IL LIBRO DI JOGI

 

 

Capitolo 10 (LA PRIMAVERA ED IL RISVEGLIO DELLA NATURA. LA PRIMULA BIANCA. I PRIMI MIRACOLI DI VITA)

 

Come d’incanto, la PRIMAVERA era giunta! Tutta la vita, ormai, s’era svegliata in tutte le sue stupende sfumature! Le creature, contente d’esser vive, gioivano del calore riacquistato, dopo le sofferenze del passato INVERNO.

 

Eravamo tutti estasiati ed eccitati! Il freddo, aveva lasciato il posto al tepore, ma, nonostante tutto, ancora, certe volte pioveva, ma, era una pioggia gentile che non durava molto. I ruscelli, gorgogliando, portavano nutrimento e dissetavano gli animali che, così, potettero mangiare e bere a sazietà! Si stavano svegliando anche gli animali che erano caduti nel letargo invernale! Insomma, la RESURREZIONE DELLA VITA!

 

Ancora non lo sapevamo, ma quella stagione, avrebbe portato gioia, amore ed anche molta tenerezza e stupore! Il tempo rallentato, aveva così creato un nuovo equilibrio… equilibrio che io, la mia Regina ed Orzak cercavamo di amministrare con dolcezza e gioia. Ancora, ci furono scaramucce legate a Fire ed a Water, come anche con Air e Soprannatural, per via degli elementi che sembravano esser opposti, ma, alla fine, sempre noi fenici, riuscivamo a far scemare gli attriti. Soprannatural, con i suoi poteri magici, guariva gli animali che si trovavano in difficoltà, e si scontrò molte volte con la giumenta alata. Air, sosteneva che la guarigione appartenesse alla sua specie, così, venne da noi per sottoporci il delicato quesito. Anche quella volta, riuscimmo a far mandare via il malumore. L’unicorno, avrebbe usato i suoi poteri guaritivi, senza intralciare l’operato del cavallo alato. Avrebbe, solamente, usato la magia per vedere all’interno del corpo, come aveva fatto con Earth… ma, sotto sotto, usò ancora la GUARIGIONE MAGICA, per far star bene le creature! L’unicorno, inventò anche l’ALCHIMIA… Riuscì a trasformare alcuni sassi in una cosa che lui definì ORO… proprio come le nostre piume… Cercò, anche di mettere in guardia gli animali, dalle insidie dei funghi… Infatti, molti erano tossici! Spiegò quali mangiare e quali no! Fu molto utile! Io stesso, fui guarito da lui, poiché avevo assaggiato uno di quelli! Stetti malissimo!! Dolori atroci… Però, egli mi guarì come la mia volpe! Fu eccezionale… Mi salvò la vita! In quell’istante capimmo che noi fenici, proprio come aveva detto Fire, non eravamo immortali… potevamo anche morire! Questo ci fece molta paura…

 

Comunque, la vita era ripresa in modo bellissimo! Lo stupore, cresceva ogni giorno di più… Il bello, però, doveva ancora arrivare! Ah!! Quanta bellezza e quanta gioia! Però, Orzak, seguendo la mia Regina, stava per scoprire le due uova che aveva deposto! Per fortuna, anche se dolorante, Air, insieme alla mia volpe anch’essa in preda ai dolori che danno la vita, riuscirono a distrarre il mio compagno… così, la cosa, per il momento non venne scoperta.

 

Una bella mattina, vicino alla grotta, notai qualcosa di bellissimo! Era quello che la Regina, tanto tempo prima, aveva chiamato FIORE, ma… quello era diverso da tutti gli altri… Era un fiore di color bianco… Notai che aveva sette petali! Non so perché, ma nel vederlo, mi vennero in mente le mie creature e noi fenici!! Decisi, visto che era il primo fiore ad essere spuntato, di chiamarlo PRIMULA… Chiamai tutti, e decretai, che da quella volta in poi, quello sarebbe stato il nostro simbolo… simbolo d’Amore, Unione, Equilibrio ed anche, come aveva detto il Dio, Speranza!! Quel tenero fiorellino, diventò per noi segno di VITA!

 

Fu proprio la VITA a chiamarci… Infatti, da qualche giorno, la mia volpe guaiolava di dolore… Erano dei dolori acuti che non la facevano nemmeno respirare! La poveretta, s’era rintanata in un’altra grotta poco distante dalla nostra! Il compagno, da lei creato, le portava da mangiare, ma essa rifiutava il cibo! Gli ringhiava contro… come faceva anche con tutti noi! Soprannatural, era preoccupato di questo! Non l’aveva mai vista comportarsi in quel modo! Nemmeno le varie guarigioni sembravano portar frutto! Pensavamo che stesse per morire, ma, l’unicorno, ci disse che non era così… Ah!! Per quanti lunghi giorni tutti noi, stemmo davanti a quella grotta trepidanti… Le urla della volpe, spezzavano il cuore! Orzak, non riuscì a trattenersi, ed anche lui, si mise a piangere su un albero! Non riuscivamo a capire… Perché tanta sofferenza? Anche Air nitriva di dolore… L’unica a capire fu la mia Regina, che, vide in mare, soffrire anche Water… Eter, ci riferì che anche altre creature stavano soffrendo nello stesso modo… Era, evidentemente, il DOLORE CHE DA’ LA VITA!!

 

La mia volpe negava la presenza di tutti!! Ci ringhiava contro minacciosa, ma, non poteva muoversi!! In quella buia grotta, s’era accovacciata proprio in fondo, dove la luce non poteva entrare! S’era preparata un giaciglio fatto con erba secca! Guaiva e si lamentava, ma una sera i suoi guaiti si fecero ancor più acuti! Corremmo tutti… La poveretta non si muoveva più… non ce la fece neppure a ringhiare! Notammo che la sua bellissima coda, suo vanto, era tutta sporca! Respirava a fatica, contraendo il suo corpo… Ad ogni contrazione, un urlo di dolore! Mi misi a piangere, ma la Regina, coraggiosa, le andò vicino, e cercò di consolarla. Sembrava tutto inutile, ma ad un tratto, un latrato fortissimo! La mia volpe, alzò la coda… Da dietro, da dentro di lei, uscì un qualcosa che ci fece tremare! Sembrava essere un sacco trasparente… Molto liquido… Pensammo fossero le sue interiora, ma, vedemmo qualcosa muoversi in quel involucro! Ci spaventammo!! Cosa mai poteva contenere quella cosa? Ad un tratto, altri latrati ed altre cose uscirono da lei… La Regina capì… Solo lei!! Con stupore, ci avvicinammo, compreso Soprannatural da lupo, e notammo dei batuffoli di vita!! La mia volpe, ci ringhiò contro!! Non voleva che ci avvicinassimo!! La Regina ci disse che essa voleva difendere quelli che chiamò CUCCIOLI!! Erano i suoi figli!! Erano otto!! Era l’ISTINTO MATERNO!! Noi, in quel momento, eravamo PREDATORI, e la MADRE, doveva difendere il suo bene più prezioso!! Restammo incantati… Alcuni erano volpacchiotti ed alcuni erano lupacchiotti!! Era evidente che Earth, essendosi accoppiata con l’unicorno da lupo e con il suo compagno, aveva dato alla luce cuccioli delle due specie!! Aveva scelto il lupo, anche per istinto… infatti, ogni madre, così capimmo, vuole che i suoi figli siano forti, anche per poter sopravvivere ad eventi negativi, come le cattive condizioni meteo, oppure ai predatori… Il Dio, in seguito, limitò la PROMISQUITA’ DI SPECIE, solo alle nostre creature… Tutte le altre, avrebbero dato figli della loro Natura! La mia volpe, allora, fece una cosa molto bella! Si mise a mangiare quella che la Regina chiamò PLACENTA, e poi, si mise a leccare con tenerezza quei batuffoli di vita, che ora guaivano, ma, per fame! I cuccioli, senza che nessuno gli avesse mai spiegato nulla, s’attaccarono alle mammelle della loro mamma, e si misero a succhiare allegramente il liquido che è NUTRIMENTO! Una scena che fece piangere tutti i presenti… anche Air e Fire che erano rimasti fuori. Fire, spiegò che i draghi non avevano le mammelle! I cuccioli, venivano nutriti dai rigurgiti di cibo…

 

Tutto questo, durò per parecchio tempo! Sia Soprannatural che il papà volpe, portavano ad Earth cibo! I cuccioli dovevano essere sempre sorvegliati!! Infatti, un’aquila, che capimmo essere un predatore naturale per le volpi, poteva anche attaccarli per nutrimento! Anche se noi fenici eravamo predatori, proprio come lo era l’aquila, facemmo i turni per sorvegliare quella meraviglia!! La mia volpe meritava tutto!!

 

Dopo qualche tempo, anche Air cominciò a nitrire di dolori acutissimi…. Spesso scompariva per andare in un prato, dove si coricava… Nei suoi occhi il pianto… Stava malissimo!!

 

I miracoli di vita, successero anche in altre specie di creature!! Le cerbiatte, create da Soprannatural, generarono bellissimi cerbiatti, così anche i leoni, le tigri e tutti gli animali, diedero alla luce i propri figli… purtroppo sempre soffrendo… Questo non lo capivo!! Mi sembrava una cosa ingiusta!! Perché soffrire per dare la vita? Dunque, la vita era SOFFERENZA?

 

 

 

HOME DELLA SEZIONE

HOME