlo a tutti!! Non sarei più capo dell’Elite, e questo sarebbe un grosso guaio!! Dunque… figlia mia… terrai questo segreto?” Clara, accarezzando la bellissima criniera bianca del cavallo alato, rispose: “Pegaso!! Non dirò niente!! Terrò il segreto, a patto che ti farai vedere ancora così!! Papà… TI VOGLIO BENE…” E gli diede un bacio in fronte con amore!

 

Insomma, la legge, era stata stravolta! La cosa bella, era che tutti sapevano, ma nessuno parlò! Decisero di farsi vedere dai Prescelti, una volta al mese, e, segretamente, continuarono anche a portarli nella loro dimensione, per allenarli! Perfino Phoenix con Michelle, fece così!

Non solo l’elite della Primula Azzurra fece questo… Lo fecero anche i colleghi della Primula Rossa! Qualcuno… pensò bene anche, di far riacquistare la memoria agli Omega, e non solo a loro… La ‘ COLPA ‘ era stata degli Alpha… Jogi, Orzak e la Regina… che, avevano avuto la visita, da parte d’un ANGIOLETTO!! Insomma, in gran ‘ SEGRETO ‘, tutti i gruppi erano stati ricostituiti! Perfino gli Dei, ne erano a conoscenza! Nessuno disse nulla! Ma… TUTTI SAPEVANO!!

 

Passarono i mesi… Ralph, si sposò con Sabrina, scegliendo lo stesso giorno di Cleo con Ely… Così, fecero anche Joseph e Clara! Fu una gran festa, ed una bellissima cerimonia… Ralph, ebbe, come stabilito, Michelle come testimone! Furono invitati proprio tutti… persino Christian, con la sua famiglia, Raphael, Federico ed Alberto, che intanto s’era fidanzato con Angelica! Anche gli Scelti accettarono l’invito… In oltre, c’erano anche Robert e David e Lucy, Samuel, Patrik e Mohammed! Furono invitati, anche gli Alpha. Proprio durante il pranzo al ristorante, Clara, annunciò d’essere incinta! Aspettava un maschietto ed una femminuccia! Gli avrebbero chiamati, Giuseppe ed Annalisa! Un cavallo alato, insieme ad un unicorno, agli avevano confidato, anche, un’altra cosa… I due bambini, sarebbero diventati CAVALIERI SUPERIORI… Proprio come il piccolo Max, che era cresciuto… Rispettivamente, avrebbero avuto l’effigi dell’ARIETE e dell’ACQUARIO! Tutto questo, con gran orgoglio di Joseph… loro padre!

 

Nemmeno la scrittura sull’agenda, smise! Ormai, era ricca di pagine e pagine, poiché, anche Sabrina, che ormai viveva insieme a Ralph, con l’aiuto di Lucy, che si portò dietro anche Samuel… (si erano fidanzati anche loro… N.D.A.), vollero dare la loro testimonianza, interpellando, inoltre, anche Patrik e Mohammed! Raphael, con Christian, ebbero molto da fare, per la stesura del racconto! Non è comunque, dato sapere, quante agende e quante penne, furono consumate da Ralph, Michelle e Joseph, che ancora, insisteva nel voler scrivere, con enorme disappunto, visto gli errori che ancora, il Prescelto del drago, continuava a fare, di Raphael, che dovette correggere il tutto! Ma Michelle, ancora, prendeva le agende, e continuava a far ridere Ralph, ed ora anche Sabrina, leggendo e sottolineando in modo comico gli scritti di Joseph, che s’arrabbiava… “Se non la smetti, Michelle… GALLINELLA SPENNACCHIATA a leggere in questo modo… TI FARO’ ARROSTO!!”… Ma, sotto sotto, rideva anche lui!

Il padre di Christian, essendo editore, aiutò Raphael, a lavoro ultimato, a pubblicare l’enorme volume… Si scelse, di farlo uscire a puntate… Ma, la stesura dello stesso… visto che le avventure di tutti non erano terminate… continuò ad oltranza!

Ralph con Sabrina, ebbero anche loro una figlia! Decisero di chiamarla Carmen, come Earth… Ma, dopo un anno, arrivò anche il piccolo Daniel… un volpacchiotto come suo padre… Phegeus, ebbe il suo bel da fare, per andare di notte, dai quattro bimbi, figli dei Prescelti… naturalmente, aiutato dal piccolo Pex e da Pheg…

Anche Giusy con Mark, si sposarono dopo qualche tempo…

 

Pure il lavoro per i Prescelti, andò bene! Ralph, riuscì a creare una Softhouse tutta sua, che ebbe molto successo! La chiamò FOX SOFT!

Michelle e Clara, fecero strada in ospedale, anche perché, tutti i pazienti affidati alle loro cure, ne uscivano sanati in modo ‘ MIRACOLOSO ‘, e quindi, ne arrivavano continuamente di nuovi, con gran respiro e soddisfazione dell’intero nosocomio!

Luke e Grace, guadagnarono molto con la ‘ loro ‘ farmacia, e Luke, arrotondava i guadagni con l’altra sua attività… LA CARTOMANZIA! Con Grace, ed il suo yacht, fecero una lunga crociera, e la ragazza, riuscì a diventare, facendo un corso, istruttrice di nuoto in una scuola! Riuscì, inoltre, ad ottenere il patentino nautico, con l’aiuto d’un certo militare graduato della Marina Militare! Diventò anche, addestratrice di delfini nel tempo libero.

Cleo, riuscì ad essere assunto da Ralph, come programmatore, ma il suo desiderio, era quello d’iscriversi a medicina, per diventare, un giorno, oculista!

Joseph, aprì una palestra, e, riuscì col guadagno, a comprarsi una motocicletta con un’enorme cilindrata, con la quale, insieme a Clara, facevano lunghe passeggiate! La Prescelta del cavallo alato, convinse Joseph, a prendere lezioni d’equitazione!

Nicolas, completò gli studi, e s’iscrisse alle scuole superiori! Il suo sogno, era quello, un giorno, d’aiutare suo fratello in palestra… Intanto, prese lezioni di Karate…

 

Il tempo passò in fretta! Molte altre volte, i nostri eroi, furono richiamati sul campo di battaglia! Non smisero mai ad allenarsi e di combattere… ‘ CHI E’ PRESCELTO… LO E’ PER SEMPRE… ‘ avevano detto ai ragazzi! Infatti, proprio con l’aiuto dell’Elite e di Sagem, riuscirono a continuare a proteggere, al costo della loro vita, l’intero universo, con un solo grido nel cuore: AFTAES che è VITA e SPERANZA!

 

FORZA RAGAZZI! Voi siete i Prescelti per la LIBERTA’, l’AMORE e SPERANZA!! Continuate a proteggerci, ESPANDENDO con amore, all’INFINITO, le vostre AURE COSMICHE, come solo i Cavalieri possono fare!

 

Chissà… quante di queste straordinarie persone, abbiamo incontrato sul nostro cammino, senza sapere…

 

 

FINE

 

 

 

LEGNANO 12/06/18 Ore 11.37

 

Fameli Raffaele.

 

 

HOME DELLA SEZIONE

HOME