La pagina del CB

Pagina realizzata da Fameli Raffaele

LA RADIO NON E' MORTA ... INTERNET NON POTRA' MAI SOSTITUIRE UN MEZZO COSI' POTENTE ED ECONOMICO ALLA PORTATA DI TUTTI!!!

 

Iniziamo questa nuova pagina dicendo che non tutto l'ETERE può essere usato da noi. Molte FREQUENZE sono riservate ad enti diversi come per esempio la polizia che prima ho citato, carabinieri, vigili del fuoco, ambulanze ecc., per non parlare delle trasmissioni TV e RADIO (Quelle che trasmettono musica) e dei telefonini cellulari GSM. Noi ci occuperemo principalmente di una banda particolare che si trova sui 27 MHz, la Citizen Band ovvero la BANDA CITTADINA si trova su questa frequenza. Ma cosa è?? Perchè esiste una simile frequenza? Queste domande avranno una risposta al prossimo paragrafo.

Iniziamo con un po' di storia:

Le trasmissioni sulla banda dei 27 MHz sono state legalizzate in Italia solo di recente. In America già si trasmetteva liberamente in quanto alcuni avendo delle vecchie RADIO MILITARI e starandole, già trasmetteva, senza che il Governo degli Stati Uniti (Mooooolto liberale!!! Visto anche il paradosso delle pistole agli adolescenti a scuola!!) avesse nulla in contrario. Comunque, in Italia molti già trasmettevano all'inizio dell'anno 1970. Certi appassionati già a quella epoca, comprarono i primi BARACCHINI all'estero e li portarono in ITALIA, senza prevedere che sarebbero stati dei pionieri. Nel Bel Paese, non erano tollerate trasmissioni diverse da quelle della Rai o di altri enti e chi MODULAVA (parlava) attraverso l'uso del CB era considerato alla stregua di un delinquente comune e quindi perseguito a norma di legge. Ma i nostri eroi della BANDA CITTADINA non si arresero. Modulavano, si, ma di notte, montando e smontando la loro stazione stando attenti ai controlli delle autorità proprio come se facessero un furto o roba simile. Montavano le antenne sui tetti in modo che non fossero visibili dalla strada, e usavano degli pseudonimi per nascondere i loro nomi. Un po' come si fa ora in CHAT. Sempre in questi anni, comunque nasceva una associazione che intendeva legalizzare la BANDA CITTADINA. Stava venendo fuori la famosa FIR-CB, la federazione dei CB italiani. Vere e proprie guerre al Ministero delle Comunicazioni si fecero sempre più comuni, tanto da fare una vera e propria "Marcia su Roma" per rivendicare la "LIBERTA' D'ANTENNA" che era tanto ambita. Lo Stato, comunque non poté sottrarsi da questa richiesta, anche perchè tra i BANDITI CON IL BARACCHINO c'erano anche dei politici. Proprio così!! Degli onorevoli della Camera dei Deputati. Qualche nome? Perchè no! L'Onorevole Francesco Cossiga che si faceva chiamare in frequenza "Handy Capp". Ecco che lo Stato decise di liberalizzare la BANDA CITTADINA con il D.M. 23 aprile 1974 che indicava le frequenze destinate al popolo, sempre più in crescita, dei CIBBIISTI, cioè da 26.295 KHz a 27.275 KHz, e fissava in oltre le norme tecniche per l'utilizzazione di tali apparati. UNA VITTORIA SFOLGORANTE!!!!!

Nella prossima pagina parleremo del CB e del suo funzionamento.

VAI ALLA PROSSIMA PAGINA

HOME