IL LIBRO DI JOGI

 

 

Capitolo 4 (PREDE E PREDATORI. LA MORTE. L’ERRORE DELLA CREAZIONE ED IL SECONDO INCOTRO CON SAGEM)

 

Come al solito, il sole tornò a risplendere sulla terra! Io e la Regina, insieme ad Orzak, ci andammo cercare cibo ed acqua. Il mio compagno fenice, si scusò per quello che aveva fatto alla Regina, e quella, lo perdonò! Disse che non sapeva cosa l’avesse spinto ad agire in quel modo, ma, io, avevo capito qualcosa… Dissi che si trattava di GELOSIA! A sentir questo, Orzak divenne cupo. Non sapevo ancora che quel sentimento, ci avrebbe portato a qualcosa di molto molto brutto!

 

Ma, la vita riprese come sempre… Creazione e stupore! Tutti i nostri animali, avevano ancora creato altri esseri stupefacenti, per colori e diversità! Mi divertii a vedere correre le zebre create da Soprannatural, ma, poi, io ed i miei due compagni, assistemmo a qualcosa che non avevamo mai visto prima… Una zebra, fu attaccata da un leone! Vedemmo il FELINO, così l’aveva chiamato Eter, balzare in corsa, sopra l’equino, mordendola al collo! Ne uscì un liquido ROSSO!! Orzak, lo chiamò SANGUE!! La zebra, rimase stesa al suolo, senza più muoversi! La Regina pianse… Disse che la zebra era MORTA! Chiamò MORTE quello stato! Capii che la zebra, aveva provato dolore fisico, proprio come aveva fatto la mia compagna quando era stata becchettata da Orzak, ma, quella cosa era andata oltre! Infatti, avevamo scoperto una cosa terribile… Appunto la MORTE!! Semplicemente, la zebra non era più in vita… Era come se non si fosse mai mossa! Dopo… accadde una cosa che ci fece molto male… Il leone, prese a cibarsi della zebra, davanti ai nostri occhi! Fu una scena molto cruenta! Io capii, che il leone non aveva fatto questo per cattiveria, ma per nutrimento… Anche la mia volpe, c’aveva detto che doveva nutrirsi degli animali, da lei stessa creati, ma, non ne avevo capito del tutto il senso… Però, in quel frangente, ripensai alle formiche che noi fenici mangiavamo!! Dunque, il nutrimento portava altre creature alla morte? Si!! Infatti, non pensammo mai, che le formiche potessero morire!! Eter, ci spiegò, che anche lui doveva mangiare per sopravvivere… e, l’unico modo per farlo, era UCCIDERE altri esseri… e, lui l’aveva già fatto! Comprendemmo!! Anche se era una cosa Naturale, ci siamo messi a piangere! Dunque… in quel mondo, c’erano due diverse specie di creature… Le chiamammo PREDE E PREDATORI! Noi, per le formiche e gli insetti, eravamo PREDATORI, mentre quelli erano PREDE… Non sapevamo ancora, che noi fenici, potevamo PREDARE, anche animali più grandi… Questo l’avremmo scoperto solo in seguito…

 

Dopo di quell’esperienza traumatica, sorvolammo il mare! Volevamo vedere Water! Volevamo gioire con i suoi bellissimi salti! Infatti, arrivammo, ed abbiamo visto cose stupende! Il mare, si era riempito di vita! Pesciolini rossi, guizzavano nell’acqua come per gioire… Vedemmo, anche, altri pesci nutrirsi di quelli, e abbiamo capito che anche nel mare vigeva la regola del NUTRIMENTO! Dovevamo, semplicemente, abituarci a tutto questo.

 

Però, Earth, ci venne a chiamare… Doveva comunicarci qualcosa di molto importante. Aveva visto alcuni suoi animali, essere stati dilaniati da qualcuno! Tutti negarono, interrogati dalla mia volpe! Nessuno, poteva essere stato tanto crudele a fare ciò! Non si trattava, infatti, di nutrimento! Venne da noi con le lacrime agli occhi! Scoprimmo così, che si poteva provare dolore anche per altre creature… proprio come io avevo provato per la Regina. La poveretta, disse, inoltre, d’aver visto nella boscaglia, vicino a quei corpi straziati, una strana creatura… simile a lei… ma, orrendo! Egli, non cacciava per mangiare… ma… per divertimento! Orzak, si ricordò del nostro primo tentativo di creare la volpe. Era stato lui? Si trattava d’una femmina oppure d’un maschio… La Regina, si preoccupò pure d’un'altra questione… Quella cosa avrebbe potuto creare altri come lui, o peggio altri mostri? A questo pensiero, tremammo! La mia volpe, disse: “… Se è così… va fermato!! E’ un maschio!! L’ho visto!! Ha anche tentato d’accoppiarsi con me… ma, per fortuna, non c’è riuscito, in quanto sono scappata…”

 

Come avremmo potuto fermarlo? Questo non lo sapevamo… La CRUDELTA’, come la Regina aveva chiamato quell’orrenda azione, era entrata di prepotenza nel nostro paradiso… Avrei voluto dirlo al Dio, ma non m’aveva ancora contattato! M’avrebbe punito anche per questo? Comunque, gli incontri con Sagem, dovevano rimanere, almeno per il momento, una cosa solo mia!

 

Il sole ancora era alto! Le nostre scoperte, nemmeno per quel giorno, non si fermarono… ma, dovevo ancora capire molte cose di noi fenici…

 

L’occasione per capire, si presentò anche molto presto! Fire, iniziò a parlare male di Water… Diceva che l’elemento acqua non era potente come il fuoco! Dal canto suo, Water, diceva che il suo elemento, era stato capace di spegnere un fuoco! Lo aveva sentito dire da un gabbiano. Chiamarono noi fenici per sciogliere il dilemma! “Jogi… Il delfino dice che l’acqua è più forte del fuoco… ma, io so che non è così!! Io lo posso creare!! Non c’è nessun elemento al mondo come il mio, che SONO IL PIU’ FORTE!! Lo dice anche la mia compagna!!” Disse Fire, guardando male Water, trasformata in cigno. Quella, guardando il drago con aria di sfida, disse “… Cosa dici Fire!! L’acqua spegne il fuoco, e porta la VITA!! Nessuno può vivere senza BERE!! Nemmeno tu!! NESSUNA CREATURA PUO’ FARLO!! Tu, invece, porti solo distruzione!!” Ma, restò vicino a noi… forse per paura! Era la prima crisi! Sagem, m’aveva detto che io rappresentavo L’EQUILIBRIO… E, sol allora, mi resi conto di quello che il Dio voleva dire. Mi misi in mezzo, e, con le ali aperte, dissi: “Smettetela!! Ogni ELEMENTO è importante per la VITA!! Non fatemi piangere… Non fatemi essere triste!! Io… io voglio GIOIA!! Fire… Chiedi scusa a Water… Acqua e fuoco devono convivere!! Vi voglio bene… CREATURE MIE!!” Come avrebbe detto Soprannatural, ‘ magicamente ‘, i due contendenti fecero pace! Ecco!! Ora, sia io che la Regina ed Orzak, capimmo un altro nostro compito!! Volarono due colombe bianche… Dunque… l’AFTAES, che noi rappresentavamo, doveva portare, non solo l’EQUILIBRIO, ma la PACE… Forse, i due termini erano sinonimi?

 

Dovetti anche placare, con l’aiuto dei miei compagni fenici, anche altri animi… Però, quello che non riuscii a fare, era stato calmare Air e Earth, che, nonostante fosse passato tempo, ancora ingelosite, si guardavano male! Anche per quello, avrei dovuto far qualcosa!

 

Intanto, le tragiche uccisioni del nostro ERRORE, continuavano! Orzak, capì che il creare, poteva anche portare DISGRAZIE, come lui le definiva… In pratica, dovevamo limitare la creazione, a ciò che era SOLO necessario! Infondo, Sagem, aveva detto d’usare le stele… ma… con la creazione dei miei sei animali, che amamo più della mia vita, quelle erano scomparse… Dovevo stare attento!! Adesso, dovevamo fermare l’ERRORE!

 

Decisi, visto che quella cosa era simile alla mia volpe, di parlare con lei! Era evidente, che lei, era la sola a poter far qualcosa! Io, non volevo l’uccisione d’una creatura… Ero per la VITA e non per quella cosa dolorosa che era la morte… tuttavia, se non si poteva far altro, avrei dovuto chiedere a qualcuno di farlo per me!!

 

Trovai la mia volpe, nella sua tana! Era solita passare le ore del giorno in un antro con due entrate. M’accolse leccandomi! Le dissi: “… Mia Earth!! Ora, non possiamo più attendere!! Purtroppo, per un nostro errore, mio di Orzak e della mia amata Regina, è nato quel mostro! Dovremo fermarlo… ma, non voglio uccisioni!!” Earth, rispose che avrebbe dovuto metterlo sotto il suo controllo, mordendolo! Infatti, quello era l’unico modo di poterlo controllare! Capii che se un animale, veniva morso con l’intenzione del controllo, quello doveva portare rispetto! Però, anche per questo, bisognava stare molto attenti! Dissi: “… Oh mia volpe!! Porta il mio messaggio a tutti quelli che possono CREARE, di non mettere sotto il loro controllo, animali d’un altro ELEMENTO!! Potrebbero accadere grossi guai… e, purtroppo, io, sono responsabile d’alcuni di essi!! Stanotte, chiederò scusa a tutti!! Anche a nome di Orzak e della mia Regina!!” La mia volpe, abbassando il capo, scattò via dalla tana, per andar a cercare l’ERRORE, e per riferire a tutti le mie parole.

Intanto, Orzak udì le mie parole, e s’avvicinò a me, confortandomi con il suo calore, ma nei suoi atteggiamenti, un’ombra…

 

Non calò il sole, quando, mentre ero con Orzak, mi sentii chiamare… Era Sagem! Spaventato, dissi al mio compagno, di ritornare nella grotta, e di stare con la Regina! Non gli spiegai il motivo. Lui, s’alzò in volo, ed andò a casa. Ma, non ero solo! Non m’ero reso conto che la mia volpe era lì! Ancora, non era riuscita a trovare l’ERRORE, ma aveva detto a tutti che quella notte avrei dovuto parlare!

Anch’io, seguendo la voce del Dio, spiccai il volo, e, furbescamente, senza farsi sentire, Earth, mi seguì! La mia volpe era molto scaltra e furba… Quella era una delle sue doti principali…

 

Andai dentro la foresta, e lì, vidi di nuovo Sagem… il mio Dio!! Quello, s’abbassò verso di me, che avevo appena toccato terra, e m’accarezzò a lungo… Io piansi!! Ero stupito!! Forse, non sapeva nulla del mio fallimento? “… Perché piangi, oh mia dolce fenice? Cos’è accaduto?” Mi disse… Io, risposi: “… Oh mio Dio… Ho fallito nel compito che m’hai affidato!! Non sono stato capace di portar EQUILIBRIO!! Gli animali da noi creati, continuano a litigare!! E poi… Ho commesso un errore nella creazione della volpe…” Quello, asciugando le mie lacrime di dolore, sorridendo, disse: “… So tutto!! So anche che presto, piangerai per lenire un dolore profondo!! Ma, non ti devi scoraggiare! Tu sei ME!! Presto, ti presenterò ad un altro Dio… Forse, il Dio più misterioso… FATO!! Ma, adesso, ti devo parlare!! Dovrete, come già sai, tu ed Orzak con la Regina, procreare! Ma questo, accadrà tra un po’ di tempo… Intanto, sappi, che dovrai incominciare a scrivere il TUO LIBRO!! Ti dono la capacità della scrittura mentale!! Con questa, i tuoi pensieri, verranno stampati! Oh Jogi… Questi scritti, serviranno da monito ad esseri particolari che verranno dopo… Questi, avranno il compito di rappresentarvi, quando non ci sarete più!! Dovrai, comunque, tra poco, anche affrontare il fuoco per la RENATUS IGNE… Dovrai RISORGERE DALLE TUE CENERI… Così, dovranno fare anche Orzak e la Regina!! Sarà doloroso, ma inevitabile!! Voi fenici, rappresentate la VITA… Ma, per voi, essa è anche DOLORE!! Oh!! Vorrei evitarti tutto questo… ma, non posso!! Sappi, però, che hai un’alleata fedele… Ora, ci sta osservando… Sarà lei, a farti provare, non per sua colpa, un dolore profondo, che, comunque, si rimarginerà e ti porterà ad un’amicizia ancor più grande nei suoi riguardi… Ti dico anche un’altra cosa… AMA ORZAK!! Fato m’ha parlato anche di lui!! So che già gli vuoi bene… e so, anche, che non hai capito il suo gesto… Comunque… NON SEI STATO L’UNICO A COMMETTERE UN ERRORE… Forse, avrei dovuto pensarci prima… Ora và… S’è fatto tardi… Ricordati di SCRIVERE!! Questo permetterà a degli EROI di scoprire sé stessi… Manda, attraverso le pagine del TUO LIBRO, anche dei messaggi a LORO!! Saranno di conforto nelle avversità che dovranno vivere!! Ricordati, che dopo di voi, ci saranno LORO a proteggere tutto quello che avete creato!!” Non capii, ma, lo stesso, feci un giuramento a Sagem… Abbassai la testa, e poi, volai via. Il Dio, scomparve… Non era arrabbiato con me… ma, adesso provavo sensazioni strane… Cosa significava RISORGERE DALLE CENERI? E poi, perché noi fenici dovevamo soffrire? Dunque… la VITA ERA DOLORE? No!! Non ci credevo… Poi, chi era la MIA ALLEATA? Non lo sapevo… Questo mi tormentò, durante tutto il mio viaggio fino alla mia, anzi, nostra grotta! C’era anche un’altra cosa che non avevo capito… Io già amavo Orzak… Che senso aveva amarlo di più? Era come me… una fenice!! Eravamo nati insieme… Poi, il Dio, disse d’aver commesso un errore… Non riuscivo a capire… e nemmeno ne potevo parlare con qualcuno… Forse, durante un nostro nuovo incontro, avrei capito… Adesso, dovevo SCRIVERE… Non solo per me, ma anche per altri, che già cominciavo a voler bene, senza nemmeno averli mai conosciuti!! Dovevo mandargli dei messaggi… Ma, chi erano? Avrei dovuto chiederlo a Soprannatural, poiché capivo, che era l’unico a potermelo dire…

 

 

HOME DELLA SEZIONE

HOME